Il lavoro e la trappola del lusso

Roma, 7 febbraio 2018 – L’accordo raggiunto dai metalmeccanici tedeschi con le imprese del Baden-Wuerttemberg per 28 ore di lavoro a settimana invece di 35 ha richiamato l’attenzione di molti giornali. “La rivoluzione che invidiamo a Berlino”, titola la Repubblica. “Storico accordo”, Corriere della Sera e La Stampa. E quel sogno tradito di almeno quarant’anniContinua a leggere “Il lavoro e la trappola del lusso”

Ribelliamoci a chi dice che la società non esiste

Dall’ultimo numero di Internazionale vi raccomando la lettura integrale di questo breve saggio di Monbiot. Spiega molto chiaramente i motivi per cui, come spero anche molti di voi,  non riesco più a concepire una strategia politica valida per il nostro tempo e per quello avvenire senza una contestazione radicale dell’attuale modello di sviluppo capitalistico. Un modelloContinua a leggere “Ribelliamoci a chi dice che la società non esiste”

Berlino, 25 anni fa.Caffè del 9

Alle riflessioni di Corradino Mineo voglio aggiungerne una. Dalla caduta del muro di Berlino in poi la questione con cui è costretta a confrontarsi la maggioranza di coloro che vivono o sopravvivono nel pianeta non è se siano o saranno gli Stati Uniti a dominare il mondo, oppure la Cina , o l’Europa, ma quella diContinua a leggere “Berlino, 25 anni fa.Caffè del 9”

Se il Papa critica il capitalismo (e la sinistra no)

da Micromega, 6 giugno 2013 – Bergoglio non è un rivoluzionario, né ha fatto parte delle correnti più progressiste della Chiesa. E tuttavia il suo magistero s’inserisce in quella rinnovata attenzione alla dottrina sociale scaturita dagli anni del Concilio e dalle esperienza della Chiesa latinoamericana. Perché una simile prospettiva di fede non ha ancora riscossoContinua a leggere “Se il Papa critica il capitalismo (e la sinistra no)”