Vai alla barra degli strumenti

I Tg di mercoledì 1 giugno

***di Lorenzo Coletta – Aperture una volta tanto differenziate per l’informazione di serata. A tener banco sulle testate Rai sono l’appello lanciato dal Presidente della Repubblica all’unità, sia nazionale che europea, nell’affrontare l’emergenza migranti, e il confronto tra la Cei ed il Ministero degli Interni sui limiti dell’accoglienza (apertura anche per Tg4). Allo scambio tra MonsignorContinua a leggere “I Tg di mercoledì 1 giugno”

Il dovere della cronaca. E della memoria. Le inchieste morali di Domenico Iannacone

Ho seguito con piacere e con attenzione le due puntate dei “Dieci comandamenti”. Un giornalismo di inchiesta non aggressivo, che affida la denuncia all’evidenza dei fatti e alla singolarità delle situazioni, spesso episodi minori scelti e documentati per il loro valore esemplare. Domenico si accosta ad essi con discrezione, con una curiosità visibile ma non invadente,Continua a leggere “Il dovere della cronaca. E della memoria. Le inchieste morali di Domenico Iannacone”

Disagio e razzismo. I Tg di giovedì 28 maggio

 Se i giornalisti offrono volentieri il microfono ai cittadini traumatizzati da un fatto di cronaca è solo perché nessuno, né il capocronista, né il direttore, né i telespettatori o la maggior parte di essi, né l’Ordine dei giornalisti, si aspetta qualcosa di diverso. Per i colleghi di una tv commerciale poi (in parte anche laContinua a leggere “Disagio e razzismo. I Tg di giovedì 28 maggio”

Falso in bilancio: il ritorno del “caro estinto”. I Tg di giovedì 21 maggio

 A me piacerebbe che  giornali e telegiornali non brindassero affatto e provassero invece a chiarire con un certo distacco le decisioni dei politici e le ragioni, addotte o nascoste, dai politici per le loro scelte. E a proposito di Berlusconi immagino che non tutti sappiano quale sarebbe il ruolo di  “sparring partner”, visto che non si trovaContinua a leggere “Falso in bilancio: il ritorno del “caro estinto”. I Tg di giovedì 21 maggio”

Presentabili e impresentabili. I Tg di martedì 12 maggio

 Baldazzi oggi apre il suo osservatorio con una novità: “Renzi riconquista il proscenio”. Ma la novità più importante è che il segretario-premier polemizza con la sinistra, non più solo “perdente” ma addirittura “masochista”. E io che pensavo, tra me e me,  che la sinistra sadomaso fosse quella che vuole vincere (e magari vince) con una politicaContinua a leggere “Presentabili e impresentabili. I Tg di martedì 12 maggio”

Genova per noi, e per Strasburgo. I Tg di martedì 7 aprile

 di Alberto Baldazzi – La scelta è obbligata: aperture sul Def presentato da Renzi e Padoan ( senza slides!) o, in alternativa, sulla condanna della Corte di Strasburgo all’Italia per tortura nel caso della “macelleria messicana” alla scuola Diaz di Genova, 14 anni fa. Verdetto atteso, ma l’enfasi maggiore sul comportamento inqualificabile delle forze dell’ordine al G8Continua a leggere “Genova per noi, e per Strasburgo. I Tg di martedì 7 aprile”

Tg investiti dal maltempo. I Tg di venerdì 6 marzo

 ***di Alberto Baldazzi – Il maltempo imperversa nel Paese e conquista ancora una volta le aperture ed ampio spazio su Mediaset, Tg1 e Tg2, mentre Tg3 e TgLa7 privilegiano rispettivamente l’attesa per i primi colpi di bazooka di Draghi e i dati di Frontex che – guardate un po’ – ci racconta che dalla quartaContinua a leggere “Tg investiti dal maltempo. I Tg di venerdì 6 marzo”

E pur si muove! I Tg di mercoledì 4 marzo

***di Osservatorio Tg – Qualcosa sembra muoversi sia in Italia che a Bruxelles, ma la direzione non è ancora ben definita. Partendo dall’Europa, la promessa della Commissione di un impegno reale sulle stragi nel Mediterraneo, nel giorno dell’ulteriore strage di 10 migranti e dei quasi mille salvati da Triton (apertura per i Tg Rai e su Mediaset) faContinua a leggere “E pur si muove! I Tg di mercoledì 4 marzo”

Osservatorio tg. Segno dei tempi

Non vorrei che la satira, per il sindacato come per i tg, fosse  segnale di conformismo o rassegnata impotenza. Io vorrei invece che, dopo tanto ossequio mediatico attorno al personaggio,  fosse almeno l’inizio di una ragionevole presa di distanze. Vorrei, ma senza farmi illusioni. (nandocan). ***I Tg di martedì 21 ottobre – Veramente divertente il videoContinua a leggere “Osservatorio tg. Segno dei tempi”

Trafficante da 8 anni e nessun naufragio: “Di me la gente si fida”

Intervistato in esclusiva dal “Redattore sociale”, parla uno degli organizzatori dei viaggi di migranti dalla città libica di Zuwara. “E’ un servizio richiesto sul mercato, ogni businessman decide come erogarlo”. Per ogni barcone che parte guadagna 120 mila dollari. ZUWARA (Libia) – “Avrei dovuto farli partire due settimane fa, ma il mare non è buono,Continua a leggere “Trafficante da 8 anni e nessun naufragio: “Di me la gente si fida””

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: