Vai alla barra degli strumenti

Il caso Torrisi e la maggioranza

Roma, 6 aprile 2017 – Ora che non è più ufficialmente segretario del Pd o che tale finge di non essere, Matteo Renzi ha ripreso a svolgere con il premier Gentiloni lo stesso ruolo che aveva con Letta prima di dargli il benservito con il famoso tweet #enricostaisereno. Se fosse solo per sfidare e incalzare il governoContinua a leggere “Il caso Torrisi e la maggioranza”

Leggi elettorali folli, la politica a processo

Che la politica non abbia fatto il suo mestiere, che è anzitutto quello di rispettare la Costituzione sulla quale ha giurato, mi pare evidente. La magistratura di garanzia può sbagliare solo se non rispetta la costituzione nel dichiarare la illegittimità di quelle parti della legge che sono state sottoposte al suo esame. Se ciò facendoContinua a leggere “Leggi elettorali folli, la politica a processo”

La Costituzione, il Vangelo e Papa Francesco. I tg di Giovedì 12 maggio

“Se Dio è madre”, così avevo intitolato un lungo servizio dall’Inghilterra per TG2 Focus sull’ordinazione della prima donna sacerdote nella Chiesa Anglicana. Un reportage che non ebbe molta pubblicità ma invece  “il più vivo apprezzamento” in una lettera che conservo di  “Voce Donna” e delle teologhe italiane che di quel gruppo facevano parte. Papa Luciani aveva  pronunciato qualche anno primaContinua a leggere “La Costituzione, il Vangelo e Papa Francesco. I tg di Giovedì 12 maggio”

I professionisti dell’antimafia. I Tg di mercoledì 4 maggio

Quando la lessi sul Corriere della Sera subito dopo che era stata scritta, quella frase di Leonardo Sciascia non mi convinse affatto. Eravamo all’inizio del 1987 e si attendeva la sentenza del maxiprocesso a Cosa nostra. Prendendo spunto da un libro sul processo Mori intitolato “La mafia contro il fascismo”, lo scrittore siciliano se la prendeva,Continua a leggere “I professionisti dell’antimafia. I Tg di mercoledì 4 maggio”

Francoforte vs Berlino. I Tg di giovedì 21 aprile

 ***di Lorenzo Coletta – Aperture e scalette molto simili nei Tg di serata. Per 5 testate primo titolo al “forte dissenso” (Tg La7) manifestato a Francoforte dal Governatore della Bce Mario Draghi verso il ministro tedesco Schauble che ha criticato il mantenimento a zero dei tassi d’interesse. Efficaci i servizi di Tg4 e Tg La7Continua a leggere “Francoforte vs Berlino. I Tg di giovedì 21 aprile”

Ciao. I Tg di martedì 12 aprile

La fine del bicameralismo non c’é. Se al referendum di ottobre prevarranno i sì avremo, questo sì, la fine del bicameralismo paritario e l’inizio di quello pasticciato. E avremo la violenza portata alla Costituzione con il consenso spontaneo di poco più di un terzo del parlamento italiano. Al di là dei numeri alla Camera, acquisitiContinua a leggere “Ciao. I Tg di martedì 12 aprile”

Poco pubblico per Renzi. I Tg di lunedì 11 aprile

***Chissà, forse i parlamentari cominciano ad essere stanchi del ruolo che il segretario premier ha assegnato loro, di limitarsi a fare il “pubblico” appunto. Per questo le opposizioni disertano. E se i Cinque stelle chiedono che “il voto finale sia posticipato a dopo quello per la sfiducia” è forse perché si illudono che Matteo Renzi,Continua a leggere “Poco pubblico per Renzi. I Tg di lunedì 11 aprile”

Maldestri malintesi. I Tg di venerdì 26 febbraio

***di Luca Baldazzi – All’odierno incontro romano con il Commissario Europeo Junker tutte le testate danno il primo titolo ed esprimono un analogo giudizio: si è trattato del “vertice del disgelo”. “Più vicini sulla flessibilità” evidenza Tg1; “Esemplare la gestione italiana dei migranti” riporta Tg2; “Matteo e Jean Claude” si chiamano per nome, evidenzia ancheContinua a leggere “Maldestri malintesi. I Tg di venerdì 26 febbraio”

Limate, ma non troppo. I Tg di mercoledì 24 febbraio

A giudicare dall’osservatorio, sembra di capire che le opposizioni e le critiche rivolte alla legge per superare le quali il governo ha ritenuto indispensabile porre la fiducia, a parte un commento di Mentana sull’ “ipocrita” cancellazione del dovere di “fedeltà” per le unioni civili, siano tutte svanite nel nulla, o meglio nel trionfo di una giornata “storica”.Continua a leggere “Limate, ma non troppo. I Tg di mercoledì 24 febbraio”

A.Pace: perché il NO alla deforma costituzionale

Il professor Alessandro Pace, Presidente del Comitato per il No alla “deforma costituzionale” Renzi-Boschi, è intervenuto ieri su Jobnews.it per spiegare le ragioni politiche e giuridiche di questa scelta. (nandocan) ***di Alessandro Pace, 2 novembre 2015 – Qualora si volesse individuare il vizio più grave e omnicomprensivo che caratterizza la riforma costituzionale Renzi-Boschi questo andrebbeContinua a leggere “A.Pace: perché il NO alla deforma costituzionale”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: