Querele temerarie. “Pronti a tornare in piazza!

Questa mattina alle 12 appuntamento nella sede romana della FNSI in Corso Vittorio Emanuele per un altro convegno  di denuncia promosso da articolo21 per l’inerzia del parlamento sull’esame delle proposte di legge per abolire il carcere per i giornalisti, dal 2001 sempre accantonate, così come  quelle contro le “querele temerarie” che condizionano pesantemente la libertàContinua a leggere “Querele temerarie. “Pronti a tornare in piazza!”

Giornalisti e puttane

Roma, 12 dicembre 2018 – Credo che ci sarò anch’io domani alla manifestazione indetta da Fnsi e Ordine dei giornalisti a Roma in Piazza SS Apostoli. Ci sarò con la speranza di trovare molti cittadini. Il giornalismo può essere cane da guardia o da salotto, sta a loro riconoscere il primo dal secondo, sostenendo nelleContinua a leggere “Giornalisti e puttane”

Le sfide di Carlo Verna, neo presidente Odg

***di Paolo Borrometi, 29 ottobre 2017* –  “Il Giornalismo ha una funzione sociale estremamente rilevante per il Paese e per la qualità della vita degli italiani. Ci sono temi prioritari: in primis difendere i giornalisti, tutti hanno diritto a vivere senza il peso delle minacce, ma quando si minaccia un giornalista si minaccia lo Stato, laContinua a leggere “Le sfide di Carlo Verna, neo presidente Odg”

Staino, Gramsci e l’Unità

I colleghi del giornale fondato da Antonio Gramsci hanno sempre avuto la mia solidarietà in questi anni (decenni?) di traversie e continueranno ad averla. Ma sono certo che da tempo abbiano dovuto prendere atto che l’Unità non è (o meglio non era ) un giornale come gli altri. Era un giornale di sinistra e haContinua a leggere “Staino, Gramsci e l’Unità”

Il giornalismo d’inchiesta, il Premio Morrione e la Rai

*** di Andrea Melodia, 5 marzo 201* – Tra le tante cause della crisi della professione giornalistica un ruolo particolare va riservato alla difficoltà estrema e ormai globalmente diffusa che si incontra nel realizzare inchieste in modo libero e efficiente… Non sono solo i pericoli oggettivi – dalla possibile offesa diretta, nelle varie forme di gravità, finoContinua a leggere “Il giornalismo d’inchiesta, il Premio Morrione e la Rai”

Il giornalismo d’inchiesta, il Premio Morrione e la Rai

*** di Andrea Melodia, 5 marzo 201* – Tra le tante cause della crisi della professione giornalistica un ruolo particolare va riservato alla difficoltà estrema e ormai globalmente diffusa che si incontra nel realizzare inchieste in modo libero e efficiente… Non sono solo i pericoli oggettivi – dalla possibile offesa diretta, nelle varie forme di gravità, finoContinua a leggere “Il giornalismo d’inchiesta, il Premio Morrione e la Rai”

Due giornalisti su tre guadagnano meno di mille euro al mese

Roma, 6 febbraio 2017 – Due giornalisti su tre non hanno un lavoro stabile in redazione e guadagnano in media (dati che si riferiscono al 2015) la generosa paga di 11.241 euro all’anno, meno di un quinto rispetto alla media dei loro colleghi dipendenti. Poco più di un giornalista autonomo su 2 (il 54,3%) denunciaContinua a leggere “Due giornalisti su tre guadagnano meno di mille euro al mese”

Ilfattoquotidiano.it chiede scusa. “Gravemente negligente sul caso di Tiziana Cantone”

Mi piacerebbe che il rammarico di Peter Gomez per la parte avuta nel gonfiare il caso Cantone avesse un seguito tra quanti credono di potersi permettere più facilmente in internet un’assenza di scrupoli comune purtroppo a tanta carta stampata. Una mancanza di senso di responsabilità che è poi difficile rimproverare al vasto popolo degli “webeti”, come liContinua a leggere “Ilfattoquotidiano.it chiede scusa. “Gravemente negligente sul caso di Tiziana Cantone””

Diffamazione: “no all’inasprimento delle pene per i cronisti”. Il 1° giugno in Fnsi

“Eccessivo intravedere, in questo svarione legislativo, la volontà di introdurre scientemente un ulteriore “bavaglio” alla stampa”. Molto opportunamente articolo 21 ha precisato ieri in un commento di Giulio Vasaturo che l’allarme per la norma approvata in commissione giustizia al Senato non è dovuto al disegno di legge Lo Moro che “fornisce nuovi strumenti di tutela per quantiContinua a leggere “Diffamazione: “no all’inasprimento delle pene per i cronisti”. Il 1° giugno in Fnsi”

Tra i partigiani del Sì e quelli del No

La FNSI e il suo presidente Giulietti fanno bene a sollecitare l’attenzione della commissione parlamentare al rispetto delle pari opportunità per le motivazioni del SI e del NO al referendum di ottobre. Ma sappiamo tutti bene che l’equità in questi casi non è questione di minutaggio. Ci sono mille altri modi per favorire, volendo, unaContinua a leggere “Tra i partigiani del Sì e quelli del No”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti