Gas e nucleare per l’Ue diventano ‘verdi’. Italia, l’atomo a tradimento

Remocontro, 28 gennaio 2022

Il piano della Commissione su nucleare e gas dichiarati ‘verdi’ spacca l’Ue e fa emergere le divergenze tra Germania e Francia sugli obiettivi energetici. Levata di scudi degli ambientalisti.
L’Italia, due referendum anti nucleari fa, tace e briga. «Un atomo di democrazia» chiedono gli ambientalisti. Salvini si scopre nuclearista. Rifiuti e scorie radioattive mai smaltite.
Il ministro della ‘transizione ecologica’ Roberto Cingolani e il suo sostegno al nucleare di “quarta generazione”, in conto di chi?

Le tre opzioni per gli Stati Ue

Sulle tecnologie pulite e sostenibili, gli Stati Ue hanno tre opzioni: approvazione, astensione, rifiuto. L’ala ambientalista del governo di Berlino censura l’iniziativa della Commissione, ma ‘si prenderà tempo per analizzare al meglio la proposta’. La Germania contraria a includere l’energia nucleare tra le tecnologie pulite e sostenibili da finanziare attraverso fondi europei. L’ala ambientalista del governo si agita ma il portavoce dell’esecutivo fa sapere che ci si prenderà del tempo per analizzare la proposta, e che la Germania potrebbe anche astenersi. Ipocrisie politiche con l’Italia a seguire, ma con ‘coda di paglia atomica’.

Italia, «Un atomo di democrazia»

L’energia nucleare, che era stata messa alla porta d’uscita dagli italiani coi referendum abrogativi del 1987 e del 2011, rientra dunque dalla finestra europea con qualche sostegno ‘ufficioso’ in casa. Il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani aveva annunciato di considerare credibile questa ipotesi. A nome suo o di tutto il governo? Immediato plauso della Lega che ora propone un terzo referendum per il ritorno al nucleare, mentre ancora non siamo riusciti a mettere in sicurezza le scorie radioattive semi abbandonate da 20 anni. Anche Fratelli d’Italia, a sostegno alla Francia nella sua corsa al nucleare.

Pentimenti sparsi

Lo scorso mese, la sottosegretaria leghista alla transizione ecologica Vannia Gava ha partecipato al convegno organizzato dall’Associazione italiana nucleare. Con lei c’erano, su posizioni favorevoli al nuclare, Carlo Calenda di Azione! e Erica Mazzetti di Forza Italia. Ma anche Antonio Misiani, responsabile economico del Partito democratico. «Discutere di questo tema non può essere un tabù» ha detto Misiani. Che poi però ha riportato la linea ufficiale del Nazareno: «Oggi il nucleare non è un’opzione». Qualche giorno dopo il segretario Enrico Letta, sollecitato da Repubblica, ha detto «Nell’immediato punterei sul rilancio della produzione nazionale di gas».

Poche idee ma molto confuse

E il governo, che non si sa bene come la pensi, di fatto frammentato e con altri problemi urgenti di fronte scarica sull’Ue. Mentre la forza politica che ha espresso Cingolani e che ha scelto di appoggiare Draghi in nome del neonato ministero della transizione ecologica, i ‘grillini’ a 5 stelle, sono i più schiarati contro un eventuale ritorno al nucleare, «una fonte ormai obsoleta, dispendiosa, dai lunghi tempi di realizzazione e quindi inutile ai fini dell’attenuazione del costo delle bollette nell’immediato». Anche se dalla sponda leghista, riferisce il manifesto, ieri ricordavano che la diplomazia italiana guidata proprio dal grillino Luigi Di Maio, sta gestendo la partita della tassonomia in sede europea (e con la Francia).

Articoli recenti:

  • Per uno sconto sul gas
    Come un vulcano piazzato ad est dell’Europa pronto ad esplodere, la crisi tra Russia e Ucraina minaccia di destabilizzare gli equilibri mondiali. E di provocare un forte tsunami sulla ripresa delle economie globali appena riemerse dai danni del covid. Gli Usa e tutte le più importanti cancellerie europee si sono mobilitate per trovare una soluzione diplomatica anche minacciando sanzioni, mentre l’Italia ha tollerato che un gruppo di imprenditori andasse da Putin col cappello in mano, per lucrare uno sconto sul gas.
  • Ex carcere segreto della CIA in Lituania utile per torture offresi
    Lo stato lituano metterà in vendita un grosso casale che era stato usato dalla CIA per imprigionare e torturare sospetti terroristi catturati durante le guerre che gli Stati Uniti stavano combattendo in Iraq e in Afghanistan. La struttura fuori Vilnius usata dagli Stati Uniti per imprigionare illegalmente e torturare sospetti terroristi durante la cosiddetta “guerra al terrore” tra il 2005 e il 2006. Per l’Italia la vergogna irrisolta di Abu Omar rapito a Milano.
  • Arma segreta nella crisi Ucraina con gli Usa al mercato del gas per disarmare Mosca
    Gli USA a caccia del gas che manca all’Europa. Il Qatar può sostituire la Russia come fornitore? Oltre il Qatar anche l’Australia, che potrebbe fornire ulteriori scorte di Gnl all’Europa. La partita in Europa è però bloccata con alcuni paesi restii a sanzionare Mosca, come la Germania, per via delle relazioni sull’asse Nord Stream 2.
  • Le ragioni di Putin
    Mentre ancora non si capisce se la temuta invasione russa dell’Ucraina costituisca una minaccia reale, oppure se si debba interpretare come una montatura di alcuni servizi segreti occidentali, la tensione ai confini sta crescendo. E si abbina ad ulteriori elementi di tensione presenti in Bielorussia, Kazakistan e altre ex repubbliche della defunta Unione Sovietica.
  • La crisi ucraina allarga l’Atlantico. Biden non convince l’Europa. La Germania fa i conti e dice ‘nein’
    La Germania in maniera diretta, la Francia a seguire e l’Italia più ‘coperta’, nel pieno delle elezioni presidenziali. I Paesi leader Ue a prendere la distanza da certi eccessi anti russi a sponda Nato. L’incontro online di Putin con le aziende italiane. Ma è Piero Orteca oggi ad essere particolarmente severo nei confronti del presidente Usa e della sua politica estera, «quasi a far rimpiangere Trump. E ce ne vuole». «La disastratissima politica estera di Biden, adesso, rischia di provocare ‘danni collaterali’ incontrollabili. Non solo ai nemici, potenziali o immaginari, ma anche e soprattutto agli amici».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: