Tasinanta ora e sempre, amico mio

Antonio Cipriani su Remocontro, 16 gennaio 2022

Tasinanta, che non vuol dire niente e vuol dire tutto

Anche adesso, mentre scrivo, sono in Sardegna. Non sento il profumo del mare di Porto Pino, non vedo le dune e neanche percorro la lingua di terra di Porto Botte guardando lontano le vigne che si affacciano sulla meraviglia. Sento i motorini e le voci festanti della città, di Cagliari. Ma porto nel cuore il piccolo-grande uomo al quale dedicai quel testo sulla sapienza rurale, sulle mani che conoscono, sul cuore che riconosce e lo sguardo che vede distante dettagli che, disabituati da chat e strade trafficate, non vediamo neanche da vicino se ce li indicano.

Claudio. Contadino, vignaiolo, da sempre con le mani nella terra e con le dita delicate a carezzare i grappoli, a cogliere fiori, eroe di un mondo di sapienza e rispetto, di onore e rude gentilezza, ci ha lasciato. Si è spento l’ultimo giorno di un anno difficile. Portando con sé i suoi sogni e i suoi silenzi. Lasciandoci il ricordo della sua sovversione tenace, delle sue regole da mondo antico, delle strette di mani per siglare un contratto, dove il rispetto della parola aveva un senso. Un mondo che lentamente è caduto a pezzi davanti ai suoi occhi, lasciandolo sbigottito di fronte all’incedere tronfio di avventurieri cinici senza sentimenti, di profittatori ottusi alimentati da un’ignoranza assoluta, infarcita da indottrinamenti mediatici.

Non se ne faceva una ragione. Camminando nelle vigne raccontava della sua vita e delle sue storie in sardo. Io lo capivo poco, ma lo capivo. E soprattutto capivo che quando aveva a cuore un concetto, e voleva esprimerlo con precisione, usava la sua lingua madre, la lingua delle sfumature, della profondità del pensiero e della memoria che alimenta il futuro. Per tutto il resto poteva bastare l’italiano.

E poi mi ha insegnato la parola tasinanta. Lo ascoltavo e ogni tanto affiorava tasinanta a definire meglio le sue idee. Poesia del linguaggio: ci ho messo un po’ per capire che tasinanta vuol dire un sacco di cose diverse, a seconda del contesto. Cioè non vuol dire niente e vuol dire tutto.

E quindi, Claudio, tasinanta oggi è tasinanta per sempre. Nella memoria e nel cuore.

Articoli recenti:

  • Roma invernale
    Da Piazzale Garibaldi al Gianicolo il più vasto panorama sulla Capitale
  • Sulla elezione del prossimo Presidente della Repubblica
    la sostanziale passività e inerzia degli schieramenti che (almeno formalmente) si contrappongono alla Destra, che innanzitutto hanno reagito alla candidatura Berlusconi in maniera semplicemente ridicola, definendola con il termine del tutto improprio ed eufemistico di “divisiva”, invece di bollarla subito con quello ben più appropriato di “inaccettabile”.
  • Biden pentito: «Ogni ingresso russo è invasione». Armi Usa dai Baltici. ‘Casus belli’ a convenienza
    Il presidente Usa criticato per aver parlato di «incursione minore», prova a correggere. Oggi Blinken vede Lavrov mentre Washington approva la richiesta dei Paesi baltici di inviare armi americane all’Ucraina. Breve storia sui ‘Casus belli’ falsi più recenti e creativi.
  • Call center
    Ragazze e ragazzi che hanno un titolo di studio, a volte anche una laurea, ma nessuna opportunità, se non i ”lavoretti” o impieghi in nero o andare via.
  • Argentina
    Il cielo carico di nuvole oscure è anche la ineludibile metafora della nuovamente allarmante congiuntura economica argentina. Assorbito il primo COVID-shock, la ripresa ha realizzato risultati niente affatto scontati: export+ 9% nel 2020 e di poco inferiore nella contabilita’ previsionale dell’anno appena concluso, bilancia dei pagamenti in attivo, incremento della raccolta fiscale e del PIL (anche per il 2022: +2,2 secondo il pronostico della CEPAL). Le robuste sovvenzioni decise in sostegno al turismo interno per la stagione in corso hanno rianimato i consumi: soprattutto trasporti, industria alberghiera e commerci vari. Sebbene in parte calcolata nella strategia economica del governo, pero’, la inarrestabile inflazione (che somma il 50 per cento negli ultimi 12 mesi) strappa con una mano gran parte di quello che distribuisce con l’altra. E’ il cane che si morde la coda.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: