No Tav o No Av?

***di Massimo Marnetto, 7 novembre 2021

Che c’entra Greta col TAV? Il nesso è nell’inquinamento dell’avio-trasporto, che infatti l’attivista evita accuratamente, infinitamente più alto di quello su rotaia. Tant’è che la rete ecologista no-AV inglese Stay Grounded(Stiamo con i Piedi per Terra) si batte contro l’ampliamento degli aeroporti e la riduzione delle avio-emissioni climalteranti, proponendo di azzerare i voli a medio raggio per sostituirli con tratte in treno. Questa improvvisa rivalutazione ambientale del trasporto su ferro deve far rivedere tutte le riserve poste sul TAV, che invece potrebbe diventare il futuro collegamento sostenibile europeo di persone e merci.

Inoltre, occorrerebbe rendere disponibile per ogni persona non più di una tratta internazionale aerea l’anno (salve esigenze primarie), decisione possibile sostituendo molti convegni con videoconferenze; e contrastando così anche il turismo nevrotico del “pacchetto weekend”, che oltre a produrre enormi quantità di avio-CO2, soffoca le città d’arte con frettolosi passanti stranieri, che non vogliono darsi il giusto tempo per capire la cultura dei luoghi, ma solo mandare selfie agli amici come un trofeo della loro bulimia turistica.

Articoli recenti:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: