Vai alla barra degli strumenti

COP 25

***di Massimo Marnetto, 3 dicembre 2019 – Ultime generazioni per fermare gli ultimi gradi di temperatura che ci separano dal “non ritorno”. La COP 25 – Conferenza climatica di Madrid – ripete l’allarme di quella di Parigi. Dove si posero dei limiti alle emissioni, ma senza sanzioni. E il risultato è stato più che modesto,Continua a leggere “COP 25”

Perché il problema clima diventa questione ideologica?

Alla domanda di Remocontro risponde, attraverso il direttore di Internazionale Giovanni De Mauro, il climatologo Ed Hawkins, dell’università britannica di Reading (nandocan) ***da remocontro, 27 settembre 2019 – Quand’è che abbiamo smesso di andare d’accordo? Quand’è che bianco e nero, alto e basso, caldo e freddo hanno cominciato a diventare concetti relativi su cui ognuno haContinua a leggere “Perché il problema clima diventa questione ideologica?”

La patrimoniale in agguato

Roma, 3 giugno 2019 – Alla vigilia dell’arrivo di Trump nella sua città, il sindaco di Londra Sadiq Khan, in un articolo sull’”Observer”, non ha esitato a paragonare il linguaggio usato sui social dal presidente americano  e dai suoi sostenitori europei a quello dei “fascisti del ventesimo secolo”. “Viktor Orban in Ungheria, Matteo Salvini in Italia, MarineContinua a leggere “La patrimoniale in agguato”

Clima, ambientalisti catastrofisti? Intervista a Francesco Martone

A Katowice, in Polonia, sta per iniziare la Conferenza sul clima. Hanno ragione gli ambientalisti di Greenpeace e le tante organizzazioni di Verdi  sparse nel mondo ad avvertire che presto, in mancanza di provvedimenti radicali, si potrebbe assistere ad una catastrofe planetaria? E’ un fatto che, mentre la gran parte dei governi e dei gruppi dirigentiContinua a leggere “Clima, ambientalisti catastrofisti? Intervista a Francesco Martone”

20 relativamente Grandi, e il clima fa la differenza

Basta scorrere un po’ di titoli dei quotidiani più diffusi per cogliere lo sbandamento: sarà pure il vertice dei 20 Paesi, delle venti economie per importanti nel pianeta, ma ciò che quei potenti riescono a produrre è davvero poca cosa. Sintesi estrema: 1) sul clima vince Merkel che compatta gli altri 19 e isola Trump.Continua a leggere “20 relativamente Grandi, e il clima fa la differenza”

20 relativamente Grandi, e il clima fa la differenza

Basta scorrere un po’ di titoli dei quotidiani più diffusi per cogliere lo sbandamento: sarà pure il vertice dei 20 Paesi, delle venti economie per importanti nel pianeta, ma ciò che quei potenti riescono a produrre è davvero poca cosa. Sintesi estrema: 1) sul clima vince Merkel che compatta gli altri 19 e isola Trump.Continua a leggere “20 relativamente Grandi, e il clima fa la differenza”

Il pianeta azzurro, l’unico che abbiamo. I Tg di venerdì 22 aprile

***Lo spreco dell’aggettivo “storico” da parte dei media è diventato ormai insopportabile, tanto che produce noia e assuefazione. Se poi dai titoli si scende all’articolo, si capisce che la dichiarazione di guerra al riscaldamento globale “potrebbe essere storica se ecc.ecc”. La vera notizia è che non è neppure un  trattato e dell’accordo si attendono ancora leContinua a leggere “Il pianeta azzurro, l’unico che abbiamo. I Tg di venerdì 22 aprile”

Clima. Emergenza acqua, laghi svuotati per 3/4

Quanto tempo e quali altri danni dovremo aspettare prima che le autorità responsabili, e l’opinione pubblica che ha il compito indispensabile di incalzarli, si decidano a prendere quei provvedimenti strutturali imposti, non più da un’emergenza locale, ma dai cambiamenti del clima? A intervenire per l’ammodernamento e lo sviluppo del trasporto pubblico, disincentivando allo stesso tempo ancheContinua a leggere “Clima. Emergenza acqua, laghi svuotati per 3/4”

Risparmiatori ed investitori. I Tg di giovedì 10 dicembre

Chi ha letto stamani sulla  repubblica i dati e le cifre che emergono dall’inchiesta di Alberto Statera ( “Tra panfili e sultani il pozzo nero dell’Etruria”),ha potuto farsi un’idea delle dimensioni reali o probabili dello scandalo, ben oltre l’accenno fugace al coinvolgimento del padre del ministro Boschi o il quadro riduttivo degli errori di gestione offertoContinua a leggere “Risparmiatori ed investitori. I Tg di giovedì 10 dicembre”

La schizofrenia climatica di Usa, Cina e India

Annunciano lotta dura ai cambiamenti climatici. Ma sfuggono agli accordi vincolanti. Veleni e ipocrisie. Grandi ammissioni di responsabilità e annunci di nuove leggi e investimenti per ridurre le emissioni di gas serra nell’atmosfera. Sono Stati Uniti, Cina e India, i tre maggiori inquinatori del pianeta. Ma nessuno di loro è disposto a sottoscrivere accordi legalmente vincolantiContinua a leggere “La schizofrenia climatica di Usa, Cina e India”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: