Vai alla barra degli strumenti

Nuove rivelazioni sulla morte di Giulio. Il dolore dei Regeni per il voltafaccia inglese

“Dal regime di Abd al-Fattah al-Sisi non ci si poteva aspettare nulla di diverso”, scrive Antonella Napoli su Articolo 21 a proposito del depistaggio continuato delle indagini sulla fine tragica del ricercatore italiano. “Verità su Giulio Regeni”, lo striscione appeso sulle finestre della FNSI e di tanti altri edifici pubblici,  è un’invocazione tanto giusta quantoContinua a leggere “Nuove rivelazioni sulla morte di Giulio. Il dolore dei Regeni per il voltafaccia inglese”

Sequestro Abu Omar: Italia colpevole per abuso del segreto di Stato

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per il rapimento e la detenzione illegale dell’ex imam Abu Omar. Le autorità italiane erano a conoscenza che Abu Omar era stato vittima, nell’agosto di dieci anni fa, di un’operazione di “extraordinary rendition” ( in realtà si è trattato di un vero sequestro di persona) daContinua a leggere “Sequestro Abu Omar: Italia colpevole per abuso del segreto di Stato”

Parigi, la Waterloo dello spionaggio occidentale

Troppe segnalazioni generiche e troppa poco credibilità o fiducia tra servizi segreti sul fronte anti califfato, scrive Ennio Remondino. C’è chi, come il Financial Times, inizia ad interrogarsi su cosa abbiano fatto i servizi di sicurezza occidentali contro la minaccia dichiarata e nota dell’Islamic State. Dov’ erano e che facevano le spie europee, salvo spiarsi l’unaContinua a leggere “Parigi, la Waterloo dello spionaggio occidentale”

Oppure dire no!

“Noi zitti, immobili. Per non dispiacere alla Merkel”, scrive Mineo a proposito delle minacce dell’Eurogruppo alla Grecia. Indulgendo, come tutti noi, al personalismo di moda. In realtà, per non dispiacere ai creditori e alle grandi banche, che dalla Merkel si sentono rappresentati. Oggi fanno i prepotenti con Tsipras e la Grecia, domani potrebbero farlo conContinua a leggere “Oppure dire no!”

Una Francia sotto sorveglianza?

***di Antonio Di Bella, 13 aprile 2015 – Lo si può chiamare effetto Charlie Hebdo. Il contraccolpo emotivo della strage del 7 gennaio a Parigi sta provocando effetti simili a quelli provocati negli Stati Uniti dalla strage dell’undici settembre. Ai morti delle torri gemelle il presidente Bush replicò con il “Patriot Act” un insieme di leggi cheContinua a leggere “Una Francia sotto sorveglianza?”

Il seme della verità

Vent’anni dal primo lancio del premio giornalistico Ilaria Alpi, a Riccione. Non sono bastati a scoprire l’identità dei suoi assassini e un mese fa la madre Luciana ha deciso di mandare un segnale di protesta riprendendosi il marchio. I miei ricordi vanno ancora più in là di quella lontana cerimonia che Maurizio Torrealta ricorda nell’articolo cheContinua a leggere “Il seme della verità”

Strage piazza della Loggia, 40 anni inutili

In quegli anni ormai lontani mi è capitato speso di seguire come inviato di TV7 prima e del Tg2 poi gli avvenimenti di quel periodo tragico e oscuro della nostra storia. Ho visto e ascoltato personalmente  titolari del potere politico, economico e militare o dei servizi segreti farfugliare davanti ai giudici, che li interrogavano comeContinua a leggere “Strage piazza della Loggia, 40 anni inutili”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: