Perché tanti bambini americani muoiono per colpi di arma da fuoco (e perché Trump)

di Ennio Remondino, 15 gennaio 2022

Uno dei tanti perché un anno fa a Capitol Hill… 

Bambini che scoprono pistole sotto pile di vestiti o tra i cuscini del divano. Adolescenti che si costruiscono pistole con kit in libero commercio. O studenti delle scuole medie che portano pistole per protezione, denuncia il New York Times. E nel modello giornalistico Usa, i fatti. Spesso raccapriccianti, alcuni quasi incredibili.
Uno spaccato poco conosciuto di America profonda che indirettamente aiuta a capire la parte di popolazione che rifiuta la vaccinazione per convinzioni politiche, i complottisti alla QAnon, e i sostenitori di Trump presidente che non accettano la sua sconfitta e sono disposti a rovesciarla con la violenza.

La foto di copertina

Georgia, vicino al luogo in cui Elyjah Munson, 11 anni, è stato ucciso mentre tornava a casa da scuola. Sua mamma Kendall Munson era così preoccupata per la violenza armata nel suo quartiere nel South Side di Chicago che ha mandato i figli a vivere con i nonni fuori Atlanta. Il 9 dicembre, suo figlio di 11 anni, Elyjah, e alcuni amici stavano camminando verso una stazione di servizio per uno spuntino dopo la scuola quando uno dei migliori amici di Elyjah, un dodicenne, ha tirato fuori una pistola da uno zaino e ha sparato a Elyjah alla testa. Era la seconda volta l’anno scorso che la famiglia Munson era stata vittima di violenza armata. Due settimane prima che Elyjah fosse ucciso, suo cugino di 5 anni, Khalis Eberhart, è stato colpito a morte dopo che un cugino di 3 anni ha trovato una pistola sotto un cuscino del divano.
È facile procurarsi una pistola. È facile per i nostri figli ottenerne una”, denuncia la madre di Elyjah, che non crede la morte di suo figlio intenzionale. “Quando sei un bambino che gioca con qualcosa che pensi sia un giocattolo, ecco cosa succede“.

Pandemia e molte più armi in casa

Il numero di bambini e adolescenti uccisi da colpi di arma da fuoco è fortemente aumentato durante la pandemia. Per i ricercatori, causa dell’aumento degli omicidi a livello nazionale, oltre a patologie psichiche da traumi da pandemia, soprattutto un’ondata di acquisti di armi da fuoco che sta mettendo più bambini a stretto contatto con le armi, sia come vittime che come loro stessi minacce armate. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno riferito che il tasso di morte per arma da fuoco di bambini dai 14 anni in giù, è aumentato di circa il 50 percento dalla fine del 2019 alla fine del 2020. E sembra che il bilancio sia peggiorato lo scorso anno.
Più di 1.500 bambini e adolescenti di età inferiore ai 18 anni sono stati uccisi in omicidi e sparatorie accidentali lo scorso anno, rispetto a circa 1.380 nel 2020, precisa il Gun Violence Archive, database di origine pubblica che traccia le morti per arma da fuoco in tempo reale prima dei conteggi ufficiali del governo.

Controllo delle armi negli Stati Uniti

Dopo che un ragazzo armato ha ucciso quattro adolescenti alla Oxford High School nel Michigan, il pubblico ministero locale ha denunciato per omicidio colposo i genitori del sospettato di 15 anni, dopo aver scoperto che all’adolescente avevano comprato la pistola come regalo di Natale, lasciandola a sua disposizione in un cassetto della camera da letto aperto, anche se già i docenti della scuola avevano segnalato alla famiglia le fantasie violente del figlio. I genitori si sono dichiarati non colpevoli.
Ma per la maggior parte dei casi, gli adulti proprietari di armi non vengono accusati quando le loro armi sono coinvolte in sparatorie che uccidono bambini e adolescenti, affermano gli esperti legali. Con un vasto ma non documentato sottofondo razziale visto che le sparatorie colpiscono in modo sproporzionato bambini e adolescenti neri e ispanici nei quartieri più poveri.

Le “armi fantasma” e la follia sociale

Le armi da fuoco non rintracciabili che possono essere ordinate online stanno alimentando un’epidemia di violenza. Studiosi e docenti ora ammettono che le agenzie di sanità pubblica e le scuole, «messe a dura prova da due anni di pandemia, sono in ritardo nell’affrontare le radici dell’attuale ondata di violenza che colpisce i bambini». Invece, gli attivisti antiviolenza affermano che un senso di impotenza e rabbia ha messo radici. «Non c’è nessun posto dove puoi nasconderti, dove puoi proteggerti», denuncia Malissa Thomas-St. Clair, che l’anno scorso ha co-fondato Mothers of Murdered Columbus Children.
«A Columbus, la fiorente capitale dell’Ohio, gli attivisti affermano che un aumento di esplosioni caotiche, a volte inspiegabili, di violenza armata contro i bambini ha lasciato i quartieri sconvolti e indifesi, con i bambini troppo spaventati per tornare a casa a piedi dalle fermate dell’autobus». Sempre a Columbus, il 2021 è iniziato con l’omicidio di due bambini piccoli. Alla fine del capodanno dell’anno scorso, Ava Williams, 9 anni, e sua sorella, Alyse, 6 anni, sono state uccise a colpi di arma da fuoco dal padre, che aveva trascorso la pandemia dentro e fuori dal lavoro accumulando armi.

Articoli recenti:

  • Ciao David, ti immagino infastidito da tanto clamore, ma sorridente come sempre
    Dunque il potere declinato in tutte le forme istituzionali e internazionali possibili che ti esalta in morte e quasi ti santifica scoprendo che eri una bella, semplice e normale persona per bene. Detto in altre parole, un banalissimo ’boy scout’, che, in certi ambienti dell’alta politica non viene considerato un gran complimento, ma anzi sinonimo di ingenuità quasi imperdonabile. Renzi ha guastato un bel po’ quell’immagine, ma tu, certamente, quello eri rimasto
  • Perché all’Italia e all’Europa conviene mantenere buoni rapporti con Putin
    Il capo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia sostiene che Mosca ha creato una crisi energetica per fini politici. La Russia ribatte di aver adempiuto a tutti i suoi contratti di fornitura per l’Europa, ma ha limitando le vendite spot una volta facilmente disponibili. Gazprom, aspetta l’approvazione per l’avvio del gasdotto Nord Stream 2 verso la Germania, alternativa alle rotte attraverso l’Ucraina. La Russia ha circa 100mila truppe vicino al confine ucraino. Colloqui Usa-Russia sulla sicurezza europea. Prossimo voto al Senato Usa sulla proposta di legge per imporre sanzioni su Nord Stream 2.
  • Saccheggiatore sorridente
    Come i boss che ha frequentato per anni, B. esige il ”baciamo le mani a Vossia” di Salvini e Meloni. Che vengono costretti a recitare la farsa della candidatura entusiasta e insistita offerta a Lui, che fa il riluttante, bisognoso di tempo per sciogliere la riserva. L’uomo convoca i suoi alleati nella sfarzosa Villa Grande – segno plastico di dominanza – per dimostrare che più del consenso politico, Lui conta sul consenso culturale. Ovvero la deferenza istintiva verso i ricchi da parte dei sudditi: proletariato da risse televisive, piccoli borghesi evasori e scaltri opportunisti rampicanti. 
  • Rapporti veri e rapporti di facciata
    Per molti la ricerca del rapporto cogli altri non risponde ad una vera e autentica esigenza/desiderio di socialità. Ma, anzi, funziona spesso come paravento per sfuggire all’intimità vera che ci offre, in teoria e in potenza, il rapporto con l’altro. Magari con chi ci è più vicino, con chi sarebbe più ovvio, semplice e naturale stabilire una tale intimità. Insomma (e in altre parole) spesso ricorriamo ai rapporti superficiali e banali per sfuggire ai rapporti profondi e autentici, quelli che potrebbero offrirci una vera intimità
  • Sulla Nato in Ucraina si gioca col fuoco. Ue o esclusa o agli ordini
    Tensioni a est e l’Osce, sicurezza europea, avverte: «La guerra mai così vicina». Lo spagnolo Josep Borrell y Fontelles, affari esteri Ue, si allinea alle posizioni Usa-Nato, tanto da provocare titoli quali «altro che ruolo dell’Ue, Borrell sul carro atlantico». Mosca: ora tutto dipende dagli Usa. Poi il monito: il possibile invio di truppe a Cuba e in Venezuela. Se le alleanze sono libere per la Nato verso i confini russi, libere anche nel continente americano?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: