Vince Renzi e il Pd cambia verso. Ora da che parte andrà?

Renzi segretarioHa fatto un bel discorso, il nuovo segretario del Pd. Del resto, avendo da mesi la certezza (o quasi) della vittoria, ha avuto anche il tempo di scriverlo, correggerlo, limarlo.  A parte qualche fanfaronata qua e là mi è piaciuto. Giusto che il partito “cambi verso”, ma è anche vero che “le cose si cambiano cambiandole”, come esortava Civati. E come si cambiano. Vedremo. Intanto godiamoci la promessa di abolire le correnti, a cominciare dalla sua. Non è poco, se ad essa si accompagnerà l’impegno ad ascoltare la base più di quanto abbiano fatto i suoi predecessori. Se il sangue di idee e di proposte potrà circolare liberamente dai cicoli alla segreteria e viceversa, a nutrire il partito e indirizzare le istituzioni. Se il partito dell’Io che Matteo Renzi ha dato a molti l’impressione di rappresentare diventerà , e non solo retoricamente, il partito del Noi (nandocan).

di Giorgio Santelli, 9 dicembre 2013* – Quando è passata da poco l’una, anche i numeri si fermano. Come succede in una partita di scala quaranta quando uno dei giocatori chiude: si da forfait. Non c’è più partita. Non c’è storia. Matteo Renzi è il nuovo segretario del Partito Democratico. Per la prima volta un ex democristiano siede sulla poltrona più alta che un tempo fu di Palmiro Togliatti e poi di Enrico Berlinguer. Sì, questo non va dimenticato. Perché è vero che il Pd è un partito nuovo, ma è pur vero che il percorso è stato voluto soprattutto dal Pci che divenne Pds poi Ds che alla fine, come componente di maggioranza, ha dato vita insieme alla Margherita al Partito Democratico. All’unico erede di quella storia tra i candidati alla segreteria, Gianni Cuperlo, un misero 18%.

 

Per assurdo è andata meglio a Pippo Civati, l’outsider, che arriva ad un 14,2%, un risultato inferiore. Ma ha proposto, Civati, l’ipotesi di un nuovo progetto di sinistra che ha permesso al giovane che alla prima svolta di Occhetto aveva solo 14 anni, di ottenere importanti consensi in regioni come la sua Lombardia, il Piemonte, il Veneto, il Trentino, la Liguria e la Valle d’Aosta. Al nord e al nord est la sua è la seconda proposta politica in quei territori dove i consensi del sindaco di Firenze restano sopra il 50% ma non sono bulgari. Un risultato, poi, che risulta ancora più apprezzabile poiché è l’unico che ha fatto davvero a meno della “dirigenza” del partito che ha scelto Cuperlo oppure è salita per tempo sul carro del vincitore.

Non è forse un caso che Matteo Renzi vinca nelle regioni rosse dove ottiene percentuali sopra al 75%: Toscana, Umbria, Marche e poi al 72% in Emilia Romagna. Cuperlo supera il 30% in Basilicata e Calabria, quasi lo raggiunge in Campania e in Sicilia, intorno al 25% in Puglia e in Sardegna ma precipitando al 10% nelle Marche, al 15% in Emilia Romagna e in Umbria, all’11% in Toscana.

Ora il partito cambia verso. Un ex democristiano è alla guida del partito e un altro ex democristiano alla guida del governo. Renzi dice che non sarà la fine della sinistra ma quella di un gruppo dirigente. Su questo c’è da credergli. Una classe dirigente che è stata sempre di provenienza Ds. Lo è stato Fassino, poi Veltroni e poi Bersani. Sullo sfondo anche D’Alema che congedò Prodi per ottenere per la prima volta la presidenza del Consiglio come ex comunista. E gli errori di quella classe dirigente, di provenienza Pci-Pds-Ds sono stati talmente grandi che il partito, pur di sopravvivere, si è spostato da un’altra parte. E lo ha fatto proprio a partire da quelle che erano da sempre le regioni rosse.

Il partito cambia verso. Lo si è visto anche dentro al Nazareno, piccola copia di quel Bottegone che riusciva a contenere un grande partito che ora non c’è più. Per la prima volta nessuno è passato lì per festeggiare o per esprimere la sua delusione. Come se tutti, in ogni caso, volessero prendere le distanze dal “palazzo”. Dentro il Nazareno sono rimasti solo Davide Zoggia e il segretario traghettatore Guglielmo Epifani. C’è aria di rottamazione, insomma. E tra poco arriverà  Matteo Giulio Cesare. Superando l’Arno dirà alea jacta est. Alla testa di un esercito di elettori proverà a rinnovare. La traduzione corretta fedele alla lingua greca della versione di Svetonio sarebbe “sia lanciato il dado”, ovvero “cominci l’azione, l’impresa”. E sarà un’impresa. Basta che, come allora, non si trasformi nel principio della fine. Promette collegialità, Renzi. Dovrà giocare una partita difficile: stare al governo ottenendo risultati senza perdere consensi e conservare così i voti necessari per battere il centro destra. Avrà un partito facile da governare per i numeri in suo possesso ma la cui unità sembra per ora frutto di unanimismo.  Dall’altra parte ha un Berlusconi agguerrito e un centrodestra che, dividendosi, è ormai sia partito di lotta che di governo. Un’impresa ardua. Auguri.

*da articolo 21, il grassetto è di nandocan.

 

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

gtag('config', 'GTM-K2KB4MR', { 'send_page_view': false });
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: