Le continue sorprese del papa venuto da quasi la fine del mondo…

di Valter Vecellio, 11 settembre 2013*

papa-francesco-okPapa Francesco, questo pontefice venuto da quasi la fine del mondo, continua a riservare piacevoli sorprese. Se ne va, per esempio, in visita quasi privata al centro di accoglienza Astalli di Roma; incontra decine di rifugiati, dice che è dovere di ciascun cristiano accogliere la persona che arriva, chinarsi su chi ha bisogno e tendergli la mano. Poi parla dei conventi vuoti che devono diventare luoghi di rifugio per chi rifugio non ha, e non devono servire alla Chiesa per trasformarli in alberghi e guadagnare soldi.
Bisogna stare attenti a questo papa. Attenti a quello che dice, e attenti perché possa continuare a dirlo. Domenica, per esempio, papa Francesco ha denunciato senza mezzi termini non solo l’orrore della guerra, ma chi le guerre le alimenta, le nutre, perché sono fonte di enormi guadagni: le guerre fatte per vendere armi. In una parola, il complesso militare-industriale, quell’enorme apparato di potere che condiziona le scelte di governi e paesi.
Quello delle armi è un affare di dimensioni colossali, al pari di quello della droga. Secondo un recentissimo rapporto delle Nazioni Unite, smerciare armi garantisce ai cartelli criminali qualcosa che oscilla tra i 170 e i 320 milioni di dollari l’anno; ma è una stima approssimata per difetto. Il fatturato complessivo infatti ammonterebbe a circa cinque miliardi di dollari. Il traffico di armi legale ha un fatturato di circa 100 miliardi di dollari. Ogni anno.  I “mercati” di questo traffico, il vicino Medio Oriente, l’Asia sud orientale, l’Africa sub sahariana. Per lo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI) il volume di affari legato al commercio delle armi è aumentato del 17 per cento, sia nei cinque anni che vanno dal 2003 al 2007 sia in quello successivo. Il paese che maggiormente esporta armi sono gli Stati Uniti, con un buon 30 per cento del mercato. LA Russia controlla il 26 per cento; seguono Germania, Francia, Cina, Israele, Regno Unito. L’Italia, almeno fino all’embargo, è stata la principale fornitrice di armi, a livello europeo, della Siria. L’Osservatorio permanente armi leggere e politiche di sicurezza e difesa di Brescia, settimane fa, ha documentato come l’esportazione di armi da parte delle industrie italiane (che sono concentrate, appunto, nel distretto di Brescia) nel solo 2012 è cresciuta di ben il 20 per cento, con un fatturato di 316 milioni di euro. “Piccole” armi, come le pistole Beretta che sono molto apprezzate negli Stati Uniti, ma anche in Turchia, India, Russia, Malaysia. Ed erano (e sono) armi italiane quelle che sparano in Libia ed Egitto, in particolare al Cairo l’esercito è dotato di fucili d’assalto Beretta.
Gran parte delle armi utilizzate dai ribelli siriani che combattono il regime di Assad, provengono dal mercato illegale: 4mila dollari per i razzi Katiuscia, 1500 dollari per armi anticarro. Ma costosi sistemi d’arma vengono assicurati al regime siriano e a Hezbollah dall’Iran, che arma anche il Sudan e l’Eritrea; e grazie alla rete di contrabbando, in Mali e in Nigeria.
E’ questa la realtà che si intravede (solo a volerlo fare) dietro le parole domenicali di papa Francesco, che un giorno rende omaggio ai profughi morti in mare, quello successivo abolisce con un semplice tratto di penna l’ergastolo a Città del Vaticano; e poi promuove giorni di digiuno di massa per convincere i potenti ad adottare altre politiche da quelle della guerra.
Papa strano, che sceglie non per un caso, di chiamarsi – primo nella lunga storia della chiesa cattolica – con il nome evocativo di Francesco, ed è capace di gesti semplici e straordinari, che meravigliano, proprio per la loro semplicità e straordinarietà. La straordinarietà e la stranezza di chi è e sa essere “normale”. Non smetterà di sorprenderci e meravigliarci, questo papa.*da articolo 21, il grassetto è di nandocan

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

gtag('config', 'GTM-K2KB4MR', { 'send_page_view': false });
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: