Delfini e tacchini

Sono un repubblicano convinto e non mi interessa il gossip sui reali d’Inghilterra. Eppure, devo dare atto alla regina di aver anteposto l’interesse della nazione a quello della propria famiglia, inducendo alla deposizione nobiliare e militare il figlio – principe Andrea e duca di York – coinvolto nell’abuso di una minorenne. Da noi, un miliardario che faceva cene eleganti con minorenni, invece di essere isolato con altrettanto rigore, è stato difeso dalla propria famiglia politica, fino al degradante voto in Parlamento che accreditava una delle sue ragazze come nipote di Mubarak.