L’Europa di un ateo devoto

L’identità smarrita e oggi (ma tardi) riscoperta nell’emozione suscitata dall’incendio di Notre Dame. Le radici “cristiane” dell’Europa disconosciute “dai pregiudizi delle élite politiche e mediatico-culturali”. Solo un illustre “ateo devoto” come il professor Ernesto Galli della Loggia e un quotidiano conservatore come il “Corriere della sera” potevano riproporre, a un mese esatto dalle elezioni europee delContinua a leggere “L’Europa di un ateo devoto”

Quartiere Latino

Vecchia Parigi mi piacevi tanto, le finestre sui tetti e le stradine/ profumate di spezie e di croissant,   echi di voci e prove di bel canto, le primizie di frutta e le vetrine/ degli antiquari accanto a Gallimard.   Tornate ancora un poco per incanto ad ammonire giudiziosamente/ il traffico insolente dei boulevard  Continua a leggere “Quartiere Latino”

Francia, esce l’edizione di Libération scritta da 21 rifugiati

Copiare un’iniziativa editoriale può essere imbarazzante per il direttore di un giornale, capisco. Però mi piacerebbe che al direttore di Repubblica, o del Fatto Quotidiano, o del Corriere della Sera o, perché no, dell’Avvenire o dell’Osservatore Romano venisse in mente la stessa idea che ha avuto a Parigi il direttore di Liberation (nandocan) ***dal RedattoreContinua a leggere “Francia, esce l’edizione di Libération scritta da 21 rifugiati”

La Francia nel pallone. I Tg di martedì 14 maggio

Forse qualcosa è sfuggito a me come a Baldazzi ma non mi pare di aver notato, fra i tanti servizi sulle manifestazioni sindacali e soprattutto sui disordini del Paese vicino, qualche spiegazione dei motivi per cui i lavoratori scendono in piazza contro la loi travail, se non il riferimento ad un imprecisato Jobs Act francese. SarebbeContinua a leggere “La Francia nel pallone. I Tg di martedì 14 maggio”

Canto del cigno o colpo di coda? I tg di giovedì 28 aprile

Berlusconi abbandona Bertolaso, fino a ieri giudicato “vincente” e punta deciso (si fa per dire) su Marchini “piazzato”. A me sembra un’altra serenata a Renzi in vista del partito della nazione. Vedremo. Con l’augurio che l’appello di Mattarella per l’alleanza dei politici contro la corruzione non sia accolto soltanto dai tg (nandocan). ***di Lorenzo Coletta –Continua a leggere “Canto del cigno o colpo di coda? I tg di giovedì 28 aprile”

Il pianeta azzurro, l’unico che abbiamo. I Tg di venerdì 22 aprile

***Lo spreco dell’aggettivo “storico” da parte dei media è diventato ormai insopportabile, tanto che produce noia e assuefazione. Se poi dai titoli si scende all’articolo, si capisce che la dichiarazione di guerra al riscaldamento globale “potrebbe essere storica se ecc.ecc”. La vera notizia è che non è neppure un  trattato e dell’accordo si attendono ancora leContinua a leggere “Il pianeta azzurro, l’unico che abbiamo. I Tg di venerdì 22 aprile”

La risposta civile della piazza. I Tg di mercoledì 23 marzo

 ***di Luca Baldazzi – Il giorno dopo gli attentati che hanno sconvolto la capitale europea inevitabilmente tutta l’informazione resta con lo sguardo a Bruxelles, alle sue piazze animate dalle manifestazioni spontanee di tanti cittadini, molti dei quali di religione mussulmana, anche se Studio Aperto e Tg4 non lo dicono. Tra riepiloghi, collegamenti e testimonianze buonaContinua a leggere “La risposta civile della piazza. I Tg di mercoledì 23 marzo”