Facebook e Google stanno diventando un problema per la democrazia?

da Remocontro, 19 gennaio 2022

Una nuova inchiesta, pubblicata su Mit Review, ha svelato come Facebook e Google stiano pagando milioni di dollari a operatori di pagine ‘acchiappaclick’ che pubblicano contenuti fuorvianti e fake-news pur di attirare il maggior numero possibile di utenti e generare grosse rendite pubblicitarie.
Di fatto alimentando questa disinformazione globale.

Click criminali

Mit Review sulla disinformazione globale

Una nuova inchiesta, pubblicata su Mit Review, svela i finanziamenti alla disinformazione globale, segnala Guido Petrangeli, giornalista e blogger, sull’UffPost. Domanda chiave da farsi: «Facebook è diventato un pericolo per la democrazia?». Domanda d’obbligo dopo le rivelazioni dei ’Facebook paper’, la raccolta di documenti usciti dalla talpa Frances Haugen e consegnati al Congresso Usa. Al centro dello scandalo i famigerati algoritmi di Facebook e la mancanza di un qualsiasi moderatore o struttura etica di vigilanza, «che ha permesso di diffondere in tutti i paesi del mondo campagne di disinformazione e contenuti che sfiorano i toni da guerra».

Una nuova inchiesta ha svelato come Facebook e Google stiano pagando milioni di dollari a operatori di pagine acchiappaclick, editori che pubblicano contenuti fuorvianti e fake-news pur di attirare il maggior numero possibile di utenti e generare grosse rendite pubblicitarie.

Gli ‘Instant Articles’ di Facebook

Peggio con il lancio degli ‘Instant Articles di Facebook’, che ha consentito agli editori di creare direttamente all’interno di Facebook dei contenuti interattivi. Di contenuti ignoti. Questa mossa, nata per velocizzare i tempi di lettura degli articoli, è servita a Facebook per raccogliere pubblicità online, rinunciando di fatto ad ogni possibilità di controllo rispetto a responsabilità anche penali rispetto ai contenuti. Con questo nuovo sistema, gli articoli si aprono direttamente all’interno di Facebook che diventa così semplice proprietario di uno spazio pubblicitario che cede, in cambio di un mucchio di soldi, anche la pubblicità degli inserzionisti di Facebook.

Famelico Zuckerberg

«Se Instant Articles è caduto in disgrazia per i grandi editori mainstream – annota Guido Petrangeli – , lo stesso non può dirsi per una schiera di piccoli e nuovi produttori di contenuti digitali». Tra cui vanno tantissimi (e pericolosissimi) editori acchiappaclick. Altro fattore tecnico degli Instant Articles a far gola a questi imprenditori di poco conto e grandi appetiti, la possibilità di aprire più domini in questa sezione e riprodurre in modo esponenziale lo stesso identico contenuto. «Una manna dal cielo per la strategia clickbait», esca da clic per attirare il maggior numero possibile d’internauti e generare rendite pubblicitarie online.

Acchiappaclick in Kosovo e Macedonia

Lo studio del Mit Review, rivela i casi di aziende ‘clickbait’ in Macedonia e Kosovo arruolate per le elezioni presidenziali 2020 negli States, campagne a favore di Trump, e l’episodio svela un altro fenomeno di facile manipolazione di contenuti attraverso la delocalizzazione, trasformando il dibattito politico in denaro. La ricerca ha anche scoperto che il 75% degli utenti che sono stati esposti a contenuti fuorvianti provenienti dalle aziende in Macedonia e Kosovo non aveva mai seguito nessuna di queste pagine specifiche. Il sistema di raccomandazione dei contenuti di Facebook li aveva invece inseriti nei loro feed di notizie. Facendo sì che lo stesso contenuto fosse amplificato uscendo dalla rete chiusa dei contatti personali per raggiungere milioni di utenti.

Una macchina capace di determinare i trend di attenzione della rete e influenzare in modo determinante l’opinione pubblica digitale.

Editori fraudolenti per soldi e per politica

Editori fraudolenti per soldi o per politica? «Nella pratica questa distinzione non esiste». Ancora dal fronte albanese Kosovo Macedonia. «Durante le presidenziali usa del 2020, l’insurrezione del 6 gennaio e l’approvazione della legge antiabortista del Texas, questa rete ha cavalcato contenuti politici». Ed ecco che questi editori occulti si spostano su tematiche altamente divisive, sulla propaganda politica e fake news perché ottengono così un maggiore coinvolgimento.

Strumento dei golpisti assassini birmani

Un’analisi della società di ricerca Graphika ha scoperto che queste pagine svendute irresponsabilmente da Facebook che si occupavano principalmente di gossip, in particolari frangenti critici facevano propaganda politica e disinformazione, dal covid-19 al golpe birmano. E si scopre che in Birmania le 10 pagine facebook di informazione più coinvolgenti sono in mano a editori acchiappaclick: i contenuti di basso livello hanno sopraffatto tutte le altre fonti di informazione. Un pericolo molto poco virtuale visto la situazione drammatica che continua a vivere il Myanmar.

Tanto da costringere la pur ‘disattenta’ Facobook, nell’ottobre 2020, a chiudere una serie di pagine e gruppi organizzati in clickbait.


Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: