Sulla felicità

di Giovanni Lamagna, 19 settembre 2021

Traggo spunto per questa riflessione dalla lettura delle pag. 15-17 di un libro scritto da Diego Fusaro, “Caro Epicuro” (Piemme; 2020), dedicate al tema della felicità. Che cosa è dunque la felicità per me? Ammesso che essa esista, che sia possibile sperimentarla a noi umani. Per rispondere a tale domanda distinguerei questa parola da altre nozioni, concetti, che spesso vengono evocati quando si tratta di felicità, quasi ne fossero sinonimi o quantomeno fossero a lei contigui, se non proprio affini.

Questi concetti sono quello di piacere, quello di assenza di dolore e quello di pienezza dell’essere (che vengono, non a caso nominati, nel breve testo di Fusaro); ai quali io aggiungerei quello di gioia e quello classico, tipico dell’antica Grecia, cioè quello di “eudaimonia”. Cercherò allora per ciascuno di essi di ragionare se e in che misura hanno a che fare con il concetto, anzi con l’esperienza della felicità.

Per Epicuro, come non manca di ricordarci Diego Fusaro, felicità e piacere sono sostanzialmente sinonimi.

Qui è appena il caso di evidenziare che Epicuro non parla di un piacere smodato e senza limiti, quello che Lacan definirà “godimento mortifero”, ovverossia il godimento dei viziosi, che finiscono per affogare e infine perire nella loro ricerca del piacere.

Il piacere

Il piacere di cui parla Epicuro è un piacere misurato, che mira ad eliminare il dolore. E’, ad esempio, il piacere che dà il bere che elimina il dolore della sete, quello del mangiare che elimina il dolore della fame. Non è quindi il bere che provoca ubriacatura, né il mangiare che provoca vomito. Ubriacatura e vomito, infatti, hanno ben poco a che fare col piacere.

Sembrerebbe allora che per Epicuro la felicità consista nell’assenza del dolore, ovverossia nel piacere che elimina il dolore. E qui giustamente Fusaro si interroga: è vero che la felicità sta in questo, nell’assenza di dolore? E risponde: no, la felicità trova nell’assenza del dolore una sua condizione imprescindibile, la sua condizione negativa per sussistere, ma non può identificarsi con la semplice assenza del dolore.

Infatti (e questo lo aggiungo io) quante persone non sono affatto in una condizione di dolore (ovverossia di privazione, almeno apparente) e non sono affatto felici, almeno non lo sembrano affatto. Ci sono perfino ricchi, che vivono in una condizione di abbondanza di beni, conducono una vita da sbafo, eppure affondano nella noia più profonda, se non addirittura nell’angoscia mortale. Quanti ricchi arrivano perfino a suicidarsi, perché infelici!

La gioia

Diverso dal concetto di piacere è quello di gioia. Il piacere ha che fare principalmente col materiale, col corporeo: ci procura piacere ciò che ci procura sensazioni di benessere fisico. La gioia, invece, ha a che fare più con lo psichico: ci procurano gioia quelle situazioni che ci donano un benessere psicofisico, delle emozioni e dei sentimenti di benessere.

Il piacere, insomma, in estrema sintesi, ha a che fare con le sensazioni, la gioia con le emozioni e i sentimenti. A mio avviso le gioie sono più affini all’esperienza della felicità di quanto non lo siano i piaceri. E’ difficile, infatti, che la gioia si accompagni alla noia e meno che mai all’angoscia. Mentre, come abbiamo visto, talvolta noia e perfino angoscia si accompagnano ai piaceri. E però manco la gioia può essere definita sinonimo di felicità. Infatti, i sentimenti ed ancora di più le emozioni che possiamo definire “gioie” hanno un che di transeunte, di passeggero: ora ci sono e dopo qualche istante non ci sono più.

La felicità

Joyfully Moment-1: photographs by Bijoy Chowdhury from West Bengal won the 1st Prize in the Black & White Section of the 19th National Photo Contest on the theme “Happiness” organized by Photo Division, Ministry of Information and Broadcasting.

La felicità, invece, è una condizione esistenziale che noi associamo non al singolo istante o a singoli momenti distanziati tra di loro, ma a un insieme di momenti, anzi ad una intera e prolungata condizione di vita. A questo punto allora potremmo chiederci: esiste la felicità? può esistere la felicità? La mia risposta a questa domanda è netta, drastica: no, non esiste, non può esistere.

L’uomo, ciascuno di noi uomini, può sperimentare singoli momenti di felicità, ma non può ambire a una condizione perpetua, costante, indefinita e indeterminata di felicità. Può aspirare alla gioia, a momenti di gioia, non può pretendere di essere felice. Le gioie, infatti, nella condizione in cui è stato “gettato” l’uomo al momento della nascita, si alterneranno fatalmente con momenti di dolore sia fisico che psichico. Quindi non potranno mai garantire quella che pensiamo idealmente, astrattamente, concettualmente, come felicità.

La “pienezza di essere”

Qualcosa che si avvicina alla felicità, ma che comunque non coincide con essa, è quella che viene definita ed è stata definita da Fusaro “pienezza di essere”; ovverossia la condizione di una “vita piena”. In cosa consiste questa condizione?Non certo nell’assenza totale di dolori, sofferenze e pene; sappiamo bene che a nessun uomo è destinata una simile condizione esistenziale.

Essa consiste allora nel fatto che l’uomo sente profondamente di stare a realizzare o di aver realizzato, quando la sua vita si avvia al tramonto, la sua vocazione fondamentale, il compito (per usare un termine caro a Victor Frankl) a cui era stato chiamato quando era nato.

Questa condizione di fondamentale soddisfazione dell’essere (che i Greci definivano di “eu-daimonia”, cioè di sostanziale accordo con il proprio “buon demone” interiore) è forse la condizione umana più vicina a quella che immaginiamo sia la felicità. Essa però si accompagna pur sempre a dolori e fatiche. E, quindi, pur dandoci una qualche esperienza di cosa sia o potrebbe essere la felicità, ne è comunque ben distinta, anzi distante.

La felicità, in altri termine, non è una condizione possibile all’uomo; perlomeno non lo è in questo mondo; in un altro mondo, se esistesse, dopo questa vita, chissà, forse…

Articoli recenti:

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: