Omofobia e terrore. Caffè del 13 giugno

Denunciare l’incoerenza, le contraddizioni logiche nei comportamenti più diffusi non soltanto dei potenti, ma della società nel suo insieme. Mostrare in ogni circostanza, sfidando l’impopolarità, l’arbitrio e il relativismo, in certa misura inevitabile, della nostra morale, l’uso frequente di due pesi e due misure a motivo di convenienza o di pregiudizio. Non vedo altro modo per contrastare ilContinua a leggere “Omofobia e terrore. Caffè del 13 giugno”

Medio Oriente, nuove armi del terrore e l’incubo atomica «Fai da te»

***Penso che non ci rendiamo conto abbastanza che la tragedia quotidiana dei migranti e la cancrena dei conflitti mediorientali sono due facce della stessa realtà. E se l’Europa si dimostra incapace di affrontarla con ragionevole determinazione barcamenandosi tra gli egoismi nazionali, vuol dire che ha ormai cessato di esistere in quanto istituzione. Dobbiamo dare atto al nostro governo diContinua a leggere “Medio Oriente, nuove armi del terrore e l’incubo atomica «Fai da te»”

Ma l’apertura al mediterraneo non nasce dal petrolio. Risposta a Scalfari e Folli.

Roma, 30 novembre 2015 – Negli editoriali di Eugenio Scalfari ieri e di Stefano Folli oggi sulla “Repubblica” si afferma  tra l’altro che la politica prudente di Matteo Renzi  sul medio oriente non farebbe altro che ricalcare quella di Amintore Fanfani, il quale negli anni sessanta “si sforzava – scrive Folli – di tutelare gli interessiContinua a leggere “Ma l’apertura al mediterraneo non nasce dal petrolio. Risposta a Scalfari e Folli.”

Addio Medio Oriente dall ‘inutile Tony Blair delle ‘guerre umanitarie’

La colpa, o il merito a seconda dei punti di vista, di quella inutilità è di chi nel 2007 gli dette l’incarico, a conferma della totale assenza di autonomia della politica estera europea da quella americana, almeno in quella parte del mondo. Che io ricordi (ma Ennio ne sa più di me e mi potràContinua a leggere “Addio Medio Oriente dall ‘inutile Tony Blair delle ‘guerre umanitarie’”

L’Occidente nella trappola del Califfo

Decapitazioni e terrore in televisione. Così l’Isis ci ha convinti, nostro malgrado, a bombardarlo. Dopo i fallimenti a catena delle nostre “spedizioni umanitarie”, migliaia di morti innocenti, intere nazioni semidistrutte, decine di migliaia di profughi e senzatetto, crescita senza fine dell’odio e del terrorismo, possibile che soltanto un anziano Papa riesca a chiamare tutto questoContinua a leggere “L’Occidente nella trappola del Califfo”

Le guerre arabe alla vigilia della Yalta mediorientale

 “il 20 luglio, scrive Riccardo Cristiano nell’articolo che segue, ripreso dal “Mondo di Annibale –  quando il 5+1 tratterà sul nucleare con Teheran potrebbe cominciare a vedersi il Nuovo Medio Oriente, e il senso delle guerre arabe, tutte funzionali a Teheran”. Potrebbe, chissà. Ma il disegno coerente attribuito a Obama e Teheran da questa analisi mi pareContinua a leggere “Le guerre arabe alla vigilia della Yalta mediorientale”

Netanyahu a Rivlin, nuovo presidente israeliano: fammi da spalla

“Non ci sarà nessun accordo di pace con i Palestinesi – aveva detto David Grossman al corrispondente israeliano di Repubblica, commentando la preghiera comune in Vaticano – non con un governo come quello che abbiamo attualmente”. Non finché il colonialismo di Netanyau continuerà ad essere tollerato di fatto dalla politica estera americana ed europea, aggiungoContinua a leggere “Netanyahu a Rivlin, nuovo presidente israeliano: fammi da spalla”