Presente remoto

Liquidamente vado alla deriva di memorie disciolte in un lago di sogni. Quieto il respiro mi accompagna amico nel presente remoto. Affondo la mia testa nel cuscino e ritorno bambino. 8 febbraio 2018

Libertà vigilata

Libertà mia tradita e immaginaria che mi esortavi  a prendere la croce perché perdessi il sonno e la mia voce per costruire i tuoi castelli in aria, sarà per te che non ascolto il canto di sirene che invitano al piacere e corro avanti senza mai vedere le belle cose che mi stanno accanto. LeContinua a leggere “Libertà vigilata”