In Cina Xi modello Mao frena i ‘tycoon’ per ridistribuire ricchezza

di Michele Marsonnet, da Remocontro, 4 settembre 2021

Il culto delle personalità creato attorno a Mao Zedong lentamente ereditato da Xi Jinping. Nessun travaso naturale ma una operazione politica studiata e molto ben curata. Come i tre poderosi volumi de ‘il pensiero di Xi’, come quello di Mao già tradotto in quaranta lingue, italia compresa.
Mentre sul fronte dei miliardari, tanti quasi come quelli americani, una stretta da parte del Partito/Stato con sprazzi di socialismo redistributivo.

da Limes

‘Il pensiero di Xi’ dopo quello di Mao

Da parecchio tempo Xi Jinping sta introducendo un “culto della personalità” simile a quello in vigore con Mao Zedong. Le sue immagini, proprio come quelle del predecessore, diventano sempre più eteree e spesso circondate da un’aureola.
Inoltre è uscita un’opera in tre volumi tradotta, proprio come quelle di Mao, in più di 40 lingue, e pubblicata in Italia da Giunti. Interessante notare che, per l’appunto, “il pensiero di Xi” è ora materia d’insegnamento obbligatorio nelle scuole, e questo fatto rammenta da vicino il culto di Mao all’apice del suo potere.
Ma non basta. La leadership cinese pare intenzionata, seguendo sempre le indicazioni di Xi Jinping, a modificare la struttura dello Stato togliendo potere ai tanti miliardari emersi nella Repubblica Popolare in questi ultimi decenni.

Troppi miliardari all’americana

Non tutti lo sanno, ma nella classifica mondiale dei “tycoons” la Cina tallona ormai da vicino gli Stati Uniti. Secondo l’ultima rilevazione, infatti, i miliardari americani sono 724, quelli cinesi 626.
Una situazione impensabile ai tempi di Mao Zedong, quando la Cina Popolare era già un gigante demografico (e forse politico), ma assai povera dal punto di vista economico.
Com’è noto, la grande svolta avvenne ai tempi di Deng Xiaoping il quale, dopo la morte del Grande Timoniere e la fine della celebre “Rivoluzione culturale”, spronò apertamente i concittadini ad accumulare ricchezza mettendo in soffitta i pregiudizi ideologici marxisti.

Partito/Stato ritorno al passato

Tuttavia il Partito (o, ancor meglio, il Partito/Stato) non ha mai rinunciato alla funzione di controllo, anche perché il potere è interamente nelle sue mani, senza residui di alcun tipo.
Da parecchio tempo si ha l’impressione – per non dire la certezza – che con la presidenza di Xi Jinping le lancette dell’orologio stiano tornando indietro.
La leadership comunista, in altri termini, è fortemente preoccupata dall’eccessiva ricchezza dei tanti plurimiliardari ora presenti nel territorio, e teme che essi la usino per condizionare il Partito o, addirittura, per imporgli strategie non gradite.

Voi fate i soldi noi la politica

Di qui i limiti e i paletti che Pechino sta progressivamente imponendo ai vari “tycoons”. La strada è stata aperta con l’emarginazione di Jack Ma, fondatore e proprietario del gigante dell’e-commerce “Alibaba”, reo di aver criticato in pubblico il sistema bancario e creditizio della Repubblica Popolare.
Nonostante fosse considerato assai vicino a Xi e al suo gruppo dirigente, Jack Ma ha visto ridimensionare in breve tempo le sue aziende subendo perdite molto ingenti in Borsa.
Poi è toccato, con un crescendo impressionate, a molti altri super ricchi i quali, però, avendo in mente la punizione inflitta al loro collega, si sono subito adeguati alle nuove direttive del Partito.

Redistribuzione socialista

E’ ormai chiaro che Xi Jinping punta a una sorta di redistribuzione del reddito, imponendo ai miliardari del Dragone di mettere a disposizione delle fasce svantaggiate della popolazione una parte delle loro fortune.
Molti di essi, obbedendo subito alle direttive del Partito, hanno quindi fatto confluire somme ingenti in fondi da loro stessi creati in brevissimo tempo.
Tali somme dovrebbero essere destinate a migliorare il “welfare” nazionale, e a colmare almeno in parte il divario economico che separa con forza le grandi metropoli, sempre più simili a quelle occidentali, dalle campagne rimaste per lo più in condizioni di grave arretratezza.

Spalmare il benessere sul territorio

Si tratta di un progetto ambizioso sulla cui rapida realizzazione Pechino sta puntando moltissimo. Il nuovo piano quinquennale, per esempio, si baserà in gran parte proprio su si esso.
Occorre tuttavia notare due fatti. Agendo in questo modo, Xi e il suo gruppo dirigente vogliono dimostrare che la Repubblica Popolare è tuttora un Paese comunista. Caratteristica che media e politici occidentali contestavano da tempo.
In secondo luogo, è in atto una grande campagna mediatica per convincere i cittadini che il merito della suddetta redistribuzione del reddito è merito esclusivo del Partito.

Se la ricchezza frena il virus insiste

Con questo la dirigenza intende mantenere la pace e la coesione sociale, che dava segni di crisi a causa delle conseguenze della pandemia di Covid 19. Il rallentamento del Pil, infatti, comincia a pesare anche in Cina, e non solo in Occidente.
Anche perché il virus non è affatto stato sconfitto – come Xi aveva proclamato trionfalmente – e gli ultimi “lockdown” hanno causato proteste giudicate pericolose dalla leadership.

Articoli recenti:

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: