Diritto e carità

***di Massimo Marnetto, 17 giugno 2021 – La povertà è anticostituzionale. Se c’è – e addirittura aumenta come ha certificato l’Istat – vuol dire che la Carta non è interamente applicata. L’articolo 38 parla chiaro:“Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale.” 

L’innovazione di queste poche parole è immensa. Si passa dal povero senza dignità affidato alla carità del ricco, al rispetto del diritto di ogni persona senza lavoro di poter risolvere i propri bisogni essenziali. “Vivere” – senza dover suscitare pietà.

La destra “compassionevole” ha nascosto dietro un divano questo precetto, ritornando così al vecchio principio ottocentesco che il povero è solo un pigro che non va assecondato.  Una teoria-crema che deterge i doveri fiscali, conserva elasticità alla coscienza e toglie quei brutti punti neri di senso di colpa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: