«Politica americana incrinata, Trump e dittatura di destra», allarme dal Canada

di Ennio Remondino, 24 gennaio 2022

Gli Stati Uniti stanno diventando sempre più ingovernabili e diversi temono che potrebbero precipitare nella guerra civile. L’allarme sul ‘Globe and Mail’ canadese, dell’accademico e ricercatore Thomas Homer-Dixon, ex consigliere di Al Gore. «Gli Stati Uniti, potrebbero essere governati entro il 2030 da un dittatore di destra». Secondo Homer-Dixon tutti i movimenti fascisti sono nati quando si è trovato un leader popolare estraneo alle regole della democrazia. Nel caso degli Stati Uniti questo leader è Trump.

L’America da paura

Non solo il ‘Globe and Mail’ dal Canada. «L’assalto della folla al Congresso il 6 gennaio di un anno fa è stato il primo assaggio della grande eversione americana che ci aspetta», e lo scrive il Foglio che non è quotidiano prevenuto a sinistra, in una articolata analisi di  Paola Peduzzi e Daniele Raineri. «Credevamo che il 6 gennaio 2021, quando una torma di fanatici fece irruzione dentro al Congresso, fosse un rigurgito spontaneo provocato dalla propaganda trumpiana di quei giorni». Ma non era solo quello, afferma l’analista dal Canada. I percorsi delle dittature europee del Novecento in versione americana con rischi di rimbalzi planetari.

Crollo della democrazia americana

«Entro il 2025, la democrazia americana potrebbe crollare, causando un’estrema instabilità politica interna, inclusa una diffusa violenza civile. Entro il 2030, se non prima, il Paese potrebbe essere governato da una dittatura di destra», avverte Thomas Homer-Dixon, della Royal Roads University.

Quando la candidatura di Trump faceva ridere

«Non dobbiamo respingere queste possibilità solo perché sembrano ridicole o troppo orribili da immaginare. Nel 2014, anche il suggerimento che Donald Trump sarebbe diventato presidente sarebbe sembrato assurdo a quasi tutti. Ma oggi viviamo in un mondo in cui l’assurdo diventa regolarmente reale e l’orribile luogo comune».

Allarme anche negli Usa

Lo scorso novembre, più di 150 professori di politica, governo, economia politica e relazioni internazionali hanno chiesto al Congresso di approvare il Freedom to Vote Act che proteggerebbe l’integrità delle elezioni statunitensi, ma ora è bloccato al Senato. Questo è un momento di “grande pericolo e rischio”, hanno scritto. «Il tempo scorre e la mezzanotte si avvicina».

Il denunciante si presenta

«Sono uno studioso di conflitti violenti. Per più di 40 anni ho studiato e pubblicato sulle cause della guerra, del collasso sociale, della rivoluzione, della violenza etnica e del genocidio. Oggi, mentre osservo lo svolgersi della crisi negli Stati Uniti, vedo un panorama politico e sociale lampeggiare di segnali di allarme».

L’estremismo mediatico pre Bannon

Negli anni ’80, Rush Limbaugh, conduttore di talk show radiofonici di destra e in seguito personaggio televisivo (pensate a certe candidature presidenziali francesi). Colpi quotidiani contro le istituzioni della democrazia, amplificati attraverso i social media «e punti vendita come Fox News e Newsmax».

Il Zemmour americano

Nel 2020, Trump ha conferito a Limbaugh la Presidential Medal of Freedom. «Il marchio di bullismo di Limbaugh, etnocentrismo bianco populista – una miscela rancida di attacchi offesi alle élite liberali, fischi razzisti, vantarsi dell’eccezionalismo americano e appelli alla leadership autoritaria – era diventato parte integrante dell’ideologia politica di destra negli Stati Uniti»

Il moltiplicatore dei difetti

A spingere gli Stati Uniti sull’orlo della perdita della democrazia, secondo l’analista canadese, «l’effetto moltiplicazione tra i suoi difetti storici e i recenti cambiamenti della società». «Salari per il lavoratore medio  nel quarto trimestre del 2019 inferiori rispetto al 1979; nel frattempo, tra il 1978 e il 2016, il reddito degli amministratori delegati nelle aziende più grandi è passato da 30 volte quello del lavoratore medio a 271 volte».

Il ‘nemico sociale’ utile

«I divari economici, razziali e sociali dell’America hanno contribuito a causare una polarizzazione ideologica tra destra e sinistra politica, e ha paralizzato il governo mentre ha aggravato i divari». Destra e sinistra sempre più avverse, e la popolazione è armata fino ai denti, con circa 400 milioni di armi da fuoco nelle mani dei civili, un esercito.

‘Polarizzazione tossica’ a destra

Secondo la  politologa di Harvard, Theda Skocpol, già nei primi anni 2000 elementi del partito repubblicano hanno usato enormi flussi di denaro (da miliardari come i fratelli Koch) per sostenere l’ideologia del ‘laissez-faire estremo’. «Nel 2008, l’elezione di Obama presidente ha aumentato le ansie sull’immigrazione e il cambiamento culturale tra i più anziani e spesso economicamente insicuri della classe media bianca, che poi si sono uniti al movimento populista del Tea Party».

Con Trump la sintesi del peggio

Con Trump avviene il matrimonio di convenienza tra «plutocrati anti-governativi del libero mercato e attivisti ed elettori etno-nazionalisti razzialmente ansiosi». «Armando la paura e la rabbia della gente, Trump e accoliti (Steve Bannon ecc..) hanno catturato il GOP e lo hanno trasformato in un culto della personalità quasi fascista che è uno strumento perfetto per distruggere la democrazia»

Trumpismo ‘Quasi fascista’

«Il trumpismo assomiglia sempre più al fascismo europeo nel suo disprezzo per lo stato di diritto e nella glorificazione della violenza», denuncia il commentatore conservatore David Frum. Emblema, le foto di politici repubblicani e familiari davanti ai loro alberi di Natale con pistole e fucili d’assalto. Ed ecco il culto di Trump patriota contro i democratici traditori legati alle élite e alle minoranze cosmopolite che non comprendono né sostengono i ‘veri’ valori americani.

‘Veri patrioti, veri americani’

«Al centro della narrativa ideologica della destra Usa, da Trump in giù, c’è l’implicazione sottintesa (qualche vote sfacciatamente esplicita), che ampi segmenti della popolazione del paese – principalmente quelli urbani non bianchi, non cristiani e istruiti – non sono cittadini davvero uguali. Non sono americani del tutto pieni, e nemmeno veri americani».

La Grande Menzogna

Ed ecco il motivo della ‘grande bugia’ secondo cui le elezioni presidenziali del 2020 sono state rubate. Una falsità che quasi il 70% dei repubblicani ora accetta come vera. «Se l’altra parte è disposta a rubare un’elezione, allora non rispetta le regole». Ed ecco gli sforzi repubblicani per frodare i distretti del Congresso, per limitare i diritti di voto e prendere il controllo degli apparati elettorali a livello statale.

Guerra civile ed esercito

«Molti gli americani armati. E i sondaggi mostrano che tra 20 e 30 milioni di americani credono che le elezioni del 2020 siano state rubate a Trump, e che la violenza sia quindi giustificata per riportarlo alla presidenza». Durante la prima amministrazione Trump, i vertici dell’esercito hanno ripetutamente resistito agli impulsi autoritari del presidente. Una seconda gestione Trump sulla la leadership della Difesa? Risposta possibile da brivido.

Peggio del tentato golpe della Befana

La sconfitta elettorale di Trump ha radicalizzato la peggior base populista repubblicana. I repubblicani probabilmente prenderanno il controllo sia della Camera che del Senato il prossimo novembre, perché il partito in carica generalmente se la cava male nelle elezioni di medio termine e perché il presidente Joe Biden arranca da una crisi all’altra.

Trump 2024, vendetta vendetta

«Una volta che i repubblicani controlleranno il Congresso, i democratici perderanno il controllo dell’agenda politica nazionale, dando a Trump una chiara possibilità di riconquistare la presidenza nel 2024. E una volta in carica, avrà solo due obiettivi: vendetta e vendetta».

Repubblica di Weimar

La situazione in Germania negli anni ’20 e all’inizio degli anni ’30. Cinque inquietanti paralleli con l’attuale situazione degli Stati Uniti, secondo l’analista canadese

  • «In entrambi i casi, un leader carismatico è stato in grado di unire gli estremisti di destra per impadronirsi dello stato. 
  • Una palese menzogna su come i nemici all’interno del sistema politico avessero tradito il paese (la ‘Grande bugia). 
  • Terzo, i conservatori tradizionali credevano di poter controllare e incanalare il leader e il nascente estremismo. 
  • Gli oppositori litigavano tra loro e non prendevano abbastanza sul serio la minaccia. 
  • La propagazione di una “dottrina di sicurezza intransigente”, versioni radicalizzate su minaccia, autodifesa, punizione, guerra e dovere.

Weimar Usa

Sesto potenziale parallelo con Weimar. «Mr. Trump come primo il guastatore della democrazia utile a creare un macello politico e sociale. Quindi la scena sarà pronta per un ‘sovrano più competente’ dal punto di vista manageriale, dopo Mr. Trump, per portare ordine nel caos che ha creato».

Autoritarismo e guerra 

Dmitry Muratov, il giornalista russo che ha ricevuto il premio Nobel per la pace, alla premiazione ha parlato del legame di ferro tra l’autoritarismo e la guerra.

Articoli recenti:

  • Per uno sconto sul gas
    Come un vulcano piazzato ad est dell’Europa pronto ad esplodere, la crisi tra Russia e Ucraina minaccia di destabilizzare gli equilibri mondiali. E di provocare un forte tsunami sulla ripresa delle economie globali appena riemerse dai danni del covid. Gli Usa e tutte le più importanti cancellerie europee si sono mobilitate per trovare una soluzione diplomatica anche minacciando sanzioni, mentre l’Italia ha tollerato che un gruppo di imprenditori andasse da Putin col cappello in mano, per lucrare uno sconto sul gas.
  • Ex carcere segreto della CIA in Lituania utile per torture offresi
    Lo stato lituano metterà in vendita un grosso casale che era stato usato dalla CIA per imprigionare e torturare sospetti terroristi catturati durante le guerre che gli Stati Uniti stavano combattendo in Iraq e in Afghanistan. La struttura fuori Vilnius usata dagli Stati Uniti per imprigionare illegalmente e torturare sospetti terroristi durante la cosiddetta “guerra al terrore” tra il 2005 e il 2006. Per l’Italia la vergogna irrisolta di Abu Omar rapito a Milano.
  • Arma segreta nella crisi Ucraina con gli Usa al mercato del gas per disarmare Mosca
    Gli USA a caccia del gas che manca all’Europa. Il Qatar può sostituire la Russia come fornitore? Oltre il Qatar anche l’Australia, che potrebbe fornire ulteriori scorte di Gnl all’Europa. La partita in Europa è però bloccata con alcuni paesi restii a sanzionare Mosca, come la Germania, per via delle relazioni sull’asse Nord Stream 2.
  • Le ragioni di Putin
    Mentre ancora non si capisce se la temuta invasione russa dell’Ucraina costituisca una minaccia reale, oppure se si debba interpretare come una montatura di alcuni servizi segreti occidentali, la tensione ai confini sta crescendo. E si abbina ad ulteriori elementi di tensione presenti in Bielorussia, Kazakistan e altre ex repubbliche della defunta Unione Sovietica.
  • La crisi ucraina allarga l’Atlantico. Biden non convince l’Europa. La Germania fa i conti e dice ‘nein’
    La Germania in maniera diretta, la Francia a seguire e l’Italia più ‘coperta’, nel pieno delle elezioni presidenziali. I Paesi leader Ue a prendere la distanza da certi eccessi anti russi a sponda Nato. L’incontro online di Putin con le aziende italiane. Ma è Piero Orteca oggi ad essere particolarmente severo nei confronti del presidente Usa e della sua politica estera, «quasi a far rimpiangere Trump. E ce ne vuole». «La disastratissima politica estera di Biden, adesso, rischia di provocare ‘danni collaterali’ incontrollabili. Non solo ai nemici, potenziali o immaginari, ma anche e soprattutto agli amici».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: