Un fantasma si aggira per l’Europa..Caffè greco

“Ha vinto la speranza” è il nuovo slogan di Syriza dopo il trionfo elettorale di ieri. E quale sia questa speranza Tsipras l’ha ripetuto centinaia di volte nel corso della sua campagna elettorale: “Nessun bambino deve vivere senza mangiare, senza un libro, senza asilo nido; nessuna persona deve morire senza aiuto perché non ha soldi; nessun giovane deve accettare di vivere senza un’educazione degna di questo nome e la prospettiva di un lavoro”. Sono da sempre le priorità obbligate per qualunque forza politica al mondo voglia chiamarsi di sinistra, ma per esserlo veramente dovranno essere accompagnate dai fatti (nandocan).

Mineo Corradino alganewsda Corradino Mineo26 gennaio 2015 – Il titolo più bello è di Costa Gravas, “La Grecia che cambia l’Europa”. Naturalmente è una speranza. La parola “trionfo” la troverete in bella evidenza e in prima pagina su Repubblica, Stampa e Corriere. Trionfo contro chi? Giannelli mette Angela Merkel tra le cariatidi dell’Acropoli. Più che il Cancelliere tedesco, che da grande dorotea qual è, saprà dosare trattative e minacce per ingabbiare la novità Greca, in queste ore si agita il mondo della speculazione finanziaria. “La vittoria della sinistra greca rappresenta una sfida per la costruzione dell’Euro”, scrive il Financial Times. Sergio Romano, sul Corriere,  risponde però che se l’Unione dovesse rompere la corda con Tsipras, “I grandi Paesi, dagli Stati Uniti alla Cina, penserebbero che l’Europa di Bruxelles e Strasburgo è soltanto una costruzione utilitaria e contingente, priva di qualsiasi motivazione ideale, pronta a sbarazzarsi del più vecchio dei suoi passeggeri se la barca s’imbatte in una tempesta. E da questa constatazione trarrebbero inevitabilmente conclusioni negative sull’autorità e sull’affidabilità del progetto europeo”. Non fa una grinza.

Mentre certi suoi droni rosicano disorientati in rete, Renzi ha capito al volo che i rapporti di forza in Europa sono cambiati questa notte. Così pare voglia offrire dialogo e sostegno a Tsipras e ha incaricato della trattativa Gennaro Migliore, fino a ieri comunista di SEL. Saggia scelta. Il nuovo governo greco ha bisogno di alleati. L’Italia ha bisogno che cadano due tabù dell’Europa peggiore. Il primo pretende che il rigore sia la cura (si è visto che non guarisce ma uccide il malato) per la crisi che viviamo. Il secondo pretende la restituzione del debito (nei tempi e con gli interessi pattuiti) anche quando ciò metta a rischio la coesione sociale e ingrassi solo l’1% dei ricchi.  Il Giornale e l’altro Nazareno diffidano: “Comunisti al governo, occhio!”

Torniamo sul trionfo. 8 punti percentuali più di Nuova Democrazia (guidata da Samaras, personalità – sia detto – non trascurabile). Il Pasok (socialisti europei, una volta primo o secondo partito) affonda come il Titanic, sotto il 5%. Syriza non ottiene il premio di maggioranza (50 deputati su 300 seggi), previsto per chi “vince” anche di un voto, ma in Grecia è obbligatorio votare e non c’è doppio turno. Così, come direbbe un ben noto piazzista dell’Italicum, non si può essere certi di incassare la maggioranza assoluta dei seggi. (Per ottenerla il partito vincitore deve ottenere almeno 101 dei 250 seggi attribuiti con il metodo proporzionale, cioè più del 37% dei voti ndr). Tsipras pare l’abbia mancata per due voti e si farà appoggiare o dal partito comunista (5,5%) o da To Potami (6%). È chiaro come abbiano votato a sinistra non solo i tanti Greci che hanno perso il lavoro e hanno dovuto lasciare Atene per vivere di sussistenza nel campicello di famiglia, non solo giornalisti e professionisti ormai così poveri da non aver legna per scaldarsi l’inverno, ma anche buona parte della borghesia della capitale, che ha scommesso sulla speranza e sulla dignità della Grecia.

 “Critiche ridicole” così il Presidente del Consiglio replica ai rilievi che gli erano piovuti addosso dalle procure. Dunque è falso che la corruzione dilaghi, che le mafie occupino anche il nord, che la prescrizione resti intatta, che il falso in bilancio sia scomparso, che leggi recenti contro corruzione e auto riciclaggio non sembrino funzionare e che a Natale una manina abbia depenalizzato la modica quantità (3%) della frode fiscale? No, Renzi non entra nel merito, se la prende con le correnti, “più forti in magistratura che nei partiti”. Gli risponde Ferrarella, Corriere, che alcuni capi corrente dei giudici Renzi li ha messi al governo, a cominciare da Ferri. Persino il suo ex sottosegretario, Legnini, ora vice presidente del Csm, consiglia al premier prudenza.

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: