No vax e complottisti nuovi virus. Ora i social contro la disinformazione

di Ennio Remondino, 15 marzo 2021

Dall’inizio della pandemia del Covid la fondatezza delle informazioni scientifiche è diventata centrale per la tenuta di interi paesi e per questo i grandi social – da Youtube, a Facebook/Instagram, a Twitter e Tik Tok – da iniziali veicoli di pericolosa disinformazione sono corsi ai ripari cancellando post bugiardi e teorie pericolose, promuovendo con link e grandi banner le fonti ufficiali sanitarie.
Ma tuttora Facebook continua ad accettare pubblicità pagate di propaganda no vax e Youtube a pubblicare pubblicità nei loro video.

Fantasie malate o malizie pensate

Migliaia di post e video con notizie false e pericolose sul Covid, cancellati su Facebook, Youtube e Twitter dall’inizio della pandemia. Disinformazione sanitaria prima a negare la pandemia, o false notizie sulle cure, o scenari apocalittici di complotti di lobby mondiali per lo ‘sterminio di massa’. E si scopre che in molti casi si tratta di campagne di disinformazione bene organizzate, con istruzioni precise e in diverse lingue. «Stessi esperti, stesse parole d’ordine, stesse fonti, stesse “card” con liste di notizie false graficamente “vestite” da informazione sanitaria», denuncia Raffaella Menichini su Repubblica.

Prima vantaggi social ora il pentimento

Va anche  detto che la severità virtuosa attuale dei grandi social contro la disinformazione sanitaria pericolosa è stata all’inizio assecondata perché vantaggiosa finanziariamente. «Vantaggi sia per chi la diffondeva sia per chi ne permetteva, spesso facilitandola, la distribuzione a più utenti possibili». Superata quella prima fase di superficiale irresponsabilità, di fronte alla catastrofe planetaria della pandemia, ora la corsa ai ripari. Tardi, troppo tardi. Secondo l’Associated Press, su Facebook e Instagram, ci sono ancora decine di pagine dedicate alla propaganda di false informazioni sanitarie. Nell’ultimo anno Twitter ha rimosso 8400 post di disinformazione sul Covid e ha di recente introdotto un sistema “a punti” che porta dopo un certo numero di infrazioni all’eliminazione dell’account.

Attacco a colpi di post

Facebook dice di aver “etichettato” come possibile disinformazione oltre 167 milioni di post dall’inizio della pandemia. E Youtube ha rimosso 30.000 video solo da ottobre. Dall’inizio della pandemia oltre 800.000 i video rimossi perché diffusori di false notizie sul coronavirus. Ma la battaglia per arginare il virus della disinformazione sanitaria è complessa e certamente tardiva.

NewsGuard, bollino di credibilità

Almeno la metà delle decine di siti organicamente bugiardi  identificati da Newsguard (servizio di certificazione di credibilità), sono attivi su Facebook, Twitter e Youtube. In Italia, esempio, il videoblog e canale tv Byoblu, è stato recente sospeso per due settimane da Youtube per aver diffuso un servizio di attacco ai vaccini anti Covid ritenuto privo di fondamento scientifico. Ma in rete circola moltissimo materiale di questa e altre pubblicazioni digitali che diffondono teorie pseudoscientifiche.

Negazionisti e no vax

Negli Stati Uniti, racconta AP, «Il sito The Truth About Cancer nutre da anni il suo oltre milione di follower su Facebook di notizie false su come i vaccini provochino autismo e danni cerebrali nei bambini». Di recente la pagina su Facebook ha smesso di pubblicare post sui vaccini e ha dirottato i suoi follower tramite newsletter sul sito per evitare la “censura” dei social.

I social come ‘base di lancio’

Ora l’uso dei social come base di lancio per creare una community attiva poi via sito, newsletter, gruppi whatsapp a volte disposta a pagare per prodotti come libri o pozioni pseudo curative.  Il britannico Center for Countering Digital Hate, ha puntato l’attenzione su un social come Instagram (gruppo Facebook) finora ritenuto veicolo di messaggi prevalentemente positivi.

Algoritmi diffusori di cospirazioni

L’algoritmo di Instagram per veicolare messaggi di diversa natura agli utenti che si sono dimostrati ricettivi ad alcuni argomenti.  Ed ecco che una persona che guarda post cospirazionisti di QAnon vedrà comparire tra i post consigliati materiali no vax o di suprematisti bianchi. Secondo il Centro contro l’odio digitale, la produzione di questi post non è casuale e individuale: «Esiste un’industria no vax organizzata e disciplinata», dicono.

No vax cresciuti a milioni

Gli account no vax in lingua inglese avrebbero oltre 59 milioni di follower.  Il loro obiettivo è minare la fiducia nell’establishment scientifico. «I professionisti della salute devono persuadere il pubblico a compiere un’azione. I no vax devono solo creare dubbi sulla sua efficacia, sicurezza o necessità. Per questo operano solo attraverso domande».

I milioni dai No vax

Per molti anni questa operazione di corrosione della credibilità della scienza è stata condotta nel silenzio delle piattaforma o peggio, con la loro complicità, accusa il Centro contro l’odio digitale. «Hanno scelto di non alienarsi gli utenti no vax che gli valevano introiti valutabili in un miliardi di dollari l’anno». Il traffico generato da queste accese discussioni, le condivisioni, i commenti sono quantificabili in denaro.

Tuttora Facebook continua ad accettare pubblicità pagate di propaganda no vax e Youtube a pubblicare pubblicità nei loro video.

leggi anche:

Articoli recenti:

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: