Quel muro (00:59)

“Quel muro” di cui parla questa breve video poesia (00:59) ognuno lo interpreti come vuole. Forse la fine, forse il mistero dell’esistenza o dell’universo che ci circonda.

Amo l’estate che non è più estate (00:52)

Amo l’estate che non è più estate, l’ombra vasta di un pino secolare, l’azzurro cupo nell’acqua tranquilla di una grotta nascosta in riva al mare. il pianto di una tortora al mattino, una pace improvvisa di cicale, il ciabattare allegro di un bambino con il secchiello in mano verso il mare. Al tramonto i bagnantiContinua a leggere “Amo l’estate che non è più estate (00:52)”

Πάντα Ρεί (01:33)

Tutto scorre, la Verità non c’è, l’Aldilà non esiste, la vita eterna è questa in cui viviamo. Tutto scorre ma niente va perduto.

Tutto ma niente (00:37)

Ho tutto ma niente se non la poesia di versi giocati sul niente, se non seguitare un torrente di antichi e di nuovi pensieri, né falsi né veri, raccolti e perduti per via, soltanto cantare la vita che schiuma e rimbalza, infinita, da un’acqua sorgente al suo paradiso di niente. 24 maggio 2020

Con fusione (00:57)

(video poesia)

Sorella aria (00:54)

Laudata sia Natura per il dono che fa dell’aria pura. L’aria che vivo, l’aria che respiro, il primo dono avuto con la vita, l’ultimo che godrò quand’è finita. Respiro dunque sono nel profumo e nel suono quando dal petto vibra la mia  voce o nell’udito mi sorprende il tuono. Respiro dunque sono  nel lamento cheContinua a leggere “Sorella aria (00:54)”

Pensare al vento (01:08)

Con i piedi per terra ho camminato tutta la vita e con la testa al vento delle parole che il tempo mi ha dato. Come il cieco si appoggia ad un bastone penso con quelle e la chiamo “ragione” ma è quasi sempre solo un sentimento. La tentazione c’è di rifluire nello spazio confuso delContinua a leggere “Pensare al vento (01:08)”

Ultime foglie (00:24″)

Dalla mia vita guardano smarrite ultime foglie inaridite al sole di un’avventura fatta di parole e di gesti compiuti con le dita sulla tastiera mobile di un sogno e più sorrido e meno mi vergogno 20 febbraio 2020

Meglio fare l’amore (0:48)

“Fai rumore” è il titolo della bella canzone di Diodato che ha trionfato ieri sera al Festival di San Remo. Ma lo spunto per questa videopoesia viene piuttosto dalla straordinaria esibizione, nella seconda serata del Festival, di Roberto Benigni, che commentava  una pagina biblica di duemila anni fa, il Cantico dei Cantici, come “la canzone delleContinua a leggere “Meglio fare l’amore (0:48)”

Camminare l’inverno (00:25″)

Camminare l’inverno e i suoi sentieri, alla nebbia rubando i suoi ricordi, quell’oggi che riappare come ieri, quel sapore di pane che non mordi, sorridendo alla vita che rimane, come col burro ammorbidivi il pane. 31 gennaio 2020

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti