Se non vogliamo che siano i giudici a decidere la politica

Roma, 12 aprile 2017 – Le contraddizioni attribuite ai Cinque Stelle non soltanto sulla collocazione, a destra o a sinistra, nello schieramento parlamentare ma anche e soprattutto sulla flessibile   democrazia interna del movimento hanno riacceso, col caso Genova,  il dibattito su quale sia il “metodo democratico” con cui l’articolo 49 della Costituzione prevede da 69 anni che si  svolga l’attività dei partiti. Che questi ultimi siano poco interessati ad una legge che li disciplini non ha più bisogno di essere dimostrato e non sarà certo quello che si definisce un “non partito” a richiederla. Tuttavia, come ha risposto ieri a Liana Milella della Repubblica l’ex presidente della Corte costituzionale Valerio Onida, “lasciare le regole interne delle forze politiche e la loro osservanza alle norme del codice civile sulle associazioni e sulle società” comporta che “alla fine possono essere chiamati i giudici a dirimere conflitti nati da motivi politici”. Con notevoli conseguenze sulla vita delle comunità se è vero che in casi come questo i Cinque Stelle, qualora la decisione dei giudici diventasse definitiva, sarebbero  costretti  a scegliere tra il rispetto della sentenza e il ritiro dalla competizione elettorale.

D’altra parte anche una legge quadro che si limitasse, come prospetta Onida, a “garantire il rispetto dei principi fondamentali di democrazia interna”,  dovrebbe pur precisare qualcosa sul modo di gestire passaggi decisivi come le cosiddette “primarie aperte” per la leadership. Ad esempio sul fatto che un impegno generico, quanto di fatto gratuito e difficilmente verificabile, a sostenere il partito permetta oggi di designare col voto il suo gruppo dirigente. Ciò che è avvenuto per il Pd nel dicembre 2013 e potrà ancora avvenire il 30 aprile prossimo. Con il rischio di infiltrazioni da parte di elettori critici o addirittura avversari, interessati comunque a determinarne l’orientamento. Se non ponesse un limite almeno a questo, a che servirebbe una legge sui partiti?

Lasciamo allora da parte il problema giuridico e proviamo a chiarirci le idee su come promuovere e organizzare una vera democrazia all’interno delle forze politiche, che si tratti di partiti o di movimenti. Nel conflitto – non solo inevitabile ma auspicabile – che può verificarsi di fronte ad ogni scelta politica, che l’opinione di ogni iscritto o militante abbia lo stesso peso e “uno valga uno” non accade neppure tra i grillini. Ed è giusto che sia così. Ma la competenza, le idee e le proposte di ciascuno devono avere la possibilità di farsi valere ad ogni livello, dalle assemblee di quartiere per i semplici elettori a quelle di circolo per gli iscritti, dagli organi collegiali periferici alla direzione e alla segreteria nazionale. E’ il solo modo di riconoscere, valutare e selezionare una classe dirigente democratica degna di questo nome. Che lo si faccia in una sede di partito o attraverso un dibattito su internet, importante è ascoltarsi, discutere e infine approvare o respingere la scelta in questione, che si tratti di una candidatura o di una presa di posizione. Giudicando ognuno con la propria testa per ogni questione, valutandone il merito e non l'”amicizia” col proponente. L’alternativa è l’adesione individuale acritica agli orientamenti e alla propaganda del capo.

Leggevo ieri una bella citazione del pedagogista Jean Piaget fatta dal collega dell’Espresso Alessandro Gilioli. “La società ha inizio a partire da due individui, quando il rapporto fra questi individui modifica la natura del loro comportamento». Questo, commentava il collega,  è e resta il grande bivio, la grande scelta, e questa è la diade che continua oltre le parole destra e sinistra”. Eliminare le disuguaglianze, certo. Distribuire la ricchezza è più che mai necessario. Ma perché si possa parlare di democrazia non basta l’indicazione periodica di un leader e di un partito,  serve anche una reale distribuzione del potere di decisione.

 

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Una opinione su "Se non vogliamo che siano i giudici a decidere la politica"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: