La “Pax televisiva” che danneggia la Rai e favorisce SKY e Mediaset

Se ben ricordo il presidente del consiglio, a chi lo accusava di voler mettere le mani sulla governance della RAI, aveva risposto che se avesse avuto questa intenzione bastava che lasciasse le cose così come stanno con la legge Gasparri. Infatti la riforma non arriva, forse proprio perché il cambiamento che gli interessa, spostare ilContinua a leggere “La “Pax televisiva” che danneggia la Rai e favorisce SKY e Mediaset”

La scuola in piazza. I Tg di martedì 5 maggio

 ***di Alberto Baldazzi – La scuola conquista tutte le aperture per i cortei di protesta in 7 città e lo sciopero che dopo 7 anni ha visto sfilare insieme tutti i sindacati. Il governo risponde, direttamente con Renzi, che nessuno prima aveva aggiunto 3 miliardi al budget dell’istruzione. I Tg Mediaset parlano esplicitamente del premier come delContinua a leggere “La scuola in piazza. I Tg di martedì 5 maggio”

Il governo alla conquista della Rai

***di Vincenzo Vita, aprile 2015* – Il progetto di riforma radiotelevisiva di Renzi è una vera e propria controriforma: un passo indietro di quarant’anni, a prima della legge del 1975 che riformò davvero la Rai. Poi la ricerca del pluralismo degenerò nella lottizzazione, ma l’attuale progetto non affronta questo problema. Si vorrebbe una Rai sotto l’egidaContinua a leggere “Il governo alla conquista della Rai”

Per la RAI bene comune potrebbe essere la volta buona

Quella che Vincenzo Vita definisce “dialettica in corso” è in realtà un conflitto tra due visioni incompatibili, quella del servizio pubblico e quella del servizio privato ( degli investitori pubblicitari come degli apparati di partito), che ha sempre visto la seconda sostanzialmente vincente. Ciò che verrebbe confermato anche giuridicamente se la proposta di legge finale contemplasse ilContinua a leggere “Per la RAI bene comune potrebbe essere la volta buona”

“No al piano Gubitosi”. L’Usigrai propone RaiPIU

***26 giugno 2015 – Una riforma per non cambiare: l’Usigrai da subito ha detto no al cosiddetto progetto 15 dicembre, perché mira a “smontare” e non interviene su elementi chiave come l’informazione di rete, la presenza sul territorio e sul web. “Noi – scrive in una nota il sindacato dei giornalisti Rai – chiediamo unaContinua a leggere ““No al piano Gubitosi”. L’Usigrai propone RaiPIU”

Un caffè con la febbre alta.

“Una sfida sul merito delle riforme”, il “vasto programma” a cui accenna Mineo, a conclusione del  suo caffè con la febbre alta (influenza, immagino, auguri), è anche tra gli obbiettivi del “Coordinamento per la democrazia costituzionale” costituito due giorni fa, di cui ho scritto ieri sul blog. Hanno già aderito associazioni, movimenti, sindacati, ma anche parlamentariContinua a leggere “Un caffè con la febbre alta.”

Rai Way : mani in alto, questa è una rapina…

Chi da anni ha atteso inutilmente dal centrosinistra che si adoperasse a fare finalmente della RAI un vero servizio pubblico e un bene comune dei cittadini non può che essere preoccupato per quello che potrebbe essere il primo passo verso la privatizzazione non solo parziale dell’azienda. Per decenni abbiamo combattuto per strapparla al “servizio privato”Continua a leggere “Rai Way : mani in alto, questa è una rapina…”

Riforma della Rai. Si può fare in sessanta giorni e in cinque mosse

Mmmm, rottamazione dei partiti e dei governi, lotta all’evasione del canone, beh Vittorio non esagerare, questa sì che è megalomania, servono solo 150 milioni per fare cassa, accontentiamoci  di una piccola, sana misura liberista e diamo a qualche caporale coraggioso il costoso fardello di amministrare e gestire Rai Way…Non sarà difficile visto che Rai WayContinua a leggere “Riforma della Rai. Si può fare in sessanta giorni e in cinque mosse”

Rai: governo calendarizzi su fonte nomina e anticipi rinnovo convenzione

Lo sciopero proclamato dai giornalisti RAI contro l’annunciato decreto del governo ( incostituzionale anche per l’ex presidente della Corte Alessandro Pace), che taglierebbe i proventi del canone annuo di 150 milioni, con la ventilata svendita di RAI way e il probabile ridimensionamento delle sedi regionali, ha dato il via ad un vivace dibattito politico e sindacale che invitoContinua a leggere “Rai: governo calendarizzi su fonte nomina e anticipi rinnovo convenzione”

Caro Renzi non basta la spending review per cambiare in meglio la Rai

di Carlo Rognoni, 19 aprile 2014 – Questo governo vuole o no occuparsi della Rai? Che Matteo Renzi avesse in testa altre priorità – più stringenti, magari anche più appariscenti e, perché no, più sentite dall’opinione pubblica – era evidente. Non aver approfittato, poi, del gran giro delle poltrone pubbliche, lasciando Luigi Gubitosi al postoContinua a leggere “Caro Renzi non basta la spending review per cambiare in meglio la Rai”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti