La Crusca: troppo inglese promuove l’abbandono dell’Italiano

Il cuore condivide, anche la testa vorrebbe ma resta in dubbio. Perché è vero che il vocabolario inglese è più povero del nostro e rischia di impoverire anche la comunicazione, così come è vero che l’uso non necessario di una terminologia anglosassone in un paese come il nostro dove la conoscenza dell’inglese è tuttora scarsaContinua a leggere “La Crusca: troppo inglese promuove l’abbandono dell’Italiano”

Il giorno delle maniere forti. I Tg di lunedì 29 febbraio

Chiedendo scusa e permesso ad Alberto, l’edizione riveduta e corretta di un osservatorio, quello di ieri, pubblicato troppo in fretta. Rileggi, Alberto, rileggi.(nandocan) ***di Alberto Baldazzi –  Tutte le testate, eccetto Studio Aperto che apre sul maltempo, esordiscono con le tensioni e gli scontri alla frontiera tra Grecia e Macedonia e su gli sgomberi di Calaìs. SeContinua a leggere “Il giorno delle maniere forti. I Tg di lunedì 29 febbraio”

Lezioncine e polemicucce. I Tg di martedì 2 febbraio

Ormai è lui contro tutti. Matteo Renzi prova a supplire con l’arroganza pre-elettorale ai suoi insuccessi di premier. Non sopporta dagli altri “lezioncine” come le sue e “polemicucce” che fa di tutto per provocare.  Forse mi illudo, ma dallo scetticismo che si diffonde fra i commentatori sembra che questi battibecchi conditi di retorica stiano diventando stucchevoliContinua a leggere “Lezioncine e polemicucce. I Tg di martedì 2 febbraio”

The Family Day after e i 2 milioni fantasma

C’è da chiedersi perché fino a ieri quasi nessuno dei colleghi giornalisti abbia utilizzato lo stesso metodo seguito ieri dalla Stampa, e riprodotto qui di seguito da Remondino, per calcolare il numero degli intervenuti alle manifestazioni di massa. Un’altro argomento a riprova della scarsa oggettività del nostro modo di fare informazione? Perché dai due milioniContinua a leggere “The Family Day after e i 2 milioni fantasma”

A me m’hanno rovinato le borse. I giornali del 21 gennaio

 Corradino Mineo si chiede, come tanti, se si possa uscire da una crisi che pare essere senza sbocco. Certo che si può, ma non con la “mano invisibile” dei mercati  o qualche aggiustamento superficiale da parte della politica. Quelle che lui definisce “risposte a croce”, secondo me, si possono riassumere in una sola: o “unaContinua a leggere “A me m’hanno rovinato le borse. I giornali del 21 gennaio”

Il triste Family Day

Io penso che in quanti negano alla coppia omosessuale il diritto e la possibilità di formare una famiglia adottando dei figli, in quanto la crescita del bambino avrebbe assoluto bisogno di una figura femminile e di una figura maschile, vi sia un errore psicologico e culturale di fondo. Che molti di noi fanno, e anch’io in passato ho fatto,Continua a leggere “Il triste Family Day”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti