Salario minimo

***di Massimo Marnetto, 28 settembre 2021 – Se non ci fossero lavoratori poveri, non ci sarebbe bisogno del salario minimo. E invece sono circa 5 milioni (dati Inps). Non solo rider, ma personale delle pulizie, addetti ai beni culturali, operatori sanitari e molti altri. Tutti lavoratori non coperti da contratti collettivi oppure – peggio ancora – ricadenti in accordi che prevedono paghe inferiori ai 9 euro lordi, la soglia minima che si vuole introdurre per legge.

Sindacati e imprenditori vogliono che il tema rimanga nel perimetro della contrattazione collettiva, per integrare le retribuzioni minime insieme a tutte le altre tutele. Ma per dare di più, si rischia di non dare l’essenziale. Mentre è venuto il momento di bonificare il lavoro dalla povertà. E tornare alla Costituzione, che prevede “un salario sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa” (art. 36).

Articoli recenti:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: