L’ondata jihadista dietro il nuovo conflitto in Palestina

Consiglio la lettura di questo articolo appena giunto con la newsletter dell’Istituto Affari Internazionali. Delle analisi lette in questi giorni, mi pare fra le più equilibrate e attendibili. Debbo tuttavia notare che poche fanno riferimento esplicito al peso assunto nel processo di radicalizzazione di una parte crescente di Hamas dall’ esasperazione palestinese per il moltiplicarsi aggressivo degli insediamenti israeliani nei territori occupati . Non si tratta di una novità come è il  Jihadismo palestinese, ma non può essere sottovalutato. (nandocan).
****di Roberto Aliboni, 11 luglio 1014 – La crescente tensione armata fra Israele e Gaza sembra destinata a sfuggire al controllo delle parti e a tradursi in un’altra invasione dell’“emirato”. Con il rischio di una nuova rivolta dei territori occupati, una terza intifada. Alla rivolta potrebbero associarsi, in misura e modi diversi dal passato, gli arabi israeliani, le cui posizioni si sono negli ultimi anni radicalizzate.I rapimenti e gli assassinii di giovani israeliani e palestinesi hanno inizialmente provocato una violenza a basso livello che tendeva a restare separata dagli altri conflitti nella regione. L’attuale escalation verso una vera e propria guerra non potrebbe invece che rafforzare le saldature regionali – sia militari sia, soprattutto, politiche – già oggi in evidenza.Hamas tira la corda
Nessuna delle tre autorità di governo coinvolte – il governo israeliano, l’Autorità palestinese, che ha il potere in Cisgiordania, e la leadership centrale di Hamas che governa la Striscia di Gaza – è interessata a uno scontro totale. 

Tel Aviv ha tutto l’interesse a una continuazione dello status quo nei rapporti coi palestinesi. D’altra parte, sia la leadership centrale di Hamas sia l’Autorità palestinese vogliono evitare la guerra perché hanno bisogno di condurre in porto il governo di unione nazionale che stanno formando per ovviare alle loro sia pur diverse debolezze.

Ma entrambe le leadership palestinesi si basano su equilibri politici interni molto deboli e sono perciò esposte ai rispettivi estremismi.

Hamas, con l’indebolimento che ha subito a causa dei cambiamenti regionali, appare sempre più frammentato – più un ombrello che un movimento. A prendersi la responsabilità del rapimento e dell’uccisione dei tre ragazzi israeliani può essere stata qualche frangia jihadista-salafista, ma la reazione, come al solito sproporzionata, di Israele (in particolare le demolizioni delle abitazioni e gli arresti in Cisgiordania) ha dato voce all’ala militare e politicamente più intransigente di Hamas che ha risposto con il lancio di missili. 

Nel complesso è possibile che la leadership di Hamas abbia pensato di poter tirare la corda, traendone vantaggi sul piano interno, senza che Israele arrivasse a spezzarla.

Dubbi israeliani sulla guerra
In Israele la situazione è di gran lunga più stabile. Nondimeno anche qui la bilancia fra azioni esterne e consenso interno ha i suoi problemi. In effetti, l’impressione è che, pur riluttante, Netanyahu si sia dovuto piegare alle pressioni dei suoi alleati di governo, vecchi e nuovi, cui una guerra non pare dispiacere. Tuttavia la guerra comporta due rischi, l’uno solo per Israele, l’altro per gli uni non meno che gli altri.

Il rischio per Israele è lo scoppio di un’insurrezione nei territori occupati e fra gli arabi israeliani. Tuttavia, i gruppi attualmente al potere in Cisgiorania e Gaza probabilmente non sono né pronti né interessati ad appoggiare uno sviluppo del genere.

La collaborazione che nel tempo si è stabilita fra Israele e l’Autorità palestinese nel campo della sicurezza potrebbe frenare una terza intifada (uno sviluppo, però, non indolore, sul piano interno, per il presidente dell’Autorità palestinese, Mahmud Abbas. Entrambi i gruppi palestinesi al potere non hanno una leadership sufficiente a lanciare e sostenere un’insurrezione prolungata nel tempo.

Islamismo regionale 
A tutto ciò si aggiunge un fattore jihadista-salafita che sfugge al controllo di tutte e tre le autorità di governo e che le preoccupa in pari misura. E con questo siamo al rischio di saldature regionali di cui parlavamo all’inizio.

La presenza di un islamismo estremista non è nuova. A Gaza sta da sempre sotto l’ombrello di Hamas ed è al centro delle provocazioni e delle iniziative che hanno condizionato in misura più o meno importante la direzione politica del movimento, portando a continui scontri e tensioni. 

In Palestina la tradizione islamista appartiene ai Fratelli Musulmani, ma nel tempo l’influenza del jihadismo e del salafismo attivista (haraki) è aumentata.

Oggi, l’evoluzione a livello regionale, la formazione di Jabath al-Nusra in Siria, l’influenza del salafismo haraki e del jihadismo nel conflitto siriano, ma soprattutto l’emergere drammatico e apparentemente vittorioso dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) e del califfato di Ibrahim Abu Bakr al-Baghdadi può facilmente essere stato il motore degli sviluppi a cui assistiamo nella Palestina storica e portare a sviluppi inediti nel contesto del vecchio conflitto israelo-palestinese.

Se gli eventi odierni dovessero portare a un rafforzamento del salafismo e del jihadismo palestinese, né Gerusalemme, né Ramallah, né i Fratelli Mussulmani alla testa di Hamas se ne avvantaggerebbero. Le tensioni in corso, e ancora più una possibile nuova guerra possono facilmente alimentare uno sviluppo jihadista, molto rischioso per tutti, compreso l’Occidente, che oggi sta solo a guardare.

*Roberto Aliboni è consigliere scientifico dello IAI. Il grassetto è di nandocan.

 

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: