Covid e recessione in America Latina

***di Livio Zanotti, 20 giugno 2020 – Dei quasi 460mila morti di coronavirus contabilizzati ufficialmente dal John Hopkins e registrati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sul nostro pianeta, oltre la metà sono sul continente americano, da un polo all’altro. Centomila in America Latina: Brasile, Messico, Cile, Perù e Bolivia i paesi nell’ordine più colpiti. SonoContinua a leggere “Covid e recessione in America Latina”

Conversione

***di Massimo Marnetto, 12 maggio 2020 – Il Movimento che aveva proclamato la fine della differenza tra destra e sinistra, ora si sta spaccando tra la parte destra e sinistra. Gli appartenenti alla prima, con Di Maio, non vogliono regolarizzare braccianti e badanti per non regalare voti a Salvini; i secondi, con Fico, vogliono inveceContinua a leggere “Conversione”

Regole

  ***di Massimo Marnetto, 13 aprile 2020 – Gli Italiani iniziano a capire il valore delle regole: è questo il cambiamento più eclatante indotto dal Coronavirus. Tranne eccezioni, la gran parte della popolazione ha aderito alla domiciliazione anti-contagio, nonostante giornate spiagge e prati mai così invitanti. Il vantaggio del rispetto della legge è anti-intuitivo, perché implicaContinua a leggere “Regole”

Regole

  ***di Massimo Marnetto, 13 aprile 2020 – Gli Italiani iniziano a capire il valore delle regole: è questo il cambiamento più eclatante indotto dal Coronavirus. Tranne eccezioni, la gran parte della popolazione ha aderito alla domiciliazione anti-contagio, nonostante giornate spiagge e prati mai così invitanti. Il vantaggio del rispetto della legge è anti-intuitivo, perché implicaContinua a leggere “Regole”

Resistenza domiciliare

Due o tre pagine al giorno, dieci minuti di notizie e commenti per ogni tg bastano e avanzano per per raccontare in un giornale tutto quello che è utile e interessante sapere, sia sul virus che sulle sue conseguenze. Per non contribuire alla psicosi di donne, uomini e investitori finanziari, salvaguardando almeno la salute mentaleContinua a leggere “Resistenza domiciliare”

Lavorare da casa è meglio o peggio?

Dal punto di vista del lavoratore, s’intende. Dal punto di vista della collettività, tenendo conto dei benefici per l’ambiente,  la risposta favorevole prevarrebbe forse su quella contraria. Da quello del datore di lavoro, pubblico o privato che sia, si porrebbe certo il problema di un controllo di produttività. Accanto alla tentazione di infierire con leContinua a leggere “Lavorare da casa è meglio o peggio?”

Mercoledì da peoni

Sarei d’accordo con Massimo nell’auspicare un Parlamento “aperto a oltranza”, ma non “magari tutti con le mascherine o persino con tute sigillate bianche” come se fosse una concessione e non invece una condizione per evitare il rischio che rientrando nei loro collegi facilitino la diffusione del contagio su tutta la popolazione. Ciò detto, pur invitandoContinua a leggere “Mercoledì da peoni”

Ritiro

Le misure adottate dal governo, su consiglio degli scienziati, per fermare o almeno rallentare la diffusione del Corona virus hanno ragione di essere e chiedono la collaborazione di tutti. Marnetto, come stamani anche Michele Serra dalla sua “amaca”, invita ad approfittare della sospensione delle lezioni ed altre occasioni di incontro per imparare ad apprezzare ilContinua a leggere “Ritiro”

Capisco

282 i casi finora accertati dall’Istituto Superiore di Sanità. 650 quelli accertati con i tamponi faringei dalla Protezione Civile. Può darsi che l’ISS sia in leggero ritardo con le validazioni ma la distanza fra le cifre è enorme. L’utilizzo inappropriato dei tamponi per la diagnosi avrebbe fatto la differenza. Certo è che il protagonismo diContinua a leggere “Capisco”

Europa senza futuro

Roma, 26 febbraio 2020 – Non lo dico io, lo scrive Romano Prodi nell’editoriale del Messaggero di oggi, commentando il mancato accordo sull’aumento dello 0,74% del bilancio UE che pure sarebbe stato “del tutto inadeguato rispetto alle nostre minime esigenze”. A porre il veto, “con il tacito appoggio della Germania”, Austria, Olanda, Danimarca e Svezia.Continua a leggere “Europa senza futuro”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti