Oppure dire no!

“Noi zitti, immobili. Per non dispiacere alla Merkel”, scrive Mineo a proposito delle minacce dell’Eurogruppo alla Grecia. Indulgendo, come tutti noi, al personalismo di moda. In realtà, per non dispiacere ai creditori e alle grandi banche, che dalla Merkel si sentono rappresentati. Oggi fanno i prepotenti con Tsipras e la Grecia, domani potrebbero farlo conContinua a leggere “Oppure dire no!”

Un Papa “sorprendente”. I Tg di venerdì 13 marzo

Che le iniziative di un Papa “comunista”, banalità mediatica su cui lui ha spesso ironizzato, siano sottovalutate sui telegiornali di Berlusconi non mi pare così difficilmente spiegabile (come scrive Baldazzi). E ben motivata mi pare l’attenzione al suo “presentimento”, che Bergoglio avrebbe confessato in un’intervista alla tv messicana, di un “pontificato breve”. L’annuncio di un AnnoContinua a leggere “Un Papa “sorprendente”. I Tg di venerdì 13 marzo”

Un caffè con la febbre alta.

“Una sfida sul merito delle riforme”, il “vasto programma” a cui accenna Mineo, a conclusione del  suo caffè con la febbre alta (influenza, immagino, auguri), è anche tra gli obbiettivi del “Coordinamento per la democrazia costituzionale” costituito due giorni fa, di cui ho scritto ieri sul blog. Hanno già aderito associazioni, movimenti, sindacati, ma anche parlamentariContinua a leggere “Un caffè con la febbre alta.”

Parte “Costruiamo il Futuro”. Un viaggio attraverso l’Italia per dar voce ai diritti, all’istruzione, al lavoro verso lo sciopero generale

Consola che siano proprio giovani e candidati precari a riscoprire oggi il valore della solidarietà, non diversamente da quelli che negli anni sessanta scendevano in strada a manifestare con gli operai. Si mobilitano contro chi, sventolando lo slogan del cambiamento, cerca di imporre  nella scuola “una logica di competizione ed esclusione mascherandola dietro una presuntaContinua a leggere “Parte “Costruiamo il Futuro”. Un viaggio attraverso l’Italia per dar voce ai diritti, all’istruzione, al lavoro verso lo sciopero generale”

Per una scuola nuova rileggere “Lettera a una professoressa”

Scuola di Barbiana, Lettera a una professoressa di Stefano Guglielmin (dal sito “La poesia dello spirito”). Per una scuola nuova ci vuole un libro vecchio come Lettera a una professoressa di don Lorenzo Milani. Per fortuna, alcuni professori sono finalmente usciti dall’idea, classista, che la cultura sia tutto ciò che ha dato lustro alla nostra civiltà: libri in classifica,Continua a leggere “Per una scuola nuova rileggere “Lettera a una professoressa””