Sala d’attesa

***di Massimo Marnetto, 8 luglio 2018 – L’assemblea del PD non ha impresso una svolta, ma ha mostrato una discordia promettente. Le prudenze sono saltate (persino Cuperlo ha detto una parolaccia), ma chi si aspettava un Renzi pentito di aver cercato i voti a destra e averli persi a sinistra ha sbagliato tutto. Il giovaneContinua a leggere “Sala d’attesa”

Forni? No, pentola a pressione

Il pronostico di Marnetto, tanto per creare un po’ di suspence…….;-) (nandocan) ***di Massimo Marnetto, 1 maggio 2018 – Allora elezioni anticipate? Non è ancora detto. Molto si capirà dal duello di giovedì tra Martina e Renzi. Il pronostico sembra scontato (Renzi), ma non è così. E’ vero, lui controlla la maggioranza, ma nuove elezioni sarebberoContinua a leggere “Forni? No, pentola a pressione”

Renzi: giocate pure se volete ma il pallone ce l’ho io

Roma, 30 aprile 2018 – A portar via il pallone nella partita tra piddini e grillini per il governo, Matteo Renzi, dimissionario per burla, non ha voluto aspettare neppure il fischio di inizio. Lo ha fatto dallo schermo televisivo di una RAI a lui devota (ancora per poco), nella trasmissione domenicale di Fabio Fazio gentilmenteContinua a leggere “Renzi: giocate pure se volete ma il pallone ce l’ho io”

Prodi e l’unità “a prescindere”

Se il Professore insiste per l’”unità a prescindere”, come scrive oggi Marnetto, non credo che sia per salvare il Partito di Renzi, come ormai tutti hanno ribattezzato il Pd. Nè penso che abbia dimenticato il ruolo che i renziani ebbero nel far saltare la sua elezione alla presidenza della Repubblica, ipotesi confermata di recente ancheContinua a leggere “Prodi e l’unità “a prescindere””

Renzi in trincea

Roma, 27 giugno 2017 – “Renzi sotto attacco”, titola oggi Repubblica. Stefano Folli, nell’editoriale, gli consiglia di considerare “l’ipotesi che Gentiloni resti a Palazzo Chigi anche dopo il voto, con il suo profilo rassicurante” come un’occasione  “per lavorare con le mani libere e senza secondi fini al vero progetto: riconquistare il cuore degli elettori”. PerfinoContinua a leggere “Renzi in trincea”

Bene Bravo Bis

Roma, 6 novembre 2016 – “Bene,Bravo,Bis”, avrebbe commentato Petrolini. Ho appena finito di leggere su repubblica.it il discorso conclusivo di Matteo Renzi alla convenscion fiorentina della Leopolda. Ho provato a mettermi nei panni e nella testa dei convenuti e sono rimasto incantato. Perché c’è solo un modo per apprezzare i discorsi di Renzi. Bisogna credergli.Continua a leggere “Bene Bravo Bis”

Chi tocca Roma muore? Caffè del 30 settembre

Che alla prova del governo della più grande città italiana, disastrata da decenni di mala politica , i cinquestelle avrebbero trovato, almeno nei primi mesi, gravi difficoltà lo sapevamo già tutti, compresi quelli che oggi si scandalizzano oltre misura.  Che il tipo di organizzazione che si sono dati avrebbe complicato la selezione del personale amministrativo, chiContinua a leggere “Chi tocca Roma muore? Caffè del 30 settembre”

Le unioni dividono, perché? I Tg di martedì 10 maggio

Alberto Baldazzi ha deciso di mettere da parte ogni scrupolo non solo di osservatore imparziale ma anche semplicemente di osservatore dei telegiornali per entrare completamente nel ruolo di corsivista della politica. E dopo l’esordio trionfalistico sulle unioni civili “storico passaggio di civiltà”, si dispiace che i teleutenti rimangano “schiacciati sotto il peso delle diatribe politicheContinua a leggere “Le unioni dividono, perché? I Tg di martedì 10 maggio”

Le “sentenze” di Renzi. I Tg di lunedì 4 aprile

 “I titoloni sugli attacchi di Renzi alla Magistratura non hanno un reale appiglio, ma così va il mondo”, commenta i tg di serata Baldazzi. Non i titoloni, ma gli attacchi di Renzi, mi permetto, caro Alberto, di obbiettare, visto e considerato che se i processi “non vanno a sentenza”, come abbiamo sentito ieri sera urlareContinua a leggere “Le “sentenze” di Renzi. I Tg di lunedì 4 aprile”

E il treno va. Caffè del 28

Mentre scrivo leggo su televideo che il governo ha posto formalmente la fiducia sulle votazioni in corso alla Camera per la nuova legge elettorale. Quella legge che la minoranza PD ha sostenuto coralmente essere  materia di esclusiva competenza parlamentare e che il capogruppo dimissionario Speranza, intervistato dall’Annunziata, ha definito quasi gridando domenica “una violenza contro ilContinua a leggere “E il treno va. Caffè del 28”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti