Travaglio e il green pass*

***di Massimo Marnetto, 20 ottobre 2021

Caro Marco,da abbonato, non sono d’accordo con te sul tema del Green pass. 
Io rivendico il diritto alla riconoscibilità (mancanza di green pass) e condivido il divieto di accesso in luoghi affollati per chi non è vaccinato, in quanto rappresenta un pericolo maggiore di contagio. Tu invece pensi che la riconoscibilità sia un’imposizione impropria, perché se lo Stato dà il diritto di non vaccinarsi, deve riconoscere anche quello eventuale di contagiare/contagiarsi.

Per me, non è così. Vaccinarsi è una facoltà che contrasta il diffondersi del Covid19, come affermato da scienziati e confermato dalle statistiche (maggiori vaccini, minori contagi). Chi ne approfitta ha più libertà perché è meno pericoloso; chi non ne approfitta ha meno libertà perché è più pericoloso. Tutto qui. 
Con condivisione per tutti gli altri temi.

*Per il giornalista l’obbligo della certificazione verde è “una forzatura” perché “non esiste in Europa da nessuna parte, non esiste nemmeno negli Stati Uniti, dove l’obbligo è stato imposto ai dipendenti federali, ma non a tutti i lavoratori. Credo esista soltanto in Arabia Saudita, quindi entriamo nel ‘rinascimento Saudita’.

Articoli recenti:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: