Quota 100: un privilegio per pochi

***di Massimo Marnetto, 24 ottobre 2021

Quota 100 è stata una grande spreco di denaro, che ha favorito chi non aveva bisogno di sostegno e poteva permettersi decurtazioni di pensioni già consistenti. Né ha creato il ricambio occupazionale millantato (si parlava di 3 assunzioni di giovani per ogni prepensionato). Non c’è ragione di replicare questo sperpero, neanche a quote maggiorate (102, 104…). Meglio invece indirizzare queste risorse per assumere giovani dove gli organici della pubblica amministrazione sono carenti da anni, per offrire servizi primari efficienti (sanità, scuola, giustizia, ecc.).

Il fatto è che non esiste il “Sindacato dei giovani in attesa di buona occupazione” e quindi gli interessi di chi è al primo impiego non hanno una rappresentanza precisa. Ma un Governo deve comunque tenerne conto. Bene quindi programmare pensioni più flessibili e soprattutto anticipate per i lavori usuranti. Ma finiamola con l’assecondare chi vuole solo un privilegio.

Articoli recenti:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: