Crimea, quasi battaglia navale Gran Bretagna-Russia: Mosca spara Londra nega

da Remocontro, 24 giugno 2021

Tensione in Crimea. Il cacciatorpediniere britannico “Hms Defender” in navigazione al largo della Crimea, nel Mar Nero, avrebbe violato le acque territoriali russe e ignorato i ripetuti avvertimenti guadagnandosi colpi di cannone di avvertimento e persino due bombe aeree nel mare vicino a prora. Mosca denuncia, Londra ribatte: “Quella è Ucraina”, ma – cosa più strana – nega di aver subito colpi di avvertimento russi. ‘Semplici esercitazioni navali’.
Poi scopri che nel Mar Nero stanno per partire esercitazioni militari organizzate da Ucraina e Stati Uniti, ‘Sea Breeze 2021’, con la partecipazione di 5mila militari, 32 unità navali e 40 aerei. Appuntamento di 12 giorni con 32 Paesi, non solo Nato.

Il giallo dei colpi di avvertimento russi contro la nave inglese

Secondo quanto denunciato dal ministero della Difesa russo, i colpi di artiglieria sarebbero stati esplosi dopo che la nave inglese ha ignorato il richiamo contro l’intrusione nelle acque territoriali russe per 3 chilometri. Sempre secondo quanto riferisce Mosca, un suo bombardiere Su-24 ha anche sganciato delle bombe davanti alla nave britannica per convincerla a cambiare percorso. Mosca ha dunque chiesto a Londra di «indagare sulle azioni dell’equipaggio della nave».

Vero giallo, chi racconta frottole e perché

Versione di Londra. Il cacciatorpediniere britannico che, versione di Mosca, avrebbe violato le acque territoriali russe nel Mar Nero, zona di Capo Fiolent (a conferma che era molto a ridosso della costa), prima conferma l’imbarcazione della Royal Navy «stava effettuando un innocente passaggio attraverso le acque territoriali ucraine nel rispetto del diritto internazionale» – e qui è polemica politica su di chi è la Crimea -. Ma poi nega che una motovedetta russa e un jet Su-24 avrebbero sparato colpi di avvertimento contro il cacciatorpediniere britannico.

Orgoglio e pregiudizio

Per Londra la Crimea è ancora Ucraina e fin qui è provocazione politica comprensibile. Più difficile capire il perché vantare o negare una sfida molto pericolosa a bombe e cannonate, sia pure di solo avvertimento. Nella dichiarazione abbastanza confusa di Londra, a più riprese, si fa anche cenno a «manovre militari in corso nella stessa zona del Mar Nero da parte delle forze russe, come comunicato alla comunità marittima da Mosca». Ed ecco che quei colpi negati attorno al Defender, rispuntano sotto altra veste: «potrebbero avere a che fare con tiri di esercitazione sparati in quell’ambito».

Manovre militari contrapposte

Poi, guardandoti un po’ più attentamente attorno, scopri che nel Mar Nero è tutto un esibire di muscoli navali. L’unità britannica, che a inizio del mese si era distaccata da un gruppo navale nel Mediterraneo, era arrivata nel Mar Nero per prendere parte a esercitazioni organizzate insieme da Ucraina e Stati Uniti, ‘Sea Breeze 2021’ che prenderanno il via la prossima settimana, con la partecipazione di 5mila militari, 32 unità navali e 40 aerei. Appuntamento di 12 giorni con 32 Paesi, non solo Nato. Provocazione per Mosca che con i colpi negati dal Defender avverte.

Londra nega Kiev protesta

L’Ucraina ovviamente coglie l’occasione per ribadire la sua protesta storica contro la Russia, che sette anni fa occupò la Crimea dopo un contestato referendum nella penisola che determinò la secessione di quel territorio ritenuto storicamente russo. Azione navale (strana) e reazione politica scontata. Il ministro degli Esteri ucraino ha definito l’imprecisato incidente «la prova delle politiche aggressive e provocatorie della Russia nel Mar Nero e ha chiesto l’intervento della Nato». E torna l’obiettivo neppure più nascosto di una futura ammissione dell’Ucraina nella Nato su sollecitazione Usa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: