Cina, Partito-Stato e aziende: liberi di arricchirsi ma tutto sotto controllo

di Michele Marsonet, da Remocontro, 19 luglio 2021

Xi Jinping e il suo gruppo dirigente stanno cambiando strategia nei confronti delle aziende e dei tanti “tycoons” locali. In sostanza, le nuove direttive dicono che tutti possono arricchirsi (anche molto) e che le aziende possono espandersi, tanto all’interno quanto all’estero.
Il leader cinese ha però fatto capire con chiarezza che l’unico e vero centro direzionale del Paese è il Partito comunista e, di conseguenza, nulla può sfuggire al suo controllo. O, ancor meglio, non serve avere in tasca la tessera del Partito per ritenersi estranei alla summenzionata strategia.

‘Alibaba’ di Jack Ma o la ‘Didi Chuxing’

Il caso del fondatore del gigante dell’e-commerce “Alibaba”, Jack Ma, è ormai notissimo. Il miliardario aveva criticato pubblicamente la politica economica e bancaria del governo e, in un batter d’occhio, la sua immensa fortuna è crollata dopo che alcune operazioni in Borsa delle sue aziende sono state bloccate da Pechino.
Tutto ciò nonostante Jack Ma vantasse rapporti di amicizia personali con Xi. Il tycoon è poi ricomparso brevemente in pubblico, ma solo per fare autocritica e per ammettere di aver sbagliato. Il che significa che la sua potenza finanziaria vale solo quando è coperta dall’imprimatur del Partito.
Altro caso eclatante è quello di “Didi Chuxing”, un’enorme azienda di trasporti per molti versi simile a “Uber” diffusa nel mondo occidentale. Stiamo parlando di un colosso che vale 5,5 miliardi di dollari. I manager dell’azienda hanno deciso di quotarla alla Borsa di New York, ma il governo cinese ha affossato in men che non si dica la grande operazione finanziaria, rimuovendo la sua applicazione da Internet.

Su Wall Street vince il Partito-Stato

Vicende simili hanno toccato altri colossi. Per esempio “Houchebang”, un’altra sorta di “Uber” per il noleggio dei camion, “Boss Haiping”, piattaforma per il reclutamento del personale, e “Yunmanman”, grande piattaforma che si occupa di logistica.
Tutte queste aziende hanno cercato di quotarsi a Wall Street, ma hanno dovuto subito rinunciare di fronte al veto posto dal Partito/Stato. Il quale ha voluto così ribadire con forza di essere l’unica entità, nella Repubblica Popolare, autorizzata ad elaborare strategie e ad assumere decisioni.

Dopo le liberalizzazioni l’allineamento

Non vi possono essere concorrenti di sorta poiché, come ha reiterato Xi Jinping, ciò che importa a Pechino è l’allineamento reale – e non solo teorico – degli interessi delle imprese con quelli dello Stato e del Partito. In questo senso, a Xi e al suo gruppo dirigente non interessano le perdite subite dalle aziende dopo il fallimento della loro quotazione in Borsa. Essenziale è soltanto il suddetto allineamento delle loro azioni con quelle dello Stato e del Partito che lo governa sin dal 1949.
Il clima, nella Repubblica Popolare, è dunque assai cambiato. Dopo le grandi liberalizzazioni autorizzate da Deng Xiaoping al termine dell’era maoista, ora si torna a un centralismo molto rigido, uno degli obiettivi principali che Xi Jinping ha in mente dopo aver sconfitto tutti i suoi nemici interni e aver assunto i tratti di leader assoluto.

Xi maoista tra impresa e controllo

Con la politica del tutto sotto controllo, ora tocca all’economia e alla finanza. Si tratta di una logica dirigista che rammenta, almeno sotto alcuni aspetti, quella in auge ai tempi di Mao Zedong. E non è certo un caso che Xi si presenti spesso in pubblico con lo stesso abbigliamento del “Grande timoniere”. Del resto ha ribadito più volte di considerarsi, per l’appunto, “il nuovo Mao”.

Resta da capire sino a che punto la strategia funzionerà. Quella di Mao era infatti una nazione prevalentemente agricola. La Cina di oggi contende agli Usa il ruolo di potenza globale, e il suo impressionante sviluppo economico si deve anche al fatto che le riforme di Deng Xiaoping hanno consentito di liberare lo spirito imprenditoriale e mercantile, che caratterizza i cinesi sin dagli inizi della loro storia plurimillenaria.

Pubblicato da nandocan

Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio il fondatore e direttore della rivista, padre Ernesto Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7”, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, con questo blog e altri siti Internet. Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. Nel 2008 mi ero deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. Nel 2015 ho capito come molti altri che non c’era niente da fare, Matteo Renzi lo stava portando a destra, in direzione opposta alla mia. Ma oggi, anche senza un partito nella lunga e forse inutile attesa di una sinistra unita, continuo a occuparmi di politica, naturalmente. Figli e nipoti vivono e lavorano all’estero. Nel maggio 2021 avrò 85 anni. Vi terrò aggiornati.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: