Se la politica è fatta sui media

Sarà così, come scrive oggi nel suo “caffè di primavera” Corradino Mineo. “Il premio al primo turno alla lista che totalizzi il 40% dei voti  trasformerà i partiti in comitati elettorali di un leader: è lui che vince, lui il testimonial, sua la faccia su cui si scommette”. Ma ammettiamolo, prima che di una leggeContinua a leggere “Se la politica è fatta sui media”

Rai, Margiotta, “prima la mission e poi canone e governance”

 Salvatore Margiotta, senatore del Partito Democratico e Vicepresidente della Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai, in un’intervista sul sito di Articolo21 interviene sul futuro della Rai fra riforma, pagamento del canone e introiti pubblicitari, compiti e direzione del servizio pubblico, ecc.(nandocan) ***intervista di Renato Parascandolo, 14 novembre 2014 – Senatore Margiotta, entro il mese di novembreContinua a leggere “Rai, Margiotta, “prima la mission e poi canone e governance””

ULTIMISSIME sulla implacabile lotta all’evasione fiscale in Italia

***Da Videonews di Tiscali, 22 settembre 2014 – Un prestigioso Hotel Resort, ubicato in un piccolo Comune dell’Alto Monferrato, aperto stagionalmente (da maggio ad ottobre) dal 2009 ma totalmente abusivo. E sconosciuto al fisco, questo malgrado le recensioni sugli specifici siti web turistici attraverso cui era possibile effettuare le prenotazioni A scoprirlo è stata la guardiaContinua a leggere “ULTIMISSIME sulla implacabile lotta all’evasione fiscale in Italia”

Scommesse, 400 sindaci “in campo” contro gli spot durante i Mondiali

Il gioco d’azzardo, una vera piaga che può produrre dipendenza anche nei soggetti più deboli con danni non inferiori a quelli del fumo, non dovrebbe avere pubblicità alcuna sui media, figuriamoci nel servizio pubblico radiotelevisivo. Sottoscrivo la lettera così come ho già sottoscritto la petizione analoga su chenge.org (nandocan) ***In una lettera inviata ai presidenti diContinua a leggere “Scommesse, 400 sindaci “in campo” contro gli spot durante i Mondiali”

Vendita quotidiani, il crollo continua

Continua a gennaio il crollo delle vendite in edicola dei quotidiani, scese a 3,76 milioni di copie. Il digitale compensa solo in minima parte. Editori sotto accusa. di Claudio Visani, 9 marzo 2014* – Non si arresta la caduta della vendita “pagata” dei quotidiani cartacei in Italia. Complessivamente, tra  edicole e abbonamenti, a fine anno le venditeContinua a leggere “Vendita quotidiani, il crollo continua”

Guidi, ministro di Renzi o del Cavaliere?

Loris Mazzetti, funzionario RAI tra i migliori e a suo tempo primo collaboratore di Enzo Biagi, sembra offrire nuovi argomenti a chi intravede nel dialogo avviato tra Berlusconi e Renzi caratteristiche di vero e proprio “inciucio”, ciò che sarebbe peggio perfino delle “larghe intese”. Naturalmente ognuno pensa di manovrare l’altro a proprio vantaggio, vedremo chi avràContinua a leggere “Guidi, ministro di Renzi o del Cavaliere?”

Pubblicità: sei esempi di ‘native advertising’ di successo

Francamente quello di cui si parla nell’articolo pubblicato da LSDI non mi sembra una novità. Anche se non ho idea di come sia stato ricavato il dato statistico per cui il 98,8% dei banner vengono ignorati, la pubblicità non trasparente è sempre esistita, da molto tempo prima che comparisse sul web. Così come è evidenteContinua a leggere “Pubblicità: sei esempi di ‘native advertising’ di successo”

#giulemanidaimpastato – 60mila firme in sole due settimane

ricevo e volentieri pubblico da Ivan Vadori il post che segue, al quale ho aggiunto a puro titolo di cronaca lo spot pubblicitario in questione, invitando i lettori a firmare la petizione su change.org (nandocan) “Presto un evento di legalità a Cinisi”: con la famiglia Impastato, il regista Ivan Vadori, il professor Umberto Santino delContinua a leggere “#giulemanidaimpastato – 60mila firme in sole due settimane”

Pubblicità digitale: crescono forte Facebook e Twitter ma Google ha ancora il 40,9% del mercato

C’è chi si chiede come facciano i giganti del web a realizzare miliardi di dollari ogni anno. Semplice, lo fanno con i nostri soldi. Paghiamo noi la pubblicità ogni volta che, indotti da meccanismi psicologici sempre più invasivi, acquistiamo prodotti o servizi anche inutili ma ben reclamizzati. Paghiamo le tasse al loro posto permettendo loroContinua a leggere “Pubblicità digitale: crescono forte Facebook e Twitter ma Google ha ancora il 40,9% del mercato”

Spazzolino

Voglio guardare un orizzonte amico/ dov’è più lieve  il passo sul cammino/ tenera l’erba profuma di nuovo/ il moderno si sposa con l’antico,/ dove parole come “amico” e “nuovo”/ non propongono un altro spazzolino. 1 dicembre 2013

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti