gtag('config', 'UA-169638278-1');

Beirut e Hiroshima

La pandemia ha costretto gli abitanti del pianeta a cambiare talvolta radicalmente le condizioni e i modi di vivere. Ma siamo ancora seduti su una polveriera che esplodendo causerebbe danni infinitamente più gravi alle nostre esistenze. E il disarmo è il solo vaccino possibile. (nandocan) *** di Massimo Marnetto, 6 agosto 2020 – La concomitanzaContinua a leggere “Beirut e Hiroshima”

Più migranti dalla Tunisia della crisi economica che dalla Libia della guerra

***da Remocontro – 28 luglio 2020 Più migranti ora dalla Tunisia che dalla Libia, e da quelle coste sono due ore di gommone per arrivare a Lampedusa. La ministra degli interni Lamorgese a Tunisi dal presidente Saied. l’Italia chiederà all’Ue investimenti nel paese per fermare la crisi economica innescata dalla pandemia. lo stato nordafricano èContinua a leggere “Più migranti dalla Tunisia della crisi economica che dalla Libia della guerra”

Genocidio in Brasile

«In Brasile è in atto un genocidio!»: un appello alla comunità internazionale ***di Frei Betto, 25 luglio 2020 – In Brasile è in corso un genocidio! Al momento in cui scrivo, 16/7, Covid-19, che è emerso qui nel febbraio di quest’anno, ha già ucciso 76.000 persone.  Ci sono già quasi 2 milioni di infetti.  EntroContinua a leggere “Genocidio in Brasile”

La progressività non è un mito

***di Massimo Marnetto, 23 luglio 2020 – “Nella riformulazione delle imposte sulle persone fisiche si dovrebbe abbandonare il mito della progressività a scopi redistributivi: meglio redistribuire con il welfare e gli investimenti pubblici, favorendo efficienza e semplicità del sistema tributario”. Lo ha scritto Alessandro Penati, opinionista di lungo corso su Il Sole24Ore.  Io non sono d’accordo.Continua a leggere “La progressività non è un mito”

La progressività non è un mito

***di Massimo Marnetto, 23 luglio 2020 – “Nella riformulazione delle imposte sulle persone fisiche si dovrebbe abbandonare il mito della progressività a scopi redistributivi: meglio redistribuire con il welfare e gli investimenti pubblici, favorendo efficienza e semplicità del sistema tributario”. Lo ha scritto Alessandro Penati, opinionista di lungo corso su Il Sole24Ore.  Io non sono d’accordo.Continua a leggere “La progressività non è un mito”

Berlusconi ma davvero?

Carlo De Benedetti, editore storico di Repubblica, che dichiara di preferire Berlusconi a Conte. “Non è un tabù”, si era già fatto scappare Romano Prodi a proposito di una eventuale collaborazione di Forza Italia al governo. “E’ solo solidarietà geriatrica o c’è dell’altro?” si chiede Massimo Marnetto. Ma i commenti sopravvissuti a un buon accordoContinua a leggere “Berlusconi ma davvero?”

Autostrade, guadagno privato e interesse pubblico

Sproporzione nella concessione delle autostrade all’ASPI tra la tutela del guadagno privato e quella dell’interesse pubblico. Un emendamento Prodi alla legge di Berlusconi smontato da Salvini. Ogni imprenditore specula se non trova limite nella norma. la tutela del lucro dei privati ***di Massimo Marnetto, 11 luglio 2020 – Più si entra nelle pieghe del contrattoContinua a leggere “Autostrade, guadagno privato e interesse pubblico”

La lezione di Morricone

“Una colonna sonora non è una pezzo autonomo, ma deve infilarsi tra le immagini come un soffio sulla brace, che le accende ancora di più”. La risposta di Morricone a Marnetto mi fa venire in mente, per analogia, un’antica polemica con i colleghi televisivi, spesso noti e bravi giornalisti della carta stampata, che scrivevano testiContinua a leggere “La lezione di Morricone”

Meno auto più bici

Piacerebbe anche a me credere, come l’amico Massimo Marnetto, che il minor uso delle auto in questo periodo rappresenti un amore tradito più che un provvisorio distacco dovuto al lavoro a domicilio o alla scarsa disponibilità di denaro. Ma è possibile ed auspicabile che la diffusione della bicicletta e soprattutto di mezzi pubblici più efficientiContinua a leggere “Meno auto più bici”