Le due strade dopo la crisi

E’ possibile chela pandemia del coronavirus, colpendo tutto il genere umano, generi finalmente la consapevolezza comune della necessità della costruzione di una sfera pubblica globale: di una Costituzione della Terra, che secondo la nostra proposta precostituisca, contro tutte le emergenze planetarie – non solo sanitarie ma anche ambientali, nucleari e alimentari – garanzie e istituzioni globali di garanzia dei diritti fondamentali di tutti gli esseri umani del pianeta.

Con fusione (00:57)

(video poesia)

L’ombra della dittatura

“Stiamo a tanto così dal baratro ungherese”, scrive oggi Massimo Marnetto nel suo commento quotidiano. Ovviamente l’Italia non è la Turchia, dove tre ragazzi incarcerati dal regime di Erdogan “per i testi delle loro canzoni contro i corrotti e le violenze del potere” sono stati lasciati morire per un prolungato sciopero della fame. E neppureContinua a leggere “L’ombra della dittatura”

Tregua globale e guerra solo al coronavirus

Illusione dell’ONU, aggiunge Remocontro nell’articolo che segue. Eppure “niente sarà più come prima” si continua a dire in questi giorni sulla stampa e in televisione. Certo, niente come una pandemia globale come questa, che obbliga intere popolazioni a condividere la medesima sofferenza per la malattia e la morte ovunque diffuse da un nemico comune, staContinua a leggere “Tregua globale e guerra solo al coronavirus”

Lavorare da casa è meglio o peggio?

Dal punto di vista del lavoratore, s’intende. Dal punto di vista della collettività, tenendo conto dei benefici per l’ambiente,  la risposta favorevole prevarrebbe forse su quella contraria. Da quello del datore di lavoro, pubblico o privato che sia, si porrebbe certo il problema di un controllo di produttività. Accanto alla tentazione di infierire con leContinua a leggere “Lavorare da casa è meglio o peggio?”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti