Memoria post coloniale: le colpe. Francia e Germania hanno iniziato. Quando l’Italia?

di Ennio Remondino, 30 maggio 2021

L’Europa toglie qualche velo dai genocidi del passato. Germania e Francia hanno riconosciuto le proprie responsabilità in due genocidi del Novecento: quello del 1904-1908 contro gli Herero e i Nama nell’attuale Namibia, e quello del 1994 contro i Tutsi in Ruanda. E l’Italia in Libia? Secondo alcuni studiosi, la violenza commessa all’inizio degli anni ’30 dal fascismo in Libia può essere qualificata come genocidio. Le armi chimiche italiane in Etiopia. 

Lo storico Marcello Flores dopo che Germania e Francia hanno riconosciuto le proprie responsabilità in Namibia e Ruanda: «L’Italia non ha mai fatto veramente i conti con la sua storia coloniale»

Genocidi in trasferta e i conti con la storia

L’orrore e le denunce sui molti crimini di guerra e contro l’umanità che insanguinano il mondo di oggi. Ma l’altro ieri, da 100 anni fa, prima ancora della follia del nazismo, ad oggi. Orrori compiuti lontano da casa e più facilmente nascosti. Francia e Germania i primi pentiti coloniali d’Europa. Peggio tra tutti i belgi di Re Leopoldo che furono costretti ad ammettere orrende evidenze prima ancora. Ma l’Italia del fascismo in Libia e in Eritrea? La domanda di Giulia Belardelli sull’HuffPost, rivolta allo storico Marcello Flores, autore de “Il genocidio” (il Mulino, 2021) e massimo esperto italiano dell’argomento.

L’attualità del gesto di Germania e Francia

La Germania aveva già riconosciuto il genocidio degli Herero in Namibia, nel centesimo anniversario. La Francia sul Ruanda invece ancora si nascondeva, ma ora le dichiarazioni di Macron a Kigali, qualcosa ammettono: “Noi oggi riconosciamo un genocidio che i francesi finora non avevano mai riconosciuto”. Ma lo storico spiega la parte nascosta: «Parigi dava le armi al governo dell’Hutu Power; addirittura il figlio di Mitterrand era coinvolto nel traffico di armi a favore degli Hutu». Più difficile parlare di fatti e personaggi coinvolti che fanno parte della storia moderna e quasi attuale del tuo Paese.

La memoria corta dell’Italia in Libia

Travaglio politico simile per l’Italia, anche se meno giustificato. Secondo alcuni studiosi, le violenze del fascismo in Libia all’inizio degli anni ’30 possono essere qualificate come genocidio. Sull’Uso della parola genocidio si può discutere, ma resta un fatto: «L’Italia, come governo e come Stato, non ha mai fatto una dichiarazione di responsabilità, che sarebbe peraltro più facile perché il governo italiano dell’epoca era il governo del fascismo, dunque di un regime che la Repubblica ha cacciato via». Del resto, solo nel ’96, annota Giulia Belardelli, un governo italiano ha riconosciuto che il governo fascista dell’epoca usò i gas proibiti in Etiopia.

270 tonnellate di aggressivi chimici e 1000 tonnellate di bombe all’iprite sbarcate segretamente, uso autorizzato da Mussolini il 27 ottobre 1935 sul fronte somalo-etiope. 

Crimini di guerra se non genocidio

«Sicuramente quello che è accaduto in Libia si configura come ciò che chiamiamo ‘crimini di guerra’ e ‘crimini contro l’umanità. Credo che non sia dirimente usare o no il termine genocidio; dovrebbe essere dirimente riconoscere in modo aperto che ci sono stati dei crimini commessi all’epoca», prosegue lo storico.

Significato della parola genocidio

Nel 1941 Winston Churchill, chiamò quello che si iniziava a sapere sulle persecuzioni naziste contro gli ebrei, “un crimine senza nome”. La parola genocidio – spiega lo storico – nasce nel 1944, quando Raphael Lemkin, giurista ebreo polacco, afferma che quello che sta avvenendo nei confronti degli ebrei – ma anche degli zingari e dei polacchi – «è ciò che potremmo chiamare genocidio usando questo intreccio tra il termine greco γένος (ghénos, “razza”, “stirpe”) e il suffisso ‘cidere’». Si tratta della volontà di sopprimere fisicamente un gruppo in quanto tale, un crimine che non esisteva nel diritto internazionale. Il genocidio degli ebrei è quello che ha permesso di concettualizzare il fatto e inventare anche il termine.

L’accusa peggiore che si possa fare

Lo storico mette in guardia da un uso strumentale della parola genocidio, facendo qualche esempio: «Ci sono gruppi che parlano di genocidio persino nei confronti dell’aborto: utilizzo propagandistico e ideologico del termine. Altri, per accentuare la violenza delle foibe, parlano di genocidio nei confronti degli italiani. Anche qui, siamo di fronte a un utilizzo improprio: le foibe furono un atto di violenza estrema, ma circoscritto e con un carattere più politico che etnico. Altri ancora, sull’emozione e la volontà di difendere i palestinesi, parlano di genocidio a Gaza. C’è spesso un uso improprio di un termine che ha assunto la caratteristica di essere l’accusa peggiore che si possa fare».

Giornate della memoria e quelle delle colpe

«Sarebbe opportuno che a livello europeo – visto che si continuano a moltiplicare le giornate in memoria di qualcosa – si istituisca una giornata in memoria dei crimini commessi dai Paesi europei nei confronti delle regioni che hanno occupato durante l’epoca coloniale.

Non capisco perché dobbiamo ricordare – giustamente – dove siamo stati vittime, mentre dobbiamo dimenticare in tutti i modi dove siamo stati carnefici.

Articoli recenti:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: