Ucraina, allarme di golpe a scadenza annunciata e rischi militari veri

Segnali di golpe in Ucraina il 1° dicembre, massimo il 2, dichiara il presidente Zelensky in conferenza stampa. «Ho ricevuto informazioni che un colpo di stato avrà luogo nel nostro paese il 1° dicembre. L’1 o il 2 dicembre». Il piano eversivo, ovviamente con l’aiuto russo, coinvolgerebbe anche l’uomo d’affari Rinat Akhmetov, stando a quantoContinua a leggere “Ucraina, allarme di golpe a scadenza annunciata e rischi militari veri”

Ucraina oltre il ridicolo, Innaro Rai espulso, peggio di Albano-Cutugno

Un saluto cordiale con  tutta la mia solidarietà al collega Marc Innaro. Episodi come questi la dicono lunga sul rispetto delle libertà democratiche in un Paese che molti tra noi considerano come l’avamposto della democrazia europea e occidentale davanti alla tirannia dell’Orso russo. Accidenti al meglio, potremmo dire (nandocan) ***di Ennio Remondino, 26 marzo 2019Continua a leggere “Ucraina oltre il ridicolo, Innaro Rai espulso, peggio di Albano-Cutugno”

L’abbraccio ad Orlando. I Tg di lunedì 13 giugno

Più che una tentazione, l’abuso delle testimonianze riprese dai social media è conseguenza diretta del compromesso fra i due principali obbiettivi che si pongono le testate, il maggior numero di ascolti con il minor costo possibile di tempo e di denaro. Che poi il servizio pubblico richieda criteri diversi da quelli in uso nelle tv commercialiContinua a leggere “L’abbraccio ad Orlando. I Tg di lunedì 13 giugno”

Bilancio militare Usa. La superpotenza divora 764 miliardi

Che gli Stati Uniti d’America avessero il bilancio militare più consistente del pianeta nessuno poteva metterlo in dubbio. Ma che la spesa federale fosse equivalente a quella dei dieci paesi che li seguono in graduatoria, ammetto che non riuscivo ad immaginarlo. Gli americani investono nella difesa, compresa ovviamente quella armata dei loro interessi politici ed economiciContinua a leggere “Bilancio militare Usa. La superpotenza divora 764 miliardi”

Nato sempre più a est in chiave anti Russia per arrivare a cosa?

L’amico e collega Ennio Remondino, nel suo sito RemoContro dove pubblica spesso notizie non facili da reperire sui giornali e in tv, riporta oggi l’annuncio della creazione di 6 nuovi comandi NATO in Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Romania. La Nato, osserva, gioca una strana partita dichiarata di prevenzione ma che somiglia alla provocazione. AllaContinua a leggere “Nato sempre più a est in chiave anti Russia per arrivare a cosa?”

Kiev e l’esercito corrotto rubano i soldi dell’armata. La Nato guarda da lontano

Ennio, non vorrei apparire cinico, ma almeno qualcuno se li gode quei soldi. Tanto contro la Russia qualsivoglia conflitto si risolverebbe in guerra mondiale e  il contributo dell’esercito ucraino sarebbe assai relativo. Parlando più seriamente, la mia proposta è che i soldi dell’armata vadano destinati alla sicurezza interna e ad investimenti civili e l’Ucraina si diaContinua a leggere “Kiev e l’esercito corrotto rubano i soldi dell’armata. La Nato guarda da lontano”

Quei piccoli Stati baltici tanto cattivi con Mosca

Per quanto riguarda il fermento anti-russo in Polonia, ho anch’io un ricordo personale. Nel 1971 mi trovavo per lavoro nei pressi del famoso santuario di Czestochowa. Un sacerdote del monastero mi stava accompagnando con la sua auto per un breve tratto di strada quando venimmo fermati dalla polizia locale per un’accurata ispezione. “Lo fanno spesso – miContinua a leggere “Quei piccoli Stati baltici tanto cattivi con Mosca”