Il riassunto

Roma, 10 settembre 2017 – Ci provano da dieci anni. Cominciò il ministro della Giustizia Mastella nel 2007, governo Prodi. Due anni dopo il ministro Alfano con Berlusconi premier, fino all’attuale guardasigilli Orlando. Tutti sollecitati, incalzati, pressati dalla gran parte della nostra classe dirigente politica e non solo, stanca di veder riportata sulla stampa oContinua a leggere “Il riassunto”

Pisapia e le bufale in rete

Roma, 2 febbraio 2017 – “Un arbitro contro le bugie della Rete”, chiede, così titolando sulla “Repubblica” di oggi, anche un giurista e un politico progressista come Giuliano Pisapia, riconoscendo che “non è facile trovare una soluzione equilibrata” ed elencando alcune delle proposte avanzate in questi anni, a cominciare da quella del Presidente dell’Antitrust, Pitruzzella, cheContinua a leggere “Pisapia e le bufale in rete”

Se la minaccia del carcere diventasse un bavaglio

Il timore fondato che uno stop alla libertà di espressione e di informazione si accompagni, in Italia e in Europa come nel resto del mondo, all’involuzione autoritaria di alcune democrazie. L’allarme lanciato dal sito freespeechdebate.com di Garton Ash, con riferimento ai provvedimenti adottati per combattere il terrorismo in diversi Paesi:”dalla Cina all’Egitto, dalla Turchia allaContinua a leggere “Se la minaccia del carcere diventasse un bavaglio”

NO bavaglio all’informazione. Presidio alle ambasciate di Iran, Egitto, Turchia (video 4’53”)

Roma, via Palestro, presso l’ambasciata turca. Contro il bavaglio all’informazione in Iran, Egitto,Turchia. Che le ambasciate dei Paesi del bavaglio non ci avrebbero fatto avvicinare lo avevamo immaginato, ma qualche isolato più in là il nostro presidio lo abbiamo fatto lo stesso. Un sit in itinerante promosso da Articolo 21 in collaborazione con FNSI, AmnestyContinua a leggere “NO bavaglio all’informazione. Presidio alle ambasciate di Iran, Egitto, Turchia (video 4’53”)”

A chi sparla dell’antimafia

Scrivendo da anni in Sicilia, Rino Giacalone è uno dei colleghi che più hanno pagato di persona per garantire ai suoi conterranei il diritto di essere informati sulle vicende più oscure di Cosa nostra. Un professionista, che ha seguito processi difficili e non si è mai tirato indietro quando c’era una storia scomoda da raccontare.Continua a leggere “A chi sparla dell’antimafia”