Economist

***di Massimo Marnetto, 15 gennaio 2022

Ingerenza elogiativa: potremmo chiamare così il consenso espresso dall’Economist per l’Italia, ma soprattutto per Draghi. Che il quotidiano della finanza non fa mistero di volere ancora al comando del Governo, in quanto ”competente e rispettato a livello internazionale’‘. L’elogio finisce con una considerazione che sa di ammonimento: se Draghi dovesse lasciare il Governo per il Quirinale, il giudizio sull’Italia cambierebbe. 

La traduzione è semplice: non vi azzardate a spostare Draghi o vi ammazziamo di spread. Bisogna dire che quando il potere della finanza vuole mandare un ”pizzino” sa scegliere parole di opprimente ammirazione. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: