Da Andreotti a Verdini, passando per Renzi

Roma, 6 ottobre 2017 – Altro che l’eloquenza genericamente ansiosa di Ezio Mauro. A indicare con maggior precisione “il modo nuovo in cui una moderna sinistra deve agire” giustamente auspicato dall’ex direttore della Repubblica, ci ha pensato un sostituto procuratore di Pistoia, Fabio De Vizio, indicato oggi sullo stesso quotidiano da Sergio Rizzo  come unoContinua a leggere “Da Andreotti a Verdini, passando per Renzi”

Il riassunto

Roma, 10 settembre 2017 – Ci provano da dieci anni. Cominciò il ministro della Giustizia Mastella nel 2007, governo Prodi. Due anni dopo il ministro Alfano con Berlusconi premier, fino all’attuale guardasigilli Orlando. Tutti sollecitati, incalzati, pressati dalla gran parte della nostra classe dirigente politica e non solo, stanca di veder riportata sulla stampa oContinua a leggere “Il riassunto”

Salviamole, queste vite umane, ma solo se stanno per affogare.

Roma, 30 Aprile 2017 – Che siano veri o no questi presunti contatti con i cosiddetti “scafisti”, a  me sembra chiaro che la campagna di accuse contro le Ong si stia rivelando una montatura, con due obbiettivi principali: 1)quello di guadagnare voti per le forze politiche che speculano sulla paura e sull’odio per i migranti, 2) per iContinua a leggere “Salviamole, queste vite umane, ma solo se stanno per affogare.”

Il caso Torrisi e la maggioranza

Roma, 6 aprile 2017 – Ora che non è più ufficialmente segretario del Pd o che tale finge di non essere, Matteo Renzi ha ripreso a svolgere con il premier Gentiloni lo stesso ruolo che aveva con Letta prima di dargli il benservito con il famoso tweet #enricostaisereno. Se fosse solo per sfidare e incalzare il governoContinua a leggere “Il caso Torrisi e la maggioranza”

Nel partito dell’avventura?

Roma, 14 febbraio 2017 – Alla direzione Pd di ieri Dario Franceschini non è intervenuto, ma parlando coi giornalisti è riuscito come nessun altro a riassumere in due sole frasi il passaggio decisivo a cui il suo partito si trova di fronte. “Se va via dal Pd un ex segretario – ha detto – è un problemaContinua a leggere “Nel partito dell’avventura?”

ConSenso. Per un nuovo centro sinistra

Roma, 29 gennaio 2017 – ConSenso. La scritta a caratteri cubitali su sfondo verde, con la S di sinistra evidenziata dalla maiuscola, saluta dal palco del Centro Frentani di Roma i fondatori del nuovo movimento “senza tessere” nato dai comitati per il No di Guido Calvi e Massimo D’Alema. In forma come non mai il “rottamato” per eccellenza ironizza: iContinua a leggere “ConSenso. Per un nuovo centro sinistra”

La Francia nel pallone. I Tg di martedì 14 maggio

Forse qualcosa è sfuggito a me come a Baldazzi ma non mi pare di aver notato, fra i tanti servizi sulle manifestazioni sindacali e soprattutto sui disordini del Paese vicino, qualche spiegazione dei motivi per cui i lavoratori scendono in piazza contro la loi travail, se non il riferimento ad un imprecisato Jobs Act francese. SarebbeContinua a leggere “La Francia nel pallone. I Tg di martedì 14 maggio”

I Tg di mercoledì 1 giugno

***di Lorenzo Coletta – Aperture una volta tanto differenziate per l’informazione di serata. A tener banco sulle testate Rai sono l’appello lanciato dal Presidente della Repubblica all’unità, sia nazionale che europea, nell’affrontare l’emergenza migranti, e il confronto tra la Cei ed il Ministero degli Interni sui limiti dell’accoglienza (apertura anche per Tg4). Allo scambio tra MonsignorContinua a leggere “I Tg di mercoledì 1 giugno”

La sentenza via post. I Tg di venerdì 13 maggio

“Mentana segnala che, in piena campagna per le amministrative, l’assist lanciato dal Movimento ai suoi competitor è plateale”. Tradotto in italiano per i miei coetanei: Mentana rileva che l’aiuto dato con questi metodi autoritari dal movimento 5 stelle ai partiti concorrenti nelle elezioni amministrative è di tutta evidenza (nandocan). ***di Luca Baldazzi – Per Pizzarotti la comunicazione diContinua a leggere “La sentenza via post. I Tg di venerdì 13 maggio”

Le unioni dividono, perché? I Tg di martedì 10 maggio

Alberto Baldazzi ha deciso di mettere da parte ogni scrupolo non solo di osservatore imparziale ma anche semplicemente di osservatore dei telegiornali per entrare completamente nel ruolo di corsivista della politica. E dopo l’esordio trionfalistico sulle unioni civili “storico passaggio di civiltà”, si dispiace che i teleutenti rimangano “schiacciati sotto il peso delle diatribe politicheContinua a leggere “Le unioni dividono, perché? I Tg di martedì 10 maggio”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti