Saccheggiatore sorridente

***di Massimo Marnetto, 17 gennaio 2022

Come i boss che ha frequentato per anni, B. esige il ”baciamo le mani a Vossia’‘ di Salvini e Meloni. Che vengono costretti a recitare la farsa della candidatura entusiasta e insistita offerta a Lui, che fa il riluttante, bisognoso di tempo per sciogliere la riserva. L’uomo convoca i suoi alleati nella sfarzosa Villa Grande – segno plastico di dominanza – per dimostrare che più del consenso politico, Lui conta sul consenso culturale. Ovvero la deferenza istintiva verso i ricchi da parte dei sudditi: proletariato da risse televisive, piccoli borghesi evasori e scaltri opportunisti rampicanti. 

Salvini e Meloni sanno bene che B. ha ancora un impero mediatico con cui potrebbe massacrarli. E subito si acconciano alla venerazione. La scena è desolante. E non si sa se faccia più pena un vecchio malvissuto afflitto da narcisismo degenerativo; o più disgusto la sua corte che lo asseconda con ipocrisia giuliva, mentre spera di vederlo accoppato in un’imboscata di franchi tiratori. No, questa orda lanzichenecca non può accamparsi al Quirinale. Abbiamo già patito un ventennio di razzie da parte del Saccheggiatore sorridente.

Articoli recenti:

  • Allarme New York Times: missili Nato in Ucraina? «Atomiche di Mosca di fronte agli Usa»
    Risposta da guerra fredda all’Ucraina nella Nato. Sarebbe coinvolta la base di russa di Vladivostok. L’allarme arriva dal New York Times: la possibilità che l’esercito russo sposti sulla sua costa orientale armi atomiche (ma non c’erano già?), una misura che potrebbe essere interpretata come una «minaccia diretta» dagli apparati di sicurezza americani. Rischio allarmismi strumentali. Minacce presunte e possibili provocazioni in una partita per fortuna ancora politica. Ma sempre più rischiosa.
  • Capace di tutto
    O che forse dobbiamo prepararci al “coup de téatre” di Berlusconi che giovedì prossimo – sciogliendo la sua astuta riserva-verrà a dirci di essere sicuro di poter contare sulla maggioranza dei grandi elettori del Quirinale (garante Sgarbi) ma, da vero padre della patria, ci comunicherà di aver deciso di lasciare la Presidenza a Mario Draghi, che sarà dunque candidato ufficialmente da Meloni e Salvini, costringendo il PD ad accordarsi in ruolo subalterno (avendo rinunciato a candidare subito Draghi) e i 5S a trangugiare il boccone amaro?
  • Il colore dei sogni*
    Malinconia di un sogno derubato dal risveglio di un’alba pellegrina che viene e va, timbrando il cartellino al brusco ingresso d’ogni mia mattina. Aprendo gli occhi ancora mi domando se quella trama oscura e sibillina sia solo un sogno o io stia ricordando. Forse era l’inizio di un amore un’avventura gialla oppure rosa, ma tanto i sogni non hanno colore. Grazie a loro la mente si riposa dalla sequenza logica del tempo e dalla pia illusione di ogni cosa.
  • Borsa nera
    Sarebbe troppo chiedere che il candidato al Quirinale si voti indicando – a pena di nullità – solo il suo nome e cognome? Sembra una richiesta ingenua, ma purtroppo ritornano in auge vecchi trucchi per ”tracciare” i votanti, giocando sulle combinazioni dell’indicazione (titolo prima del nome, solo iniziale del nome, cognome anteposto al nome, ecc.). 
  • Ucraina, tensione armata e ‘false bandiere’
    Crisi a est. Nella foto di copertina, carri armati al confine Russia Ucraina, ma tutto è fermo in una vigilia di paura. Adesso Nato e Usa accusano Mosca per un «attacco cyber». Accuse incrociate di provocazioni «false flag», sotto falsa bandiera. Iniziare un’azione armata addossandone la colpa politica all’avversario. Da Mosca Sergei Lavrov ammonisce «Basta allargamento a est. Non ripetete l’avventura della Georgia».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: