Che c’entra l’arte di Maria Lai con l’archistar?

di Antonio Cipriani, da Remocontro, 20 giugno 2021

Leggo con sorpresa, e con un certo fastidio, di un progetto, a Ulassai nella Stazione dell’Arte, che lega la figura di una delle più grandi e pure artiste italiane, Maria Lai, con il lavoro professionale di un’archistar come Stefano Boeri. Sii albero, il titolo del sorprendente progetto espositivo.

Da una parte l’arte sovversiva di Maria Lai, le sue leggende dolci e arcaiche, la sua performance collettiva del legarsi alla montagna il paese, il rurale visionario tenere per mano il sole che tanto ha fatto sognare e gioire. Un lavoro scavato tra le pieghe di una società dura e tesa a omologare, a rendere ogni aspetto poetico un’astrazione priva di bellezza, legata all’idea di mercato e mai stretta alla terra, alle origini, a quella tradizione potente che si genera guardando al passato dal presente, che ne recupera frammenti vitali per liberare l’animo umano dalla schiavitù.

Dall’altra parte Boeri. Usando parole lasciate a spiegazione, per giustificare questo strano rapporto: “…simbolo di questa rinnovata visione del vivere circondati dal verde, da cui trae ispirazione lo stesso Bosco Verticale…”. Il Bosco Verticale a Milano, l’opera più nota dell’archistar: due palazzi di cemento tirati su al posto di un giardino, decorati con alberi costosi di varie specie, curati a costi altissimi da giardinieri acrobati che si calano dal tetto. Dentro lo strano bosco fighetto appartamenti di superlusso per i Vip milanesi, con tanto di affaccio su un parco privato vigilato da guardie.

Leggo: “… proprio qui (a Ulassai, ndr) si ricongiunge idealmente e concettualmente (il Bosco verticale di cui sopra, ndr) con la natura e le sue radici”. 

Sarò prevenuto, ma non vedo radici di cemento utili per la nostra sorte. Sarò miope, ma non vedo rapporto tra l’arte pura e necessariamente sovversiva di Maria Lai (averla conosciuta è stato un dono) e il greenwashing per super ricchi dell’archistar.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: