Il caso Torrisi e la maggioranza

Roma, 6 aprile 2017 – Ora che non è più ufficialmente segretario del Pd o che tale finge di non essere, Matteo Renzi ha ripreso a svolgere con il premier Gentiloni lo stesso ruolo che aveva con Letta prima di dargli il benservito con il famoso tweet #enricostaisereno. Se fosse solo per sfidare e incalzare il governoContinua a leggere “Il caso Torrisi e la maggioranza”

Leggi elettorali folli, la politica a processo

Che la politica non abbia fatto il suo mestiere, che è anzitutto quello di rispettare la Costituzione sulla quale ha giurato, mi pare evidente. La magistratura di garanzia può sbagliare solo se non rispetta la costituzione nel dichiarare la illegittimità di quelle parti della legge che sono state sottoposte al suo esame. Se ciò facendoContinua a leggere “Leggi elettorali folli, la politica a processo”

Zagrebelsky e la riforma incostituzionale

Roma, 29 novembre 2016 – Sbaglierò, ma più il tempo passa, più mi pare che questa campagna elettorale permanente, giocata sulla paura e sul fanatismo, sulla propaganda e sulla menzogna, sull’ignoranza e sul pregiudizio, stia  rivelando il lato più deteriore e meno democratico della politica. Anzi, io credo che “fare politica” sia proprio tutt’altra cosa, comeContinua a leggere “Zagrebelsky e la riforma incostituzionale”

La versione di Bernie

Roma, 13 novembre 2016 – Bene ha fatto il direttore di repubblica ad affiancare oggi all’editoriale domenicale del Fondatore lo splendido intervento di Bernie Sanders per il New York Times. Così da consentire ai tanti lettori di sinistra, prostrati dalla consueta paternale scalfariana al riottoso presidente del consiglio, di tirare un sospiro di sollievo. EditorialeContinua a leggere “La versione di Bernie”

Bene Bravo Bis

Roma, 6 novembre 2016 – “Bene,Bravo,Bis”, avrebbe commentato Petrolini. Ho appena finito di leggere su repubblica.it il discorso conclusivo di Matteo Renzi alla convenscion fiorentina della Leopolda. Ho provato a mettermi nei panni e nella testa dei convenuti e sono rimasto incantato. Perché c’è solo un modo per apprezzare i discorsi di Renzi. Bisogna credergli.Continua a leggere “Bene Bravo Bis”

Stronger together?

Roma, 29 ottobre 2016 – Stronger together? Lo scandalo delle email di Hillary Clinton e una campagna avvelenata per la Presidenza degli Stati Uniti ci offrono probabilmente l’esempio più clamoroso di una democrazia inquinata, in tutto l’Occidente e non solo, dalla piaga del leaderismo. Storia vecchia, direte, dato che la formula del capo al comando ha radiciContinua a leggere “Stronger together?”

Chi tocca Roma muore? Caffè del 30 settembre

Che alla prova del governo della più grande città italiana, disastrata da decenni di mala politica , i cinquestelle avrebbero trovato, almeno nei primi mesi, gravi difficoltà lo sapevamo già tutti, compresi quelli che oggi si scandalizzano oltre misura.  Che il tipo di organizzazione che si sono dati avrebbe complicato la selezione del personale amministrativo, chiContinua a leggere “Chi tocca Roma muore? Caffè del 30 settembre”

Mezze bugie e mezze verità. Sui giornali del 6 settembre

Anche loro come gli altri, peggio degli altri. Falsi, meschini, mentitori, corrotti.  Subito le dimissioni e torniamo a votare. Pare strano che a stracciarsi le vesti per qualche deplorevole reticenza o bugia dei maggiorenti Cinquestelle siano proprio quelli che fino dall’esordio del movimento li hanno sempre bollati come inadeguati e ipocriti. Con questo non voglio dire che il  balletto aiContinua a leggere “Mezze bugie e mezze verità. Sui giornali del 6 settembre”

Da Erdogan a Renzi. Quando le bugie hanno le gambe lunghe

Roma, 3 giugno 2016 – L’occasione è  data dal riconoscimento formale del genocidio del popolo armeno da parte del Parlamento tedesco. La reazione furiosa di Erdogan e l’effetto che questa può avere sugli equilibri internazionali inducono a qualche considerazione che va ben oltre questa vicenda. Riguarda il valore e il significato della democrazia. Se èContinua a leggere “Da Erdogan a Renzi. Quando le bugie hanno le gambe lunghe”

Guerra e pace. I Tg di venerdì 27 maggio

***di Luca Baldazzi – La serata dell’informazione si apre per tutte le testate con la visita di Obama al memoriale di Hiroshima. L’omaggio del presidente americano, il primo a recarsi nella città giapponese su cui, 71 anni fa, detonò la prima bomba atomica, ottiene ovunque coperture dignitose. Nel luogo che ha generato il terrore atomico, l’innoContinua a leggere “Guerra e pace. I Tg di venerdì 27 maggio”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti