Sogin creata per smantellare centrali nucleari: 21 anni dopo rifiuti radioattivi liberi e irresponsabili all’ingrasso

da Remocontro, 14 gennaio 2022

Remocontro aveva denunciato lo scandalo già nel  2015, ma noi siamo piccoli anche se caparbiamente insistenti. Ora ci prova Milena Gabanelli, valorosa reduce Rai, sulle pagine del Corriere della sera. Noi rilanciamo con qualche aggiunta ad aiutare.

Sogin peggio della Salerno Reggio Calabria

«Nemmeno con la Salerno-Reggio Calabria si era arrivati a tanto. Ci sono voluti dieci anni per costruirla e quaranta per ammodernarla». Ma per la Sogin è pure peggio. Parliamo di scorie e rifiuti nucleari. Storia infinita. Nel 1987, con un referendum popolare, l’Italia chiude le centrali nucleari. Nel 1999 nasce la Società di Stato «Sogin», incaricata di chiudere il ciclo delle centrali di Caorso, Trino Vercellese, Garigliano, Latina e di mettere in sicurezza le scorie radioattive degli impianti.

Tabella rigosa, inadempienze da sempre

I decreti Bersani (2001) e Marzano (2004) definiscono la tabella di marcia: «entro il 2014 Sogin deve mettere in sicurezza i rifiuti nucleari di tutti gli impianti, inclusi quelli dell’ex-Enea, ed entro il 2019 smantellare le centrali». La politica dispone e Sogin che ne è figlia, se ne impippa.  Direttori generali inadempienti cacciati quanti? Nessuno ovviamente, salvo un po’ di faide interne, perché tra gli ‘smantellatori’ si nascondono ‘nuclearisti irriducibili’.  

Smantellare e mettere in sicurezza

Né l’uno, né l’altro, o se preferite, un po’ (poco) di questo, e ancora meno dell’altro. I materiali ottenuti dagli smantellamenti vanno custoditi in depositi speciali e provvisori, prima di finire sotterrati in un unico deposito nazionale «che, nel frattempo, sarà individuato e che Sogin costruirà e gestirà (lasciando le aree completamente decontaminate)». Milena Gabanelli è una signora e lo stile Corriere vieta di parlare di presa per il sedere (e anche noi ci moderiamo).

 Gabanelli fa i conti in tasca

«I costi previsti per l’intera operazione ammontano a 3,7 miliardi di euro, caricati sulla bolletta elettrica secondo un ‘sistema regolatorio’ fissato dall’autorità per l’Energia (Arera) nella voce ‘oneri di sistema’». Più o meno come i costi previsti per la Salerno-Reggio.

Le attività previste e quelle realizzate

  • I primi dieci anni passano a definire gli interventi per la disattivazione delle centrali, la sistemazione del combustibile, richieste delle autorizzazioni ecc.. «In breve: inerzia», la sintesi Gabanelli.
  • Nel 2010 vengono richiesti i ‘piani a vita intera’, il programma di attività previsto anno per anno, fino al completamento dei lavori. Il costo totale sale a 5,71 miliardi e la fine lavori al 2025.
  • Il piano a vita intera prevede attività per 790 milioni entro il 2016. Ne sono state effettuate per 239 milioni (circa 30%).
  • Luglio 2013, il costo totale cresce a 6,48 miliardi. Stesso anno cambia governo, nuovo amministratore delegato è Riccardo Casale, ex di Geam, società di raccolta e smaltimento rifiuti urbani del porto di Genova.
  • Nel 2018 attività effettivamente eseguite per 380 milioni, invece degli 890 (circa il 43%).
  • A novembre 2017 il costo totale sale a 7,25 miliardi di euro e la fine lavori spostata al 2036. 
  • Dopo i primi 3 anni, invece dei 385 milioni di lavori previsti sono state eseguite attività per 176 milioni (il 46%).
  • Nel primo trimestre 2021 le attività eseguite 6 volte inferiori a quelle del trimestre precedente.
  • Nel primo trimestre 2021 le attività eseguite 6 volte inferiori a quelle del trimestre precedente.

Minacce radioattive in casa

Priorità assoluta la messa in sicurezza dei rifiuti liquidi a Saluggia e la messa a secco del combustibile di Rotondella. Nel 2012 Sogin affida a Saipem la cementificazione dei rifiuti radioattivi. Progetto «Cemex» con operazioni da ‘remoto’, dato l’alto livello di radioattività dei liquidi da trattare. Saipem consegna il progetto nel 2013. Sogin lo approva nel 2015, ma poi non sa gestirlo. Dopo un ultimatum di Saipem, Sogin risolve il contratto per «manifesta incapacità». Incapacità di chi?

La bomba di Saluggia

Nell’impianto di Saluggia ci sono 270 mila litri di rifiuti radioattivi liquidi e acidi, stoccati in serbatoi di acciaio costruiti negli anni ’60. Sullo stato di conservazione non è dato sapere, perché inaccessibili a causa dell’alta radioattività. Nel ‘77 la licenza di esercizio rilasciata ai gestori dell’impianto aveva questa prescrizione: i rifiuti liquidi vanno solidificati entro 5 anni. Ne sono passati 40 e sono ancora lì. Caso unico al mondo

Passamano e portafogli gonfi

Passano 3 anni e a luglio 2020, altra gara. A settembre offerta di un consorzio a quattro. Tutte aziende medio piccole, senza alcuna esperienza nucleare né di grandi impianti. A maggio 2021 incassano un anticipo di 30 milioni. A oggi sono state istallate la gru e le baracche di cantiere. Su 6,9 milioni di euro di attività programmate per il 2021 al 30 novembre ne erano state eseguite per 400 mila euro.

Il deposito nazionale che non c’è

Il 9 gennaio scorso vengono rese pubbliche le 12 aree fra la provincia di Alessandria (dove oggi sono stoccati i rifiuti più pericolosi di cui abbiamo detto), di Torino e Viterbo ritenute geologicamente e sismicamente idonee. Obbligo di consultazione pubblica e accordo sull’indennizzo. Se mai accadrà, la costruzione durerà quattro anni e costerà 900 milioni. Confronti con le popolazioni neppure iniziati. Nel frattempo, i rifiuti mandati in Inghilterra e in Francia ci costano 50 milioni l’anno per tenerli stoccati fuori.

Costi a perdere, dipendenti a crescere

Il costo previsto per risolvere tutto entro il 2019 era di 3,7 miliardi. Alla fine del 2020 Sogin è già costata 4 miliardi di euro, di cui 2,2 miliardi per pagare gli stipendi del personale (lievitato da 650 a 1.100 a oltre trenta dirigenti). Lavori eseguiti in 20 anni: circa il 30%. Il condizionamento dei più pericolosi rifiuti radioattivi mai iniziato, e lo smantellamento delle «isole nucleari» (Trino, Caorso, Latina, Garigliano) ancora in fase di ‘progetto’. ‘Più altre vergogne e trucchi sul volume di lavori per ‘premi di produzione’. 

Chi deve vigilare

L’Autorità per l’Energia ha sempre pagato a piè di lista, senza mai applicare le penalità previste quando non si raggiungono gli obiettivi. Non ha mai vigilato l’azionista cioè il Mef, né il ministero dello Sviluppo Economico, né il ministero dell’Ambiente.

«Cacciateli tutti»

Il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani: «l’unica soluzione è un commissariamento su modello Ponte Morandi, perché è un problema di ordine nazionale». Il Mef prende tempo. Ma un altro rinvio ci espone a rischi di dimensioni spaventose. Solo a Saluggia, ripetiamo, è stoccato il 75% di tutta la radioattività presente sul territorio nazionale. E la messa in sicurezza è stata assegnata a un gruppo di imprese di manutenzione e pulizie!

Il Nobel Rubia disse

Dopo l’alluvione del 2000, Carlo Rubbia, allora presidente dell’Enea, proprietario del sito, recapitò al governo uno studio (qui la lettera originale di Rubbia): «lo sversamento di una parte di quei liquidi renderebbe necessaria l’evacuazione delle sponde del Po fino al delta, e terreni e falde adiacenti inutilizzabili per decenni». Con quale giustificazione si prende ancora tempo?

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: