Etiopia, massacri nel Tigrai: civili e preti orrendamente trucidati

Le conferme dei testimoni dei massacri: trenta sacerdoti uccisi dai soldati in chiesa a Irob a gennaio. Quasi duecento persone, tra loro donne e bimbi, morte nei bombardamenti. Le testimonianze degli orrori. Nella foto di copertina una giovane donna tigrina sfollata a Qadarif, in Sudan.

100 giorni di buio sulla guerra a nascondere cosa?

«I racconti dell’orrore della guerra-ombra del Tigrai squarciano il buio che li ha avvolti in questi 100 giorni esatti di blackout informativo e di isolamento», segnala Paolo Lambruschi su Avvenire. E molti testimoni confermano o crimini di guerra e le atrocità denunciate sui social o sussurrato al telefono da giornalisti, attivisti e operatori umanitari. «Confermati i massacri di civili – anziani, donne e bambini compresi – e di religiosi copti».

Complicità etiope ai massacri eritrei

Stupri di massa, uccisioni e deportazioni forzate in Eritrea dei rifugiati eritrei dei campi di Hitsats e Shimelba, distrutti e che il governo di Addis Abeba ha dichiarato di non voler più riaprire e vietati all’ Onu. «Inequivocabili le notizie forniteci da fonti cattoliche, che non citiamo per ragioni di sicurezza – scrive il quotidiano dei vescovi italiani – . Ad Irob, piana semidesertica confinante con la regione Afar e l’Eritrea, sono stati uccisi solo a gennaio 30 preti copti ortodossi che pregavano in chiesa. A Wukro, Adigrat e Kobo mancano cibo e medicinali».
La saga degli orrori

«Meglio uccidere le donne del Tigrai perché domani partoriranno i woyane» (la formazione separatista), avrebbero detto i militari eritrei a chi chiedeva il perché di tanto odio.

Le mogli dei Woyane 

Alla fine di gennaio, sempre a Irob, etiopi ed eritrei hanno ucciso 50 «mogli dei Woyane». Uccisioni di giovanissimi sotto gli occhi dei genitori, cento solo a Irob, e le frequenti violenze sessuali su donne e ragazze anche davanti ai mariti, spesso seguite dalla spietata uccisione delle vittime.
Venerdì per la prima volta il governo etiope, con un tweet della ministra delle donne Filsan Abdullahi Ahmed, ha ammesso che una task force governativa «purtroppo ha stabilito che le violenze sessuali hanno avuto luogo con certezza e senza alcun dubbio».

Gli Shabia eritrei 

Molte donne sostengono di essere state violentate dalle forze eritree, gli shabia, soldati in sandali di plastica che avrebbe ricevuto l’ordine di eliminare anche i maschi tigrini sopra i sei anni proibendone la sepoltura. Circostanziata l’accusa di ‘Human Rights Watch’ alle truppe federali e a quelle eritree: a novembre avrebbero bombardato scuole, ospedali, chiese e mercati di Humera, Macallè e Scire uccidendo 187 civili tra cui donne e bambini e ferendone oltre 300.

Contro i simboli religiosi

Non sono stati risparmiati i simboli religiosi. Testimoni parlano della chiesa ortodossa di Sant’Amanuel nel villaggio di Negash, in cima a una montagna, bombardata il 23 e 24 novembre da tank e artiglieria pesante di Isaias Afewerki.

Saccheggiate missioni e conventi cattolici, religiosi e religiose sono stati rapinati persino dei crocifissi portati al collo. Sul banco degli imputati l’esercito federale e soprattutto gli alleati eritrei. La loro presenza, negata dal regime di Asmara e dal governo etiope (ma ammessa da autorità locali e da comandanti federali, precisa Avvenire).
Nei giorni scorsi, Usa e Ue hanno chiesto all’Eritrea il ritiro immediato dei soldati, colpevoli di violenze indicibili, e l’istituzione di una commissione d’inchiesta indipendente che dovrà affrontare anche il dramma dei rifugiati eritrei deportati, probabilmente 10 mila.

Il presidente poco Nobel di Adis Abeba

Per la prima volta il governo di Addis Abeba riconosce le violenze sessuali avvenute nella zona dei combattimenti. L’Alto commissario Onu per i rifugiati Filippo Grandi ha denunciato la scomparsa di 20 mila rifugiati eritrei sui 96 mila sotto protezione etiope in quattro campi nel Tigrai. Shimelba, campo di 8.500 eritrei di etnia Cunama, è stato distrutto ai primi di gennaio. Fucilati i capi tigrini. Ma quando il 5 gennaio sono tornati gli eritrei, l’esercito di Isaias ha iniziato a incendiare tutto e a uccidere anche donne e bambini.

La sorte dei deportati

Che sorte è toccata in Eritrea ai deportati? La sequenza degli orrori dalle testimonianza raccolte da Paolo Lambruschi continua.
I rifugiati Cunama sono prigionieri in campi di accoglienza in attesa che passi il Covid o passino loro, denutriti da settimane. Il regime vuole spedire i giovani nei campi di addestramento per il servizio di leva a vita dal quale erano fuggiti. Gli altri, finita la pandemia, torneranno nei villaggi. Sperando esistano ancora, denuncia la Caritas Italiana che, con quella eritrea, sta raccogliendo aiuti di sopravvivenza.

Kit di sopravvivenza: semi e animali alle famiglie sfollate che hanno perso tutto.

Covid, locuste, alluvioni, siccità, e conflitti: tutto fa malnutrizione in Etiopia

L’emergenza alimentare in tutta l’Etiopia segnalata da Marinella Correggia sul Manifesto.
Nel 2020 l’Etiopia-oltre alla guerra- le ha viste tutte: effetti collaterali della crisi sanitaria Covid, locuste, alluvioni, siccità. Dal giugno 2020 in poi molte regioni sono state devastate dalle locuste, giunte in piena stagione del raccolto, distruggendolo. Nello stesso periodo gravi inondazioni hanno colpito in particolare le regioni Ahmara e Oromia, provocando altri danni all’agricoltura, morti di animali, distruzioni delle infrastrutture e spostamento di molte famiglie

TagsEtiopiamassacriTigrai

Leggi anche:

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

One thought on “Etiopia, massacri nel Tigrai: civili e preti orrendamente trucidati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

gtag('config', 'GTM-K2KB4MR', { 'send_page_view': false });
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: