Chiamata alle armi. Caffè del 26 aprile

 Sull’invio di soldati in Libia ho più perplessità di quante ne dimostri in conclusione, nell’articolo che segue, Corradino Mineo. Proprio perché credo che i tanti interrogativi giustamente posti dal collega molto difficilmente avranno risposta esauriente. E non mi pare che, a parte l’intensificarsi delle pressioni occidentali e di Obama in particolare, sia già avvenuto il cambiamentoContinua a leggere “Chiamata alle armi. Caffè del 26 aprile”

Libia, governo unitario Onu sbarca a Tripoli ed è caccia al tesoro

***La Libia è notoriamente un paese ricco, molto ricco, anche se la gran parte del denaro è nelle mani di pochi capi tribù. E una cosa hanno in comune i ricchissimi libici come quelli di altre nazioni. L’idea che in democrazia come in un regime dittatoriale, in una società evoluta come in quella tribale, a comandareContinua a leggere “Libia, governo unitario Onu sbarca a Tripoli ed è caccia al tesoro”

Libia tra fazioni e Isis. E l’Italia cerca spazio.

“Ministri moderatevi”, invita Ennio Remondino, riferendosi alle “voglie di protagonismo italiano” in Libia per compensare un ragionevole disimpegno sul fronte siriano. In attesa di un governo di concordia nazionale, ancora di là da venire anche se i giornali danno l’accordo per certo un giorno sì e l’altro no. Dopodiché una risoluzione del Consiglio di SicurezzaContinua a leggere “Libia tra fazioni e Isis. E l’Italia cerca spazio.”

Adesso tutta Siria ma la Libia ci aspetta

La Russia si mostra in Siria per comunicare a Usa e Onu che lei non ci sta ad una Libia bis. Una lezione, quella dell’infelice spedizione contro Gheddafi, che Europa e Occidente sembrano non avere ancora compreso. O almeno danno motivo di dubitarne. Per i governi, come anche purtroppo per gran parte dei media, la facile suggestione dell’interventoContinua a leggere “Adesso tutta Siria ma la Libia ci aspetta”

In Libia come nello Yemen possibile intervento arabo Invitate Francia e Italia

Il fatto che, come riferisce Remondino” , all’iniziativa egiziana non corrisponda ancora una presa di posizione in merito del governo di Tripoli – sostenuto come è noto, oltre che dalla fratellanza islamica, dal Qatar, dato come “grande assente” all’incontro di lunedì prossimo, e finora anche da Turchia,Israele e Arabia Saudita – rende piuttosto difficile immaginareContinua a leggere “In Libia come nello Yemen possibile intervento arabo Invitate Francia e Italia”