COP 25

***di Massimo Marnetto, 3 dicembre 2019 – Ultime generazioni per fermare gli ultimi gradi di temperatura che ci separano dal “non ritorno”. La COP 25 – Conferenza climatica di Madrid – ripete l’allarme di quella di Parigi. Dove si posero dei limiti alle emissioni, ma senza sanzioni. E il risultato è stato più che modesto,Continua a leggere “COP 25”

La patrimoniale in agguato

Roma, 3 giugno 2019 – Alla vigilia dell’arrivo di Trump nella sua città, il sindaco di Londra Sadiq Khan, in un articolo sull’”Observer”, non ha esitato a paragonare il linguaggio usato sui social dal presidente americano  e dai suoi sostenitori europei a quello dei “fascisti del ventesimo secolo”. “Viktor Orban in Ungheria, Matteo Salvini in Italia, MarineContinua a leggere “La patrimoniale in agguato”

Il pianeta azzurro, l’unico che abbiamo. I Tg di venerdì 22 aprile

***Lo spreco dell’aggettivo “storico” da parte dei media è diventato ormai insopportabile, tanto che produce noia e assuefazione. Se poi dai titoli si scende all’articolo, si capisce che la dichiarazione di guerra al riscaldamento globale “potrebbe essere storica se ecc.ecc”. La vera notizia è che non è neppure un  trattato e dell’accordo si attendono ancora leContinua a leggere “Il pianeta azzurro, l’unico che abbiamo. I Tg di venerdì 22 aprile”

Clima. Emergenza acqua, laghi svuotati per 3/4

Quanto tempo e quali altri danni dovremo aspettare prima che le autorità responsabili, e l’opinione pubblica che ha il compito indispensabile di incalzarli, si decidano a prendere quei provvedimenti strutturali imposti, non più da un’emergenza locale, ma dai cambiamenti del clima? A intervenire per l’ammodernamento e lo sviluppo del trasporto pubblico, disincentivando allo stesso tempo ancheContinua a leggere “Clima. Emergenza acqua, laghi svuotati per 3/4”

Risparmiatori ed investitori. I Tg di giovedì 10 dicembre

Chi ha letto stamani sulla  repubblica i dati e le cifre che emergono dall’inchiesta di Alberto Statera ( “Tra panfili e sultani il pozzo nero dell’Etruria”),ha potuto farsi un’idea delle dimensioni reali o probabili dello scandalo, ben oltre l’accenno fugace al coinvolgimento del padre del ministro Boschi o il quadro riduttivo degli errori di gestione offertoContinua a leggere “Risparmiatori ed investitori. I Tg di giovedì 10 dicembre”

La schizofrenia climatica di Usa, Cina e India

Annunciano lotta dura ai cambiamenti climatici. Ma sfuggono agli accordi vincolanti. Veleni e ipocrisie. Grandi ammissioni di responsabilità e annunci di nuove leggi e investimenti per ridurre le emissioni di gas serra nell’atmosfera. Sono Stati Uniti, Cina e India, i tre maggiori inquinatori del pianeta. Ma nessuno di loro è disposto a sottoscrivere accordi legalmente vincolantiContinua a leggere “La schizofrenia climatica di Usa, Cina e India”

Il sultano e lo zar. I Tg di mercoledì 2 dicembre

Noto che Baldazzi junior insiste molto nel rilevare la “singolarità” del tg4, che si dimostra vicino alle posizioni della Lega così come altre testate simpatizzano con quelle del governo. In attesa che si compia il miracolo di una doverosa autonomia da parte di tutti, debbo dire che nel caso delle rilevazioni statistiche e soprattutto delContinua a leggere “Il sultano e lo zar. I Tg di mercoledì 2 dicembre”

Cambio di clima? I Tg di lunedì 30 novembre

 ***di Lorenzo Coletta – “Una giornata di alta diplomazia, nel bene e nel male”: così Mentana presenta l’inizio del vertice dei 150 paesi a Parigi sul clima; l’incontro è inevitabilmente in apertura per sei dei sette Tg, e sempre secondo il direttore di Tg La7 è servito da cornice – almeno oggi – per parlare,Continua a leggere “Cambio di clima? I Tg di lunedì 30 novembre”

Parigi clima. Se i ricchi non pagano a morire saranno soprattutto i poveri

Si apre domani a Parigi la conferenza sul clima. I capi di Stato e di governo decideranno quando, quanto e come tagliare le emissioni di gas serra che causano il riscaldamento del pianeta. Se prevarranno ancora irresponsabilità e ipocrisia, sarà la catastrofe, ha ammonito nei giorni scorsi Papa Francesco. «Sappiamo cosa va fatto per prevenire cheContinua a leggere “Parigi clima. Se i ricchi non pagano a morire saranno soprattutto i poveri”

Fuga dal clima avverso come da fame e guerre

Fuggire da una morte causata dal cambiamento climatico non basta a distinguere un rifugiato? (nandocan) ***di Massimo Lauria, 20 ottobre 2015* – Clima avverso e grado di povertà sono le unità di misura delle migrazioni forzate verso i Paesi ricchi: 150 milioni in sei anni, senza contare i morti. E il numero cresce esponenzialmente diContinua a leggere “Fuga dal clima avverso come da fame e guerre”

gtag('config', 'GTM-K2KB4MR', { 'send_page_view': false });
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: